venerdì 12 agosto 2022 ore 05:10   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
mercoledì 6 luglio 2022
di Claudio Fontanini
Io e Spotty
L’incontro di due anime fragili nel bel film di Cosimo Gomez
L’amore è quel delicato processo attraverso il quale ti accompagno all’incontro con te stesso. Aperto da questa bellissima citazione programmatica di Antoine de Saint-Exupèry, Io e Spotty di Cosimo Gomez è un piccolo film di anime fragili alla ricerca dell’anima gemella. 

Si comincia con un attacco di panico che colpisce Eva (la magnifica Michela De Rossi), studentessa 25enne fuori sede e in ritardo con gli esami (ma la madre che la finanzia, Paola Minaccioni, non lo sa) e con la vita. 

Insoddisfatta di flirt occasionali e lavoretti occasionali, quella ragazza fuori dal coro- che divide l’appartamento bolognese con la cugina cantante lirica- decide di accettare uno strano impiego da dog sitter. 
E si perché nei panni di Spotty, il cane meticcio che dovrà accudire per qualche ora al giorno, c’è un 27enne introverso e incapace di relazionarsi col mondo. 

Lead-animator presso una società che produce cartoon per bambini, Matteo (il Filippo Scotti di E’ stata la mano di Dio) indossando quella tuta di pelo esorcizza il malessere che lo divora. E provando in quel gioco infantile un senso di libertà che lo allontana dall’ordinarietà soffocante. Improbabile? Surreale? Tutt’altro. 

Col film di Gomez (all’opera seconda cinque anni dopo Brutti e cattivi) che trae spunto da un documentario inglese sugli human pups (solo in UK se ne contano 10.000 e c’è chi ha pagato 15.000 $ per un costume da collie) e punta forte su un realismo capace di distillare emozioni autentiche e sguardi che aprono e avvicinano mondi inesplorati. 

Presentato in concorso al 68mo Taormina Film Fest e vincitore del premio della giuria popolare, Io e Spotty è un invito alla creatività e al sentire comune, un inno alla vicinanza spirituale che i tempi di distanziamento sociale (la forma espressiva più brutta del secolo) hanno soltanto acuito. 

Originale e mai retorico, stralunato e commovente, il nuovo film di Gomez- prodotto da Carlo Macchitella, Manetti bros e Pier Giorgio Bellocchio- ha il coraggio di mettere in mostra la diversità nella quale follia fa rima con pietà e consapevolezza di se stessi. Perché vivere in un altro mondo è ancora possibile. Magari sfilandosi definitivamente un costume per scoprirsi uguali e meno soli.   

   
In sala dal 7 luglio distribuito da Adler Entertainment   

Links correlati
http://www.adlerenrertaiment.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
11-7
Cinema
X- A SEXY HORROR STORY
di Claudio Fontanini
5-7
Cinema
THOR: LOVE AND THUNDER
di Claudio Fontanini
1-7
Cinema
Una boccata d’aria
di Claudio Fontanini
28-6
Cinema
LA MIA OMBRA E’ TUA
di Claudio Fontanini
21-6
Cinema
La ragazza ha volato
di Claudio Fontanini
20-6
Cinema
I giovani amanti
di Claudio Fontanini
18-6
Cinema
ELVIS
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma