lunedì 20 maggio 2024 ore 11:11   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 1 aprile 2024
di Claudio Fontanini
TATAMI
Sport e politica nel film che omaggia le atlete iraniane costrette a lasciare il Paese
Il primo lungometraggio co-diretto da una regista iraniana e un regista israeliano è un thriller sportivo che esalta il gesto atletico e allontana la politica dalla pratica agonistica. Passato all’ultima Mostra del cinema di Venezia e ispirato alle tante atlete iraniane che hanno rischiato la vita per gareggiare e sono state costrette a lasciare il paese
Il primo lungometraggio co-diretto da una regista iraniana e un regista israeliano è un thriller sportivo che esalta il gesto atletico e allontana la politica dalla pratica agonistica. 

Passato all’ultima Mostra del cinema di Venezia nella sezione Orizzonti e ispirato alle tante atlete iraniane che hanno rischiato la vita per gareggiare e sono state costrette a lasciare il paese, Tatami di Guy Nattiv (Oscar nel 2019 per il cortometraggio Skin) e Zar Amir (miglior attrice a Cannes 2022 per Holy Spider e qui nei panni dell’allenatrice della judoka) mette in scena le gare di judo e l’oscuro dietro le quinte politico di Federazione e Guida suprema iraniana che ordinano il ritiro di quell’atleta che potrebbe incontrare un’avversaria israeliana sul suo cammino verso l’oro. 

Ed ecco Leila (Arienne Mandi) e la sua allenatrice Maryam (Zar Amir) alle prese con una scelta impossibile: continuare la strada verso il successo ai mondiali di Tbilisi o sottostare alle  minacce che arrivano dall’Iran e che coinvolgono i familiari rimasti in patria? Meglio provare ad essere donne libere o essere bollate come traditrici dello Stato? 

Il linguaggio del corpo e quello dell’anima si stagliano nel bellissimo bianco e nero di Todd Martin (l’ispirazione a Toro scatenato è sin troppo evidente) e nel formato ridotto che esalta la potenza dei combattimenti sul tatami e la sensazione claustrofobica che attanaglia le due protagoniste

Tra flash back familiari di vita vissuta e 30 grammi da perdere in 20’ prima del combattimento, testate allo specchio e protocolli da non violare (Deve essere lei a chiedere aiuto dice l’ispettore delle gare che fiuta le minacce ma non può intervenire), obblighi morali (Meglio l’esilio che l’ipocrisia) e il passato che ritorna (l’allenatrice si rivede nella sua atleta) Tatami è un film muscolare ed avvincente (bel montaggio di Yuval Orr) che fa dell’arte e della pacificazione culturale il suo manifesto di libertà

Magari il tutto è un po’ schematico e telefonato ma quel doppio viaggio in pullman che apre e chiude il film è la perfetta metafora di un percorso che non può mai estirpare le proprie radici.       




In sala dal 4 aprile distribuito da Bim


Links correlati
http://www.bim.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
14-5
Cinema
Una storia nera
di Claudio Fontanini
13-5
Cinema
RITRATTO DI UN AMORE
di Claudio Fontanini
7-5
Cinema
IL GUSTO DELLE COSE
di Claudio Fontanini
30-4
Cinema
Una spiegazione per tutto
di Claudio Fontanini
29-4
Cinema
SEI FRATELLI
di Claudio Fontanini
21-4
Cinema
Confidenza
di Claudio Fontanini
21-4
Cinema
CHALLENGERS
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma