lunedì 20 maggio 2024 ore 12:02   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 15 aprile 2024
di Claudio Fontanini
CATTIVERIE A DOMICILIO
Olivia Colman e Jessie Buckley in gara di bravura tra dispetti e insulti
Una storia più vera di quanto si pensi recita la didascalia iniziale di Cattiverie domicilio, l’irriverente commedia inglese che ha totalizzato un milione di presenze in sole tre settimane di programmazione diventando quella di maggior incasso dal periodo pandemico. Attrici strepitose, gran ritmo, dialoghi perfidi e un sottotesto dolente
Una storia più vera di quanto si pensi recita la didascalia iniziale di Cattiverie domicilio, l’irriverente commedia inglese che ha totalizzato un milione di presenze in sole tre settimane di programmazione diventando quella di maggior incasso dal periodo pandemico. 

Attrici strepitose (per film del genere proibiremmo il doppiaggio italiano), gran ritmo, dialoghi perfidi e un sottotesto dolente fanno del film scritto da Johnny Sweet e diretto dalla regista inglese Thea Sharrock l’ennesima storia di riscatto al femminile (sta diventando un genere a parte) alimentata  da una pungente satira al perbenismo e all’ipocrisia religiosa del tempo. 

Siamo infatti negli anni ’20 a Littlehampton, una cittadina costiera dell’Inghilterra, dove due donne, vicine di casa, si fanno la guerra. Una, Edith Swan (l’immensa Olivia Colman), originaria del posto e figlia conservatrice di un padre autoritario (Timothy Spall) accusa l’altra, Rose Gooding (Jessie Buckley) immigrata irlandese esuberante e anticonvenzionale con figlia a carico, di recapitarle lettere anonime oscene piene d’insulti. 

E’ solo l’inizio di una battaglia senza esclusione di colpi tra dispetti e gelosie, ripicche e inchiostro simpatico, con una poliziotta nera (Anjana Vasan) che indaga sulla vicenda facendosi largo a colpi d’intuizioni femminili in un mondo dominato dagli uomini (Le donne poliziotto non fanno indagini le ordina il suo superiore). 

Tratto da un’incredibile storia vera avvenuta cento anni fa e quanto mai attuale (al posto della carta da lettera oggi gli insulti viaggiano sui social), Cattiverie a domicilio- presentato in anteprima mondiale al Festival di Toronto- mette a confronto due donne apparentemente agli antipodi ma capaci di riconoscersi tra le pieghe di un destino che le renderà complici. 

Tra circoli cristiani e nuove conquiste (il voto alle donne), G maiuscole che firmano condanne, ansia da notorietà e mariti morti in guerra (o forse no), il film della Sharrock riunisce dopo La figlia oscura l’accoppiata Colman-Buckley che regala duetti memorabili e sguardi che valgono il film

Con la Colman che dietro l’aria arrendevole e bonaria nasconde imprevedibili guizzi di follia alla Kathy Bates di Misery non deve morire e la Buckley che incarna alla perfezione lo spirito d’indipendenza femminile che si tramanda alla figlia sotto forma di una chitarra da suonare in libertà. 

In sala dal 18 aprile distribuito da Bim in collabrazione con Lucky Red      


Links correlati
http://www.bim.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
14-5
Cinema
Una storia nera
di Claudio Fontanini
13-5
Cinema
RITRATTO DI UN AMORE
di Claudio Fontanini
7-5
Cinema
IL GUSTO DELLE COSE
di Claudio Fontanini
30-4
Cinema
Una spiegazione per tutto
di Claudio Fontanini
29-4
Cinema
SEI FRATELLI
di Claudio Fontanini
21-4
Cinema
Confidenza
di Claudio Fontanini
21-4
Cinema
CHALLENGERS
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma