martedì 18 giugno 2019 ore 19:04   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 3 giugno 2019
di Claudio Fontanini
JULIET, NAKED
Un viaggio di formazione adulta nel bel film di Peretz tratto dal romanzo di Nick Hornby
Gli adattamenti cinematografici dei romanzi di Nick Hornby sono ormai diventati un vero e proprio genere a se stante. Dopo Febbre a 90°, Alta fedeltà e About a boy, tocca stavolta a Juliet, Naked rimpolpare la bella galleria d’autore di questo prolifico scrittore e sceneggiatore britannico. Divertente e malinconico, pieno di musica e calda umanità il film di Jesse Peretz affronta la riconquista del tempo perduto
Gli adattamenti cinematografici dei romanzi di Nick Hornby sono ormai diventati un vero e proprio genere a se stante. Divertenti e malinconici, pieni di musica e calda umanità, questi film non hanno mai tradito gli spunti originali rivelandosi vincenti al botteghino. 
Dopo Febbre a 90° (1997), Alta fedeltà (2000) e About a boy (2002) tocca stavolta a Juliet, Naked (tratto da Tutta un’altra musica del 2009, edizioni Guanda) rimpolpare la bella galleria d’autore di questo prolifico scrittore e sceneggiatore britannico. 

Diretto da Jesse Peretz (decisivo il suo passato da bassista e fondatore dei Lemonheads, la punk band degli anni ‘80) il film racconta lo strano triangolo ideal-amoroso tra una coppia sposata da 15 anni senza sussulti e un eccentrico fantasma rock che arriverà a rinvigorire e sconvolgere le loro vite. 
Lei (l’amabile Rose Byrne) è l’annoiata direttrice di un museo di una cittadina marittima inglese (l’immaginaria Sand Cliff), lui (Chris O’Dowd) un docente universitario che si occupa di cultura pop e trascorre tutto il suo tempo libero idolatrando il suo vecchio idolo musicale. 

Quel Tucker Crowe (l’ottimo Ethan Hawke) scomparso dalla scena da 25 anni e del quale non si hanno più notizie (c’è chi favoleggia che sia diventato un allevatore di pecore…). E se un bel giorno, grazie ad una chat, quell’eccentrica rock star alternativa si rifacesse viva e iniziasse una relazione- prima virtuale e poi reale- proprio con quella bella moglie insoddisfatta che lo ha sempre odiato? 

Tra vecchi demo che aprono nuovi mondi e occhi di squalo in salamoia, sorelle lesbiche e batterie introvabili (occhio alla sequenza più divertente del film), tradimenti e perdoni, rendez-vous ospedalieri e figli sconosciuti sparsi per il mondo, Juliet, Naked scivola leggero ed elegante per 105’ accompagnato da una magnifica colonna sonora di brani inediti ai quali regala la propria voce lo stesso Ethan Hawke

Una bella commedia romantica che affronta con capacità e misura l’ossessione della riconquista del tempo perso in un viaggio di formazione adulta che cerca di allontanare i rimpianti (la vecchietta che nel sottofinale si rivede giovane in foto e si pente di non aver afferrato l’attimo fuggente) e indirizzare il nuovo corso di una tardiva maturità. Umana ed artistica. 

Affiatati e convincenti, Rose Byrne ed Ethan Hawke regalano spessore ed anima a due personaggi ad alto tasso emotivo dei quali non è difficile innamorarsi a prima vista. Perché anche condividere una canzone non è impresa facile e tra le pieghe delle note può nascondersi una nuova vita a due. 

In sala dal 6 giugno distribuito da Bim     


Links correlati
http://www.bimfilm.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
16-6
Cinema
La prima vacanza non si scorda mai
di Cristina Giovannini
12-6
Cinema
I MORTI NON MUOIONO
di Claudio Fontanini
31-5
Cinema
L’angelo del crimine
di José de Arcangelo
27-5
Cinema
ROCKETMAN
di Claudio Fontanini
24-5
Cinema
Pallottole in libertà
di Cristina Giovannini
24-5
Cinema
Quel giorno d’estate
di Cristina Giovannini
24-5
Cinema
IL TRADITORE
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma