venerdì 24 maggio 2019 ore 00:46   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 6 maggio 2019
di Claudio Fontanini
IL GRANDE SPIRITO
Rubini e Papaleo in fuga sui tetti di Taranto in un western urbano
Due emarginati a strapiombo sul mondo e sulla vita, una storia di amicizia e salvazione, una fabbrica che uccide sullo sfondo. E’ un western urbano coi toni e l’andamento da commedia Il grande spirito, il nuovo film diretto e interpretato da Sergio Rubini e presentato la scorsa settimana al Bif&st di Bari. In un quartiere periferico di Taranto tre rapinatori stanno per entrare in azione. Uno di loro, Tonino detto Barboncino (superbo Rubini) è un cinquantenne
Due emarginati a strapiombo sul mondo e sulla vita, una storia di amicizia e salvazione, una fabbrica che uccide sullo sfondo. E’ un western urbano coi toni e l’andamento da commedia Il grande spirito, il nuovo film diretto e interpretato da Sergio Rubini e presentato la scorsa settimana al Bif&st di Bari

In un quartiere periferico di Taranto tre rapinatori stanno per entrare in azione. Uno di loro, Tonino detto Barboncino (superbo Rubini) è un cinquantenne dall’aria malmessa al quale è negato l’uso della pistola a causa della sua passione per l’alcool. 
Qualcosa andrà storto e sarà proprio questo malvivente dal curriculum non proprio immacolato a sfruttare l’occasione per fuggire con un borsone pieno di 500.000 €. 

Dalla terra al cielo, dalla strada alla terrazza più elevata cercando rifugio in un vecchio lavatoio. Con Rubini in versione Spider man pugliese che troverà conforto e solidarietà in uno strano personaggio che vive fuori dal tempo. Una piuma d’uccello dietro l’orecchio e una fascia rossa in testa, quell’uomo (un ottimo Rocco Papaleo) dice di chiamarsi Cervo Nero e di far parte della tribù dei Sioux. 

Inizia da qui una strana alleanza fatta di visioni e spiritualismo, dialoghi con le stelle e fumi tossici (l’Ilva), praterie incontaminate e città devastate mentre il bottino è nascosto sotto una montagna di pietrisco in un cantiere sottostante e due donne (Ivana Lotito e Bianca Guaccero) non sono quello che sembrano. 

Parla di anime e nuove prospettive, visioni del mondo a confronto e terre sacre da riconquistare il film di Rubini che mette in scena un rivoluzionario controcanto artistico ed umano altalenante per toni ed esiti. Tra bevute di sambuca e pistole senza pallottole (magnifico il dialogo in auto tra i due protagonisti nel sottofinale), bugie salvavita e citazioni da Toro Seduto, battute fulminanti e filosofie di vita (Non si può mangiare il denaro dice quell’eccentrico indiano che ha conosciuto il dolore e combatte ogni giorno la sua guerra agli yankee) Il grande spirito- parlato in pugliese stretto e sottotitolato in italiano nella prima parte- si segnala per la straordinaria sintonia tra Rubini e Papaleo che si scambiano sguardi che valgono più di mille parole. 

Scritto da Rubini con Carla Cavalluzzi e Angelo Pasquini, il film è anche una resa dei conti affettiva e familiare (simile in questo a La terra del 2006) che sconta però, alla fine, un messaggio sin troppo esplicitato. Con quel duello finale sui tetti che indicherà la nuova via a personaggi in cerca di un altrove necessario

Generoso, imperfetto (qualche taglio al montaggio avrebbe giovato al ritmo narrativo) e poco assimilabile all’asfittico panorama cinematografico nostrano, il film di Rubini (qui alla 13ma regia) è un prodotto di ottima fattura capace di regalare sorrisi e riflessioni. Sognando una rivoluzione, culturale e morale, ancora possibile. Magnifiche e di grande atmosfera le musiche firmate da Ludovico Einaudi

In sala dal 9 maggio distribuito da 01    


Links correlati
http://www.01distribution.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
13-5
Cinema
Quando eravamo fratelli
di José deArcangelo
13-5
Cinema
BANGLA
di Claudio Fontanini
6-5
Cinema
Red Joan
di Cristina Giovannini
29-4
Cinema
I FRATELLI SISTERS
di Claudio Fontanini
29-4
Cinema
Stanlio & Ollio
di Claudio Fontanini
23-4
Cinema
Un’altra vita
di Claudio Fontanini
23-4
Cinema
La caduta dell’impero americano
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma