lunedì 22 ottobre 2018 ore 14:06   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
venerdì 31 agosto 2018
di José de Arcangelo
Resta con me
Un’avventura tragica e romantica ispirata da una storia vera
Rischiava di trasformarsi nel consueto dramma sentimentale destinato agli adolescenti, invece Resta con me (Adrift) sul grande schermo diventa un’avventura romantica e al tempo stesso tragica ispirata a una storia vera, raccontata nel libro omonimo della stessa Tami Oldham Ashcraft e Susea McGearhart (edito da Harper Collins Italia), prodotta e diretta dall’islandese Baltasar Kormàkur, regista - tra gli altri - di 101 Reykjavik, The Deep, nomination all’Oscar per il miglior film straniero, ed Everest.

Salpati da Tahiti sotto un paradisiaco cielo stellato, Tami Oldham (Shailene Woodley, già protagonista della trilogia Divergent e Colpa delle stelle) e il suo ragazzo Richard Sharp (Sam Claflin) sono giovani – lei americana ventiquattrenne, lui inglese trentatreenne -, innamorati e sognano un’esistenza di avventure in giro per il mondo. Ma dopo pochi giorni, in pieno Oceano Pacifico, un uragano di proporzioni tanto inaspettate quanto terrificanti si abbatte sulla loro imbarcazione – affidata da una coppia di amici e diretta a San Diego – lasciando Tami priva di sensi.

Al suo risveglio, la giovane trova la barca distrutta e il suo fidanzato ferito, non lontano. Rimasti senza alcun mezzo di comunicazione (libro e film sono ambientati nell’83) e lontana settimane di navigazione dal porto più vicino, Tami deve confrontarsi con una straziante corsa contro il tempo per salvare se stessa e l’unico uomo che abbia mai amato.

Merito di Kormàkur è quello di aver saputo dosare quei 41 giorni di disperata sopravvivenza (alla deriva. come recita il titolo originale) con i flash back che precedono la tragica avventura: dal primo incontro dei due intraprendenti e coraggiosi protagonisti alla nascita del loro amore fuori dal comune.

Quindi, un film che coinvolge ed emoziona lo spettatore, raccontando una storia di sopravvivenza e passione, determinazione e coraggio, avventura e amore, senza eccessi di sorta, ma dando risalto al rapporto uomo e natura (matrigna) e a quello tra uomo e radici (città e famiglia di provenienza). E che riserva una sorpresa da non svelare a chi non ha ancora letto il romanzo, uscito in Italia un mese fa.
Tecnicamente e formalmente ineccepibile, Resta con me vanta – oltre la brava coppia protagonista - la fotografia di Robert Richardson e l’efficace montaggio di John Gilbert. Le musiche originali sono firmate Volker Bertelmann.

Nelle sale italiane dal 29 agosto distribuito da O1 Distribution

Links correlati
http://www.01distribution.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
19-10
Cinema
Il VIZIO DELLA SPERANZA
di Claudio Fontanini
18-10
Cinema
Festa di Roma, al via con un noir da camera
di Claudio Fontanini
15-10
Cinema
Sogno di una notte di mezza età
di Cristina Giovannini
11-10
Cinema
A STAR IS BORN
di Claudio Fontanini
8-10
Cinema
L’apparizione
di Claudio Fontanini
8-10
Cinema
Il complicato mondo di Nathalie
di Cristina Giovannini
6-10
Cinema
Quasi nemici
di José de Arcangelo

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma