sabato 23 settembre 2017 ore 00:19   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
martedì 12 settembre 2017
di Claudio Fontanini
BARRY SEAL
"Una storia americana" è il sottotitolo del film con protagonista un irresistibile Tom Cruise
Pilota aereo della TWA, contrabbandiere di sigari cubani, recluta della CIA sotto copertura, trafficante d’armi per il governo americano e di cocaina per il cartello di Medellin, informatore della DEA. Parabola del sogno americano e incarnazione del self-made man, la vita (vera) di Barry Seal diventa un film firmato da Doug Liman
Pilota aereo della TWA, contrabbandiere di sigari cubani, recluta della CIA sotto copertura, trafficante d’armi per il governo americano e di cocaina per il cartello di Medellin, informatore della DEA. Parabola del sogno americano e incarnazione del self-made man, la vita (vera) di Barry Seal diventa un film firmato da Doug Liman (“The Bourne identity”, “Mr. e Mrs. Smith”) con un magnetico Tom Cruise nei panni dello stravagante protagonista di rocambolesche avventure senza rete.
Ed ecco in scena  l’irresistibile ascesa, sociale e politica, di un uomo sfaccettato e disposto a tutto pur di raggiungere il successo.

Talentuoso aviatore pronto a manovre azzardate e scherzi in cabina di pilotaggio, Barry Seal sfrutterà a meraviglia il culmine della Guerra fredda muovendosi a meraviglia tra faccendieri e intrallazzatori, diplomatici e custodi di segreti. “E’ legale quello che facciamo?” chiede all’inizio il protagonista all’intermediario della CIA che lo contatta. “Se lo fai per i buoni sì…” la risposta che è una sorta di lasciapassare oltre i confini delle regole scritte. “Costruiamo nazioni, la rivoluzione è in agguato…” si sente dire Seal chiamato a fotografare dall’alto i ribelli sandinisti in Nicaragua.

E poi ancora l’incontro con Noriega a Panama, quello con Pablo Escobar e i 2000 dollari al chilo offerti per trasportare cocaina a Miami. E intanto la bella moglie (Sarah Wright) a casa non sa nulla della sua reale attività mentre in giardino fuoriescono valigioni di dollari…
Divertente e mosso nella prima parte, girato con macchina a mano e colorato, il film di Liman sconta alla lunga una certa meccanicità con psicologie ridotte all’osso e la voglia di stupire a furia di eccessi.

Non mancano certo le sequenze azzeccate (l’impossibile decollo dalla pista colombiana nascosta e stretta, l’improvviso trasloco notturno verso l’Arkansas, l’atterraggio di fortuna in un giardino con Cruise sporco di cocaina che acquista al volo la bici di un ragazzo per la fuga) ma siamo lontani, ad esempio, da un film come ”Prova a prendermi” di Spielberg che per certi versi ne ricorda la tipologia.

Storia vera anche lì ma l’abilità da falsario e il camaleontismo del protagonista (Frank W.Abagnale Jr.) venivano trattati dall’autore de “Lo squalo” con venature amare e risvolti inquietanti che purtroppo sono assenti da questo Barry Seal che sembra piuttosto accontentarsi della forma più che della sostanza.    
Nelle sale dal 14 settembre con Distribuzione Universal

Links correlati
http://www.universalpictures.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 










Foto dal Web

Altri articoli di interesse
20-9
Cinema
L’EQUILIBRIO
di Cristina Giovannini
8-9
Cinema
Il colore nascosto delle cose
di Claudio Fontanini
7-9
Cinema
Miss Sloane
di José de Arcangelo
7-9
Cinema
The teacher
di Claudio Fontanini
7-9
Cinema
LA FRATELLANZA
di José de Arcangelo
7-9
Cinema
Baby Driver
di José de Arcangelo
4-9
Cinema
Una famiglia
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma