lunedì 20 maggio 2024 ore 11:46   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Teatro » Recensioni  
giovedì 1 febbraio 2024
di Claudio Fontanini
Niente panico
Paolo Hendel al Vittoria esorcizza le brutture del mondo con una risata
Ridere dei nostri tempi con intelligenza e acutezza riuscendo persino a saltare lo steccato ideologico del politicamente corretto. Riesce in quella che ormai è da definire una vera e propria impresa artistica Paolo Hendel, in scena fino al  4 febbraio al teatro Vittoria con Niente panico

Scritto da Hendel con Marco Vicari, la regia è di Gioele Dix, il nuovo spettacolo del comico toscano intende esorcizzare attraverso il sorriso il momento non proprio esaltante della nostra umanità alle prese con la recessione globale, il clima impazzito e una terza guerra mondiale che è più di una minaccia. 

C’è poco da stare allegri ed Hendel, 72 anni compiuti lo scorso gennaio, mostra per la prima in scena il suo lato malinconico e nostalgico verso un passato che almeno dava l’illusione della speranza in un mondo migliore. 

Si comincia con la constatazione che gli amici di un tempo se ne stanno andando (I numeri dei morti vanno tolti dalla rubrica del cellulare? E se rispondessero lo stesso alla chiamata da morti? In fondo col 5G arriva dappertutto…) e che siamo provvisoriamente vivi, con Hendel che tra pubblico e privato mette in scena ansie e fragilità in direzione ostinata e contraria. 

Ed ecco le manie igienizzanti del post pandemia (con i pranzi di Natale come ricettacolo di batteri e germi) e le previsioni meteo catastrofiche (La sciabolata artica? Ma che arriva Goldrake…), le interviste impossibili di Renzi e i libri di Vannacci, il coming out degli eroi dei fumetti e un accenno al trionfi la giustizia proletaria dalla Locomotiva di Guccini

Con Hendel che fa visita ad un amico ricoverato in un ospedale (Sono 11.000 i morti da infezioni letali ricorda l’attore) nell’attesa che torni a parlare e intanto rievoca il padre esibizionista che girava in calzoncini corti e a torso nudo facendolo vergognare. Magari un giorno finiremo tutti le nostre vite come un fuoco artificiale che esplode in aria senza lasciare tracce ma intanto l’ironia e l’amore sono ancora gli antidoti più efficaci contro il panico

Ce lo ricorda questo monologo riflessivo e divertito che termina con un omaggio commosso all’amico Sergio Staino (Sono il raccattapalle del mio destino ha detto prima di morire lo scorso ottobre dopo 10 mesi di ospedale)  e l’Io ti amo di Stefano Benni (un cavallo di battaglia di Hendel) dal finale irriverente.   


Links correlati
http://www.teatrovittoria.it
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 










Altri articoli di interesse
23-2
Teatro
Pane o libertà
di Claudio Fontanini
23-2
Teatro
Tavola tavola, chiodo chiodo
di Claudio Fontanini
22-2
Teatro
Pour un oui ou pour un non
di Claudio Fontanini
19-11
Teatro
A cuore aperto
di Claudio Fontanini
3-11
Teatro
Le leggi della gravità
di Claudio Fontanini
26-1
Teatro
Si nota all’imbrunire
di Claudio Fontanini
18-10
Teatro
Nodo alla gola
di Cristina Giovannini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma