mercoledì 7 dicembre 2022 ore 01:37   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Teatro » Recensioni  
sabato 19 novembre 2022
di Claudio Fontanini
A cuore aperto
Massimo Wertmuller in un viaggio comico e riflessivo sui vizi e le virtù di Roma
A spasso per Roma con Massimo Wertmuller. In scena fino a domani al Teatro Ghione, l’attore prende per mano lo spettatore accompagnandolo in un viaggio semiserio (si ride tanto ma si riflette amaramente) nei vizi e nelle virtù della Città eterna che diventa pretesto per una nitida fotografia su quello che eravamo e su ciò che siamo diventati

Ed ecco la rappresentazione di una città che da aperta ed accogliente si ritrova menefreghista e indifferente con la poesia della sua bellezza storica associata alla volgarità di una modernità chiassosa ed invadente oltre ogni limite. Testo e regia di Gianni Clementi e musiche di Pino Cangelosi eseguite dal vivo in A cuore aperto Wertmuller (uno degli ultimi eredi di quella romanità colta e popolare di cui si sono perse le tracce) mette in atto la sua dichiarazione di amore e odio verso un modus operandi e uno stile di vita cittadino che rifiuta la leggerezza e l’eleganza nel nome di una mutazione genetica avviata all’involuzione più che al progresso illuminato. 

Ma chi è romano non si scorda mai di essere romano ed ecco che i propositi iniziali di abbandono si addolciscono nello sberleffo e nel ricordo di un tempo che fu (il bacio sul pane secco), arrivando persino alla commozione (quel padre che ritrova il figlio morto sugli spalti dello stadio avvolto in una sciarpa giallorossa) e alla presa di coscienza delle proprie origini. 

Con Wertmuller che scherza coi due musicisti in scena e passa in rassegna gergo romanesco e insulti allargati, tipi e soprannomi, vecchi profumi di dopobarba e modelli pubblicitari imperanti, ideogrammi cinesi, cibi pesanti e romani all’estero (irresistibile il vociare fracassone e lontano che squarcia la bellezza esotica di Tunisi) in un’ora e mezza nella  quale ci si specchia e ci si diverte

E poi ancora Respighi e Giovenale, Pasolini e Gigi Proietti, il Fattaccio e il Barcarolo, Trilussa e Goethe in quello che diventa un manifesto identitario destinato a vecchie e nuove generazioni di romani




T


Links correlati
http://www.teatroghione.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 










Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
3-11
Teatro
Le leggi della gravità
di Claudio Fontanini
26-1
Teatro
Si nota all’imbrunire
di Claudio Fontanini
18-10
Teatro
Nodo alla gola
di Cristina Giovannini
15-3
Teatro
I giganti della montagna
di Claudio Fontanini
26-1
Teatro
Così impari
di Claudio Fontanini
18-2
Teatro
Toro sedato
di Claudio Fontanini
24-1
Teatro
Il padre
Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma