sabato 27 novembre 2021 ore 08:41   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Teatro » Recensioni  
mercoledì 3 novembre 2021
di Claudio Fontanini
Le leggi della gravità
Lavia al Quirino nell’atto unico dal romanzo di Teulé
Stanco e disilluso, dalla vita e dal lavoro, per un vecchio commissario (Gabriele Lavia) è giunta l’ora della pensione. A Le Havre, in Normandia, mentre fuori diluvia, osserva i treni dalla finestra del suo ufficio poco illuminato urlando contro i passeggeri di vite in transito (Dove andate?). 

Un mazzo di fiori rossi rubati dal giardino comunale per abbellire la sua scrivania, un termosifone rotto, un aiutante (Enrico Torzillo) che farà carriera (Hai il talento del tempo sbagliato, tipico del poliziotto) e intanto gli porta caffè caldi per la notte e l’improvviso arrivo di una donna (Federica Di Martino) a sconvolgere la sua ultima notte di servizio. 

Dieci anni prima dice di aver ucciso il marito violento spingendolo giù dal balcone all’undicesimo piano ed ora vuole essere condannata ed arrestata facendo pace coi propri sensi di colpa. Il caso, catalogato all’epoca come un suicidio, reclama adesso una nuova verità (Cosa c’entra con la giustizia? domanda alla donna il commissario) mentre i minuti trascorrono inesorabili e tra due ore è in arrivo la prescrizione. 

Giocato in tempo reale e in un atto unico, proprio per non spezzare la continuità narrativa, questo duello verbale e di coscienze si rivela un ring esistenziale tra due anime che sfidano (o hanno sfidato) la morte. Con quel commissario apparentemente sbrigativo e svagato (non ricorda le citazioni poetiche e filosofiche) e che si vede come un fantasma del passato (Io sono qui? chiede all’assistente incredulo) che farà di tutto per convincere quella donna a tornarsene a casa senza pene da scontare. 

Tra schock emozionali e letti matrimoniali di chiodi, barattoli di sabbia colorata e scandagli emotivi, traiettorie del cuore e dossier accatastati di pratiche che trasudano vite nella bella scena di Alessandro Camera, Le leggi della gravità- in scena al Quirino fino al 14 novembre- mette in mostra, tra grottesco e metafisica, gli abissi esistenziali ed insondabili dell’animo umano

Atto unico dall’omonimo  romanzo di Jean Teulé del 2003 (dal quale nel 2013 è stato tratto un film, in Italia Arrestatemi, diretto da Jean Paul Lilienfeld) il nuovo lavoro teatrale di Lavia somiglia curiosamente, per atmosfere e senso, al bellissimo Una pura formalità di Giuseppe Tornatore, non a caso un film di impianto teatrale, con l’accoppiata Depardieu-Polanski

Anche qui ecco allora un interrogatorio-confessione che si trasforma in un incubo ad occhi aperti che conduce alla dolorosa presa di coscienza del proprio fallimento. Proprio come la caduta in volo verso il suolo di quell’uomo assassinato che rivede la sua vita in pochi secondi prima della fine ineluttabile. 

Ben interpretato ed efficace nella resa scenica, alla regia di Lavia manca però quell’ambiguità di fondo (la donna è una mitomane o no?) che avrebbe dovuto tenere alta la tensione e che invece si risolve troppo presto nella direzione di una verità negata.               


Links correlati
http://www.teatroquirino.it
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 








Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
26-1
Teatro
Si nota all’imbrunire
di Claudio Fontanini
18-10
Teatro
Nodo alla gola
di Cristina Giovannini
15-3
Teatro
I giganti della montagna
di Claudio Fontanini
26-1
Teatro
Così impari
di Claudio Fontanini
18-2
Teatro
Toro sedato
di Claudio Fontanini
24-1
Teatro
Il padre
Claudio Fontanini
11-3
Teatro
In cattedra con Bentivoglio
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma