martedì 18 giugno 2019 ore 19:37   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Anticipazioni  
lunedì 10 giugno 2019
di José De Arcangelo
55. Mostra Internazionale Nuovo Cinema di Pesaro
Focus sul cinema spagnolo contemporaneo e un omaggio al cinema italiano di genere
Preceduta da un affettuoso ricordo del foto-reporter Pietro Coccia, recentemente scomparso, è stata presentata a Roma, nella sala Dalí dell’Istituto Cervantes, la 55.a edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro - dal 15 al 22 giugno 2019 - alla presenza del direttore artistico Pedro Armocida, del presidente del Comitato scientifico e co-fondatore della Mostra Bruno Torri, del vicesindaco e assessore alla Bellezza del comune di Pesaro Daniele Vimini , oltre ad alcuni autori e produttori che parteciperanno al Festival.
Torri ha sottolineato la grande continuità di questa edizione con le origini della Mostra: “Intraprendere un discorso che si rifaccia alla tradizione ma con uno sguardo sempre al futuro, come facciamo quest’anno invitando in giuria Amir Naderi, che fu a Pesaro per le grandi edizioni dedicate al cinema iraniano” (negli anni  ‘90).
“Questo è l’obiettivo della Mostra”, ha affermato il direttore Armocida, che ha illustrato il ricco programma, sempre alla ricerca del Nuovo Cinema in tutte le sue multiformi possibilità, anche attraverso proposte eterogenee che racchiudono un mondo senza centri di gravità e in perenne mutamento, a partire dal Concorso Pesaro Nuovo Cinema, con sette opere (prime o seconde) provenienti da tutto il mondo, spesso lontane dai classici stilemi tipicamente ‘da festival’.

Se l’Italia è assente nel concorso, in compenso ci sono 3 registe donne su 7. Inoltre quest’anno ci sono due rassegne Sguardi Femminili, perché oltre la consueta retrospettiva dedicata al cinema russo (al decimo anno), stavolta tocca anche alle registe spagnole. E, con il sostegno di AC/E e in collaborazione con il festival “Margenes” e “Mujeres de Cine”, la Mostra propone un focus sul cinema spagnolo contemporaneo declinato al femminile con 5 titoli. Due le giurie, quella professionale (oltre Naderi, gli attori Olimpia Carlisi e Andrea Sartoretti) e quella degli studenti.
Ecco i titoli concorrenti al Premio Lino Miccichè: Kamagasaki Cauldrom War di Leo Sato (Giappone), Nona. Si me mojan, yo los quemo (t.l. Nonna. Se mi bagnano, io li brucio) di  Camila José Donoso (Cile), That Cloud Never Left di Yashaswini Raghunandan (India), Demons di Daniel Hui (Singapore), Bring Me the Head of Carmen M. di Catarina Wallenstein e Felipe Bragança (Brasile/Portogallo), Inland/Meseta di Juan Palacios (Spagna), Square di Karolina  Bregula (Polonia/Taiwan.

Prosegue la ricognizione della produzione audiovisiva italiana a bassissimo budget, extra-industriale ed extra-formato, costituita da Satellite - Visioni per il cinema futuro.
La classica apertura in Piazza del Popolo è affidata al cult Butch Cassidy, diretto da George Roy Hill, con Paul Newman e Robert Redford, a cinquant’anni dalla sua uscita.
L’Evento Speciale dedicato al cinema italiano vede quest’anno l’approfondimento del ‘lato b’ della nostra cinematografia: il cinema di genere nelle sue forme più eterogenee che dalla commedia, genere principe di tutto il nostro cinema, arriva a tutte le sperimentazioni più ardite.

Quindi non solo spaghetti western (nato dopo il tramonto del Mitologico, infatti molti registi provenivano da lì, oggi rivisitato a suo di effetti speciali digitali da Hollywood) ma anche horror e giallo, thriller all’italiana e ‘poliziottesco’. Ad accompagnare la retrospettiva dei film più recenti che hanno lavorato sui generi, un volume, a cura di Pedro Armocida e Boris Sollazzo, pubblicato da Marsilio (520 pagine).
L’illustrazione del manifesto di quest’anno, in linea con il discorso sul cinema di genere italiano, è firmata dal romano Roberto Recchioni, sceneggiatore e soggettista per fumetti e cinema, illustratore, critico, personalità web. La sua principale occupazione è l’arte sequenziale per cui è stato definito “la rockstar del fumetto italiano”.

La Mostra ricorderà Bernardo Bertolucci, con un omaggio che racchiude tutte le sue partecipazioni al festival a partire dagli anni ’60. Per ricordare la straordinaria figura della cineasta Barbara Hammer, pioniera del cinema lesbico, scomparsa recentemente a New York all’età di 80 anni, verrà proposto in 16mm il suo film del 1973, Sisters. Per la prima volta in Italia la personale di Lee Anne Schmitt,  una delle artiste e cineaste statunitensi più interessanti soprattutto per il suo lavoro, quasi sempre in 16 mm, legato al pensiero politico, all’esperienza personale e alla terra.A Pesaro, la Schmitt presenterà tutti i suoi film e avrà un incontro col curatore Rinaldo Censi.

Walter Veltroni, nuovo membro del comitato scientifico, debutta con una serie di incontri ‘FuoriCinema’ con personalità del mondo del giornalismo e dello spettacolo:  Giovanni Floris (20 giugno), Lino Banfi ( 21 giugno).
Proiezioni speciali, in anteprima mondiale: White Flowers di Marco De Angelis, Antonio Di Trapani, Gelsomina verde di Massimiliano Pacifico, Adriano Aprà Autoritratto di Pasquale Misuraca; in anteprima italiana, Rasendes Grün mit Pferden di Ute Aurand, in 16mm. Quale omaggio a Notre-Dame: Nuestra Señora de Paris di Teo Hernandez (1981-1982). Per Emergency - 25 anni: La terra strema di Federico Greco (2018).
 “30 anni di Fuori Orario”: non è solo la celebrazione, attraverso una serie di pillole sparse per tutto il festival, dell’anniversario di 30 anni della trasmissione televisiva notturna di Rai 3, “la riserva indiana” (la chiamava Bertolucci) che ha rivoluzionato il modo di vedere i film d’intere generazioni di cinefili. E’ soprattutto un omaggio prospettivo con lo sguardo verso il futuro… E i “Vent’anni di Stracult”, tra i rari programmi (Raidue) dedicati al cinema.

Tornano le lezioni di storia di Federico Rossin alle prese con una retrospettiva che vuole riscoprire il cinema femminista dal 1968 al 1978 in quattro programmi.
Infine l’animazione italiana per la sezione Corti in Mostra – Animatori italiani oggi, con una selezione tra i migliori cortometraggi d’animazione italiana recente. La personale, per segnalare il lungo lavoro di un autore, è dedicata a Roberto Catani .
Tutte le sere, da mezzanotte, il consueto Dopofestival - Il muro del suono, in un alternarsi di musica e immagini fuori dagli sche (r) mi. Dulcis in fundo, “Tutto Grifi” al Centro Arti Visive: per la prima volta integralmente tutti i materiali video analogici open reel, realizzati da Alberto Grifi con altri tra il 1976 e il 1977.


Links correlati
http://www.pesarofilmfest.it
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’Ufficio Stampa

Altri articoli di interesse
16-4
Cinema
IL CAMPIONE
di Claudio Fontanini
13-2
Cinema
LA PARANZA DEI BAMBINI
di Claudio Fontanini
28-11
Cinema
BOHEMIAN RHAPSODY
di Claudio Fontanini
18-9
Cinema
VerticalMovie
di Claudio Fontanini
29-8
Cinema
SULLA MIA PELLE
di Claudio Fontanini
24-5
Cinema
NOBILI BUGIE
di José de Arcangelo
9-3
Cinema
Immaginaria 4.0 dal 27 aprile a Roma
di Redazione

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma