martedì 18 giugno 2019 ore 19:10   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Televisione » Interviste  
lunedì 15 aprile 2019
di Silvia Di Paola
L’Aquila Grandi Speranze
Su RaiUno debutta la serie diretta da Marco Risi con Donatella Finocchiaro e Luca Barbareschi
Alla ricerca del senso del dolore. Di quello che significa trovarsi, nel giro di una notte, senza più nulla: macerie al  posto della tua casa, macerie sui tuoi cari, macerie sui tuoi ricordi, macerie al posto di tutto il tuo mondo.
Siamo a L’Aquila nel 2010 e Silvia, che ha il volto bello e carico di dolore di Donatella Finocchiaro, prova ad andare oltre questo dolore, a ricostruire il suo cuore e le sue relazioni insieme alla  realtà che si può toccare, quella contro cui le tocca  sbattere ogni giorno.
La vedrete da martedì nella serie L’Aquila Grandi Speranze, creata da Stefano Grasso e diretta da Marco Risi, in onda su Raiuno, affiancata da un corposo cast, da Giorgio Marchesi a Luca Barbareschi, da Giorgio Tirabassi a Valentina Lodovini.

E se Marco Risi confessa che tutto è partito “da un’idea che  mi ha conquistato, quella degli adolescenti che scorrazzano nella città proibita, nella zona chiusa e pericolosa, cercando di riappropriarsene alla loro maniera, augurandosi addirittura che rimanga così perché solo così può essere esclusivamente loro. E poi mi sono piaciuti gli adulti che cercano di rimettere in piedi i pezzi delle loro coscienze e non soltanto i pezzi della loro città. Mi piacciono i piani che corrono paralleli delle due dimensioni: da una parte gli adulti con i loro guai,dall’altra i loro figli che quegli stessi guai vivono di riflesso ma che si gettano nell’avventura di crescere in una situazione assolutamente unica”, per Donatella la ricerca è stata quella del dolore e dell’eroismo che da lì viene fuori.

Ho incontrato tante persone nei mesi che siamo stati qui all’Aquila. La mia vera preparazione è stata sentire loro, sentire il loro dolore. Ho parlato con moltissime persone per quasi due anni. Non è stato difficile prepararsi: ho portato in scena quello che ho sentito senza filtri” dice la Finocchiaro.

E senza filtri è anche la donna che interpreta, che sotto le macerie ha perso una figlia ma non vuole arrendersi?
“Il mio personaggio è come la città, come L’Aquila. Non vuole arrendersi, vuole continuare a combattere anche contro ogni evidenza, contro i magistrati che vogliono archiviare il caso della scomparsa, contro il marito che vuole rassegnarsi. Lei non si arrende, come molti aquilani”.

Quindi racconta l’elaborazione di un lutto?
Sì a modo suo perché lei non vuol rassegnarsi e anche mio marito, che è uno psichiatra, non riesce a fare un gran lavoro su di lui. L’elaborazione del lutto di questa donna riguarda un po’ tutti gli aquilani perché tutti hanno perso quella notte qualcosa”.

Da dove partirà martedì questa serie?
Da un anno e mezzo dopo la notte del 6 aprile 2009, la città è un cumulo di macerie e l’accesso al centro storico è vietato. Ma Simone, Davide e i loro amici hanno tredici anni e nella zona rossa hanno creato il loro regno e la fantasia li aiuta, anche perché l’amicizia tiene lontana la paura. La donna che interpreto, Silvia, cerca di affrontare la sparizione della figlia più piccola avvenuta la notte del terremoto e  la sospensione delle ricerche apre una crisi ancora più profonda tra lei e il marito. E poi c’è una grande manifestazione di protesta organizzata  quando un costruttore romano si presenta in città con un’idea ambiziosa per la ricostruzione”.

Che cosa vorrebbe che fosse questa fiction?
Per me questo non è solo un film, non è solo una fiction, è un momento importante del ricordo, un passo per dare  agli aquilani  una nuova speranza, per  incoraggiarli ad andare avanti. E un invito a tutti a non dimenticare”.


 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’Ufficio Stampa

Altri articoli di interesse
12-10
Televisione
Rocco Schiavone
di Claudio Fontanini
19-4
Televisione
LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE 2
di Silvia Di Paola
23-9
Televisione
IN ARTE NINO
di Claudio Fontanini
16-9
Televisione
FIORELLA!
di Claudio Fontanini
7-5
Televisione
ECCO IL MALTESE DI TAVARELLI
di Claudio Fontanini
27-2
Televisione
MONTALBANO,UN COVO DI VIPERE
di Claudio Fontanini
10-11
Televisione
ROMAFICTIONFEST 2015
di José de Arcangelo

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma