giovedì 13 giugno 2024 ore 02:50   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 10 giugno 2024
di Claudio Fontanini
Dall’alto di una fredda torre
Vanessa Scalera ed Edoardo Pesce fratelli alle prese con una scelta impossibile
La responsabilità della scelta e le implicazioni morali sul valore di una vita. Toccherà a due gemelli eterozigoti (Vanessa Scalera ed Edoardo Pesce) decidere chi tenere in vita tra un padre e una madre (Giorgio Colangeli e Anna Bonaiuto) malati di una rara malattia genetica che intacca i tessuti midollari. 

C’è la possibilità del trapianto ma solo uno dei due figli è compatibile e allora si impone una valutazione. Affettiva, sociale ed etica. 
Parte da queste premesse Dall’alto di una fredda torre, l’esordio al lungometraggio di Francesco Frangipane che porta sul grande schermo l’omonimo spettacolo teatrale di Filippo Gili qui autore di soggetto e sceneggiatura. 

Tra istinto e ragione, sentimento e razionalità (e se scegliere di non scegliere fosse al soluzione?), scienza e coscienza va in scena una resa dei conti familiare che indaga tra sensi di colpa e fantasmi del passato. Una vera e propria tragedia moderna fondata sugli archetipi della tragedia greca, afferma il regista, che si tiene lontano dai rischi del film a tesi puntando tutto su una narrazione sospesa e archetipica.

Presentato all’ultima Festa del cinema di Roma nella sezione Grand Public e girato a Gubbio, Dall’alto di una fredda torre gioca a testa o croce con la vita tra atmosfere rarefatte, silenzi carichi di rabbia e simbiosi con venature incestuose, scontando però una certa improbabilità di partenza (la malattia rara, non da contagio, che colpisce all’unisono i due genitori) e qualche evitabile forzatura metaforica (il cavallo bianco che scorrazza per il film).

Più concentrato ed essenziale, il testo teatrale viene in parte sminuito dalla resa cinematografica che imprigiona le emozioni in una tessitura verbale sin troppo programmata. La complicità e l’alchimia tra i due bravi interpreti avrebbe meritato di più. 

In sala dal 13 giugno distribuito da Lucky Red


Links correlati
http://www.luckyred.it/

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
10-6
Cinema
The animal kingdom
di Claudio Fontanini
10-6
Cinema
L’IMPERO
di Claudio Fontanini
3-6
Cinema
EL PARAISO
di Claudio Fontanini
27-5
Cinema
ROSALIE
di Claudio Fontanini
22-5
Cinema
MARCELLO MIO
di Claudio Fontanini
21-5
Cinema
Chien de la casse
di Claudio Fontanini
14-5
Cinema
Una storia nera
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma