lunedì 22 aprile 2024 ore 12:39   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Notizie varie  
mercoledì 24 gennaio 2024
di Claudio Fontanini
La lunga notte, su Ra1 la caduta del Duce
Il 29, 30 e 31 gennaio in onda la serie tv di Giacomo Campiotti che racconta la Storia italiana con il ritmo e la suspense di un thriller. Un magistrale Alessio Boni è il Presidente della Camera dei Fasci che decise di opporsi alle scelte di Mussolini
La grande storia italiana raccontata come un thriller. Succede in La lunga notte, la serie tv in 3 serate in onda in prima visione su Rai1 il 29, 30 e 31 gennaio (e disponibile su RaiPlay per intero dal 29) diretta da Giacomo Campiotti

Coproduzione Rai Fiction – Eliseo Entertainment prodotta da Luca Barbareschi, la serie racconta le tre settimane precedenti la notte tra il 24 e il 25 luglio 1943- quella in cui si svolse l’ultima riunione del Gran Consiglio, l’organo supremo presieduto da Benito Mussolini, che segnò la fine del fascismo. 

Ed ecco agguati e pestaggi, omicidi e alleanze segrete, tradimenti e inganni a tessere le fila, tra le location più suggestive della Capitale (magnifiche le scenografie di Enrico Serafini) di una trama potente ed intricata che vede al centro della vicenda gli affanni e i tormenti di Dino Grandi (un magistrale Alessio Boni), il Presidente della Camera dei Fasci che decise di opporsi alle scelte di Mussolini (Duccio Camerini) in maniera legittima convocando il Gran Consiglio per togliere l’Italia dalle mani del Duce. 

Con la famiglia Reale (Luigi Diberti è Vittorio Emanuele III), Edda e Galeazzo Ciano (Lucrezia Guidone e Marco Foschi), Claretta Petacci (Martina Stella) e una folla di gerarchi e altri italiani combattuti tra la paura di agire e l’ambizione del potere. Mentre la piccola e la grande Storia si danno la mano in un potente intreccio di destini, personali e nazionali.


Tutti i personaggi di questo film hanno evidentemente un preciso valore storico, frutto delle scelte e delle azioni- in gran parte scellerate- da loro compiute dice il regista Giacomo Campiotti. Piuttosto che rappresentarli come icone di un saggio storico, ho provato ad indagare il punto di vista di ognuno di loro: le personalità, il carattere, le debolezze, i fantasmi del loro privato che sono l’altra faccia della medaglia.

Dino Grandi- continua- è certamente coinvolto a molti livelli nelle responsabilità fasciste. Ad ogni modo, quando molto, troppo tardi, si accorge che la situazione sta precipitando, decide di intervenire, sapendo di correre dei rischi e mettendo a repentaglio la propria vita. Ho scelto di rappresentarla attraverso una tensione continua, rischiosa da mettere in scena ma divertente per chi fa il mio mestiere


Sui banchi di scuola non si racconta la Storia come fa questa serie dice invece Alessio Boni lo sliding doors della vicenda è l’appiglio costituzionale che consente al mio personaggio di convocare il Gran Consiglio. La tv pubblica ha il dovere di proporre operazioni del genere per avere coscienza del passato. Avevo paura del santino buonista o della rappresentazione retorica dell’eroe ma Dino Grandi è tutt’altro. 

L’operazione nasce da una telefonata di Franco Bernini (autore di soggetto e sceneggiatura con Bernardo Pellegrini con la consulenza storica di Pasquale Chessa) e inizialmente pensavo ad una pièce teatrale più che a una serie tv dice Luca Barbareschi. E’ difficile crescere in Italia se non si fanno i conti col passato e si tenta una narrazione pacificante. Bisogna rielaborare il passato, alfabetizzare i giovani. Viviamo in un’epoca di stupidità assoluta dove si celebra il trionfo del cretino e questo film serve a indicare un’altra via. 

Nel cast Ana Caterina Morariu (Antonietta Grandi), Flavio Parenti (Umberto di Savoia) e Aurora RuffinoMaria Josè del Belgio, moglie di Umberto e principessa del Piemonte).  


Links correlati
http://www.rai.it
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
19-4
Notizie varie
Edizione straordinaria
di Claudio Fontanini
10-4
Notizie varie
Il Re 2, Bruno Testori è tornato
di Claudio Fontanini
2-4
Notizie varie
Romics 32, un universo di fantasia e divertimento
di Simone Legnante
2-3
Notizie varie
Una malattia per rinascere
di Claudio Fontanini
13-2
Notizie varie
Così lontani, così vicini
di Claudio Fontanini
12-2
Notizie varie
Il Festival di Spello
La redazione
16-12
Notizie varie
Tosca, una festa lunga un anno
La redazione

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma