lunedì 20 maggio 2024 ore 11:37   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Notizie varie  
martedì 20 giugno 2023
La redazione
Festival delle Rose Rosse a Cascia
Dal 29 giugno al 1 luglio la prima edizione della rassegna umbra dedicata alle donne attraverso il mezzo cinematografico. In programma corti e lungometraggi, incontri e premiazioni. Ospite d’onore Sandra Milo.

Presentata al cinema Tiziano di Roma la prima edizione del Festival delle Rose Rosse di Cascia. Organizzato a Roccaporena e a Cascia dall’Associazione culturale di promozione sociale l’Università Cerca Lavoro, e promosso dal Comune di Cascia, la manifestazione si svolgerà dal 29 giugno al 1 luglio. 

Il Festival ambisce a usare il mezzo cinematografico per parlare delle donne, attraverso prospettive cinematografiche femminili o racconti che siano in grado di demolirne lo stereotipo per scoprirne l’umanità, le potenzialità e le ambizioni. Attrici, registe, attrici cantanti e presentatrici incontreranno il pubblico raccontando le loro incredibili storie. 

Ospite d’onore l’attrice Sandra Milo, icona del cinema e della televisione italiana che sarà premiata per la sua straordinaria carriera nel corso della serata di gala del 1 luglio insieme ad altri grandi nomi dello spettacolo tra cui Andrea Roncato, Corinne Clery, Grazia Di Michele, Roberta Giarrusso, Metis Di Meo, Samantha Casella, Yelyena Pavlova e Oksana Savina

Con l’obiettivo di costruire un appuntamento culturale cinematografico all’interno del territorio, e di portare all’attenzione del pubblico opere cinematografiche capaci di risaltare il ruolo della donna attraverso il grande schermo, il festival nasce da un progetto volto a far rivivere e a promuovere i borghi di Roccaparena e Cascia

Con il Festival vogliamo non solo valorizzare il messaggio laico di Santa Rita da Cascia ma anche compiere un’operazione importante di rilancio del turismo, ha dichiarato il Sindaco di Cascia Mario De Carolis

Il Festival delle Rose Rosse di Cascia avrà anche il compito di portare presso il borgo varietà di pubblico differenti, ha sottolineato il vice sindaco e assessore al turismo Marco Emili oggi parliamo moltissimo di rigenerazione dei piccoli borghi, ma per farli continuare a vivere hanno necessità di essere promossi e valorizzati in tutti i settori. Noi abbiamo la fortuna di una santa amata e conosciuta in tutto il mondo e questo ci permette di avere un buon turismo Spirituale e religioso. L’organizzazione di questo festival è sicuramente una grande opportunità anche turistica per Cascia, sono certo che sarà l’occasione per ampliare la nostra offerta turistica, per far conoscere Cascia e Roccaporena a nuove tipologie di turisti attratti da eventi sempre più diversificati e di grande spessore. Il tutto realizzato in uno dei contesti naturalistici più belli e incontaminati da vivere del nostro territorio.


L’Assessore alla Cultura Monica Del Piano sottolinea invece la figura esemplare di Santa Rita da Cascia: E’ stata una donna estremamente moderna per i suoi tempi. E’ stata madre, sposa e vedova. Ha avuto un percorso intenso prima di diventare suora. Rilanciare la figura femminile oggi in un periodo storico in cui purtroppo le donne sono sempre più vittime di femminicidi è un passaggio importante.

Diego Righini della fondazione UCL ha ribadito quanto sia necessario il dialogo tra donne anche in vista di un obiettivo comune come la pace. Il riferimento è alla guerra in Ucraina: La dinamica della guerra Russia-Ucraina è prettamente maschile. Se facessimo incontrare due donne forse andrebbe meglio. Per questo motivo avremo un’artista lirica russa e una ucraina sul palco della manifestazione”, ha anticipato. 


Nel corso della manifestazione verranno proiettati dei corti in cui le donne saranno al centro del racconto: Nei tuoi panni di Ludovica Greco, In un attimo tutto può cambiare di Rita Giancola, Amici di sempre di Christian Marazziti, Un milione di italiani di Maurizio Braucci, C’hai 5 di Daniele Falleri. Spazio anche ai lungometraggi con Ostaggi di Eleonora Ivone e Dietro la notte di Daniele Falleri e al documentario Sisterhood che racconta la storia di tre squadre non professionistiche femminili di pallacanestro. 

Previste anche due tavole rotonde, “Donne e arte, una marcia in più” e “Oltre il cinema: donne, scienza e futuro”. La selezione delle opere è stata curata dalla direttrice artistica Paola TassoneHo scelto delle opere che potessero offrire uno sguardo a 360 gradi sull’universo femminile. Ci sono storie di caparbietà al femminile, di violenze e di abusi ma anche di sorellanza in cui le donne si aiutano per superare il dramma degli amori tossici

Realizzato grazie alla sponsorizzazione di Università Cerca Lavoro, Comune di Cascia, Opera di Santa Rita e Antica Norcineria Franco Lattanzi con l’Università Niccolò Cusano media partner dell’evento, il Festival è ad ingresso gratuito e libero fino a esaurimento posti. 

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
19-4
Notizie varie
Edizione straordinaria
di Claudio Fontanini
10-4
Notizie varie
Il Re 2, Bruno Testori è tornato
di Claudio Fontanini
2-4
Notizie varie
Romics 32, un universo di fantasia e divertimento
di Simone Legnante
2-3
Notizie varie
Una malattia per rinascere
di Claudio Fontanini
13-2
Notizie varie
Così lontani, così vicini
di Claudio Fontanini
12-2
Notizie varie
Il Festival di Spello
La redazione
24-1
Notizie varie
La lunga notte, su Ra1 la caduta del Duce
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma