giovedì 29 febbraio 2024 ore 07:11   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 30 gennaio 2023
di Claudio Fontanini
GLI SPIRITI DELL’ISOLA
Una parabola sulla perdita dell’innocenza nel film di McDonagh candidato a 9 Oscar
Non mi vai più a genio! Poche, semplici parole per sintetizzare la fine improvvisa di una vecchia amicizia. Quella in un’immaginaria isoletta irlandese del 1923- in piena guerra civile- tra il rude e corpulento Colm (Brendan Gleeson) e il timido bovaro Pádraic (Colin Farrell, Coppa Volpi all’ultima Mostra di Venezia). Una commedia nera imbevuta di metafore riflesse nei suggestivi scenari naturali irlandesi.
Non mi vai più a genio! Poche, semplici parole per sintetizzare la fine improvvisa di una vecchia amicizia. Quella in un’immaginaria isoletta irlandese del 1923- in piena guerra civile- tra il rude e corpulento Colm (Brendan Gleeson) e il timido bovaro Pádraic (Colin Farrell, Coppa Volpi all’ultima Mostra di Venezia). 

Perché il primo, stanco dei soliti discorsi e delle birre condivise al pub, decide che è giunta l’ora di dedicarsi a faccende più complesse come la riflessione esistenziale (Il tempo mi sfugge…) e la musica. 
Parte da qui una commedia nera che si fa evidente (sin troppo) metafora della guerra vicina e lontana (i rombi dei cannoni echeggiano dalla terraferma fuori schermo). 

Con gli ex amici che si specchiano nel destino di un Paese tra dispetti e gelosie, orgoglio ferito e sete di vendetta. In un crescendo di violenza che non risparmia gli animali (occhio a cani ed asinelli) e finisce per evidenziare l’ineluttabilità del male

Mentre intorno ai due superbi protagonisti (Gleeson e Farrell tornano a lavorare con McDonagh dopo In Bruges) si muovono figure apparentemente minori (il padrone del pub, la sorella letterata e amareggiata di Pádraic, il poliziotto locale che si masturba in divisa e il figlio un po’ tocco, la negoziante pettegola e una vecchia maligna che incarna le banshees d’Irlanda che annunciano la morte) ma capaci di creare il clima di un’epoca e di una storia imbevuta dal suo indimenticabile paesaggio (il film è stato girato in esterni sulle isole di Inishmore e Achill sulla costa occidentale irlandese). 

Osella per la migliore sceneggiatura (firmata dallo stesso regista) a Venezia, 9 candidature ai prossimi Oscar e 8 ai Golden Globe (3 premi vinti: miglior film di commedia, Colin Farrell miglior attore di commedia e migliore sceneggiatura) Gli spiriti dell’isola conferma il talento di Martin McDonagh (Tre manifesti a Ebbing, Missouri) in un crescendo di toni allarmanti che sconfinano nella parabola sulla perdita dell’innocenza

Tra vacche e violini, dita tagliate, confessioni in chiesa e un dialogo sulla gentilezza e Mozart tra i due amici che vale il prezzo del biglietto, un film semplice solo in apparenza e regolato da un corposo sottotesto pieno di rimandi e allusioni. Come dimostra la meravigliosa inquadratura finale, che fa degli sguardi dei protagonisti e nel loro riverbero nella natura circostante la radiografia perfetta di mondi ormai inconciliabili.           



In sala dal 2 febbraio distribuito da The Walt Disney Company Italia  

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
27-2
Cinema
Caracas
di Claudio Fontanini
27-2
Cinema
LA SALA PROFESSORI
di Claudio Fontanini
21-2
Cinema
Le seduzioni
di Claudio Fontanini
20-2
Cinema
Martedì e venerdì
di Claudio Fontanini
19-2
Cinema
LA ZONA D’INTERESSE
di Claudio Fontanini
11-2
Cinema
Past lives
di Claudio Fontanini
11-2
Cinema
FINALMENTE L’ALBA
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma