venerdì 7 agosto 2020 ore 17:54   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cultura » Recensioni  
giovedì 19 ottobre 2017
di Claudio Fontanini
MONET AL VITTORIANO
In mostra 60 opere del padre degli impressionisti, provenienti dal parigino Musée Marmottan Monet
Una mostra così bella e completa su Claude Monet in Italia non si era mai vista. L’inquietante modernità dei salici piangenti, del viale delle rose e del ponticello giapponese ma anche le monumentali ninfee e glicini, i colori evanescenti e sfumati, la campagna francese e la natura in ogni sua fase (tra i capolavori esposti Vétheuil nella nebbia, Ritratto di Michel Monet
Una mostra così bella e completa su Claude Monet in Italia non si era mai vista. L’inquietante modernità dei salici piangenti, del viale delle rose e del ponticello giapponese ma anche le monumentali ninfee e glicini, i colori evanescenti e sfumati, la campagna francese e la natura in ogni sua fase (tra i capolavori esposti Vétheuil nella nebbia, Ritratto di Michel Monet neonato, Ninfee, Londra. Il Parlamento. Riflessi sul Tamigi, Iris e Le Rose, l’ultima opera dipinta dal maestro nel 1925). 
Da oggi e fino all’11 febbraio 2018 va in scena al Vittoriano di Roma (Ala Brasini) la mostra sul padre dell’impressionismo che comprende 60 opere tra le più care all’artista e che lo stesso pittore conservava nella sua ultima e amatissima dimora di Giverny

Prestiti eccezionali tutti provenienti dal Musée Marmottan Monet di Parigi che nel 2014 ha festeggiato gli 80 anni di vita e che raccoglie il nucleo più importante e numeroso delle opere del grandissimo artista francese, grazie alle donazioni dei collezionisti dell’epoca e del figlio Michel. 
Organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione col museo parigino, l’affascinante retrospettiva incanta e ammalia il visitatore immergendolo nell’estasi artistica e nel giardino segreto ed intimo di un artista capace di cogliere le sfumature, i dettagli e i giochi di luce di un mondo nascosto.

Curata da Marianne Mathieu, storico dell’arte e vice direttore de museo Marmottan, Monet dà conto dell’intero percorso artistico del maestro impressionista a partire dai primissimi lavori, le celebri caricature della fine degli anni ’50 dell’800 e divenne quasi un personaggio nella sua città natale, Le Havre, passando per i paesaggi rurali e urbani di Londra, Parigi, Vétheuil, Pourville e delle sue tante dimore, inclusa una parentesi in Liguria testimoniata in mostra dal meraviglioso dipinto del castello di Dolceaqua
Cacciatore di impressioni più che pittore- secondo la definizione che ne diede Guy de Maupassant- Claude Monet ha trasformato la pittura en plein air in rituale di vita senza alcuna mediazione. Coi colori che si tramutano in tocchi di pura energia e dissolvono l’unità razionale della natura in un flusso indistinto, effimero eppure abbagliante. Un grande artista capace di trasporre direttamente su tela la natura fino a tramutarla in essenza e respiro vitale.

All’interno della mostra è anche esposta la ri-materializzazione di una delle celebri Ninfee, quella che, nel 1958, un tragico incendio all’interno del Museum of Modern Art di New York danneggiò gravemente. Con un progetto unico e ambizioso e grazie alle più recenti tecnologie Sky Arte HD ha riportato alla luce quel capolavoro distrutto dal rogo, Waters Liliel, qui esposto per la prima volta al pubblico.
Aperta da un bellissimo passaggio virtuale (un corridoio cangiante pieno di colori e fiori che immergono nei giardini di Monet) la mostra è divisa in sei sezioni (Una famiglia- un museo, Le caricature, Monet, cacciatore di motivi, Ninfee, I ponti giapponesi e i salici piangenti, I pannelli monumentali) e conferma l’assoluta modernità di un artista per il quale a contare era tutto ciò che si frapponeva tra il soggetto e il suo occhio.
Un invito ad andare oltre ciò che si vede e a respirare, superando i confini di spazio e tempo, l’anima delle cose

Orario di apertura al pubblico: Dal lunedì al giovedì 9,30- 19,30, venerdì e sabato 9,30- 22, domenica 9,30-20,30 (la biglietteria chiude un’ora prima).
Biglietti: Intero 15,00 (Audioguida inclusa) Ridotto 13,00 (Audioguida inclusa). 
Informazioni e prenotazioni 06 8715111


Links correlati
http://www.ilvittoriano.com
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto opere dal Musée Marmottan Paris

Altri articoli di interesse
12-12
Cultura
I capolavori del Seicento
di Cristina Giovannini
21-3
Cultura
Romics 2018
di Silvia Di Paola
28-11
Cultura
Il Morandini 2018
di Claudio Fontanini
27-10
Cultura
Van Gogh Alive-The Experience
di Redazione
11-11
Cultura
Ecco il Morandini 2016
di Claudio Fontanini
23-7
Cultura
Certe notti Aterballetto
di Silvia Di Paola
15-7
Cultura
Invito alla Danza
di Cristina Giovannini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma