giovedì 13 agosto 2020 ore 03:52   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Notizie varie  
lunedì 11 gennaio 2016
di Redazione
E’ morto David Bowie
Addio al Duca Bianco. Si è spento all’età di 69 anni, dopo un anno e mezzo di guerra a un tumore, il trasformista del rock e del pop: David Bowie. 50 anni di carriera e di successi planetari nella musica. Tante anche le incursioni nel mondo della celluloide
Si è spento dopo una settimana dal suo compleanno, festeggiato lo scorso 8 gennaio, David Robert Jones in arte Bowie. L’artista aveva 69 anni ed aveva da poco pubblicato Blackstar, quello che oggi appare come il suo album testamento. Una carriera lunga 50 anni la sua, iniziata con il singolo Can’t help thinking about me, uscito il 14 gennaio del 1966 con il nome di David Bowie e The Lower Third.
Sette anni dopo Bowie era gia’ un mito. Nel 1973, a Londra, insieme agli Spiders From Mars, Bowie annuncia la fine di Ziggy Stardust, l’alieno dalla rivoluzionaria ambiguita’ sessuale che e’ stato la sua prima incarnazione e il passaporto per il successo.

Bowie resterà come uno dei protagonisti assoluti della scena artistica mondiale: fu il primo artista a quotarsi in Borsa (1997), operazione dalla quale pare abbia ricavato piu’ di 40 milioni di euro.
Nel 2007 riceve il Grammy alla carriera, equivalente musicale del premio Oscar.
L’incontro cruciale della sua carriera è con Lindsay Kemp nel 1967, grazie al quale apprese i segreti del mimo e della messa in scena teatrale. Tra i suoi album più celebri ricordiamo Space Oddity, The Man who sold the world, The Rise And Fall Of Ziggy Stardust And The Spiders From Mars.

All’inizio degli anni ’80 la svolta artistica, quando riesce a conciliare rock e teatro, pop e avanguardia, ambiguita’ sessuale e arti visive, trasgressione e letteratura. Dopo Station to station e The Thin White Duke Bowie inizia la sua collaborazione con Brian Eno: si trasferisce a Berlino dove registra tre degli album piu’ importanti della sua carriera, Low, Heroes (forse il suo capolavoro) e Lodger.
Il suo piu’ grande successo commerciale arriva con Let’s Dance, un raffinatissimo viaggio attraverso il rock’n’roll, il funky, la dance piu’ elegante.

E’ questo il periodo piu’ commerciale di Bowie che spiazza ancora una volta i suoi fan formando i Thin Machine, un quartetto che suona un rock durissimo, che il mercato non accoglie a braccia aperte. Nonostante la sua attivita’ sia rimasta intensissima, negli ultimi anni Bowie non ha ritrovato il successo di Black Tie White Noise, Outside, Hours, Reality, Heathen. Resterà indiscutibilmente un protagonista assoluto della musica, e non solo. Anche il cinema piange il Duca Bianco che, dagli anni sessanta ad oggi, ha girato (tra doppiaggio e ruoli che vanno dal cameo alle interpretazioni da protagonista) quasi trenta film: da L’uomo che cadde sulla Terra, a Furyo, passando per L’ultima tentazione di Cristo, Basquiat, Tre prestige, Zoolander, Noi ragazzi dello zoo di Berlino e Il mio West. (Fonte Ansa)
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal Web

Altri articoli di interesse
6-7
Notizie varie
Addio ad Ennio Morricone
di Redazione
28-5
Notizie varie
Il documentario "Passage to Mars" su Prime Video
di Redazione
12-5
Notizie varie
Daniele Vicari gira in ’smart working’
di Redazione
9-5
Notizie varie
David 2020: vince Il Traditore
di Claudio Fontanini
7-5
Notizie varie
Luci accese in sala, flash mob dell’Anec
di Redazione
27-4
Notizie varie
Ciao Giulietto, dasvidania
di Redazione
27-4
Notizie varie
Primo maggio in musica
La redazione

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma