venerdì 7 agosto 2020 ore 18:28   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Notizie varie  
lunedì 29 settembre 2014
di Redazione
Festival di Roma, è ancora qui la festa
Archiviata l’idea del Festival, ci si prepara a tornare alle origini. A quella Festa del cinema nata nove anni fa e che - dal 16 al 25 ottobre - srotolerà il red carpet per accogliere tante star: Richard Gere, Kevin Costner, Wim Wenders, Park Chan-wook, Joe Dante. Tre i titoli italiani in concorso e premi della giuria popolare assegnati ai film di tutte le sezioni
La presentazione del programma del IX Festival Internazionale del Film di Roma inizia con un flash mob di protesta: sulle note di Tutto il resto è noia un drappello di fan, dal fondo della platea, si sono fatti sentire per sottolineare l’esclusione del film di Stefano Calvagna dal programma, pellicola dedicata a Franco Califano Non escludo il ritorno. Il direttore Marco Muller, per nulla intimidito dalla protesta, ha risposto con un laconico: “i film non selezionati si possono esprimere anche così”.
Tre i film italiani in concorso quest’anno al Festival di Roma che già dalla prossima edizione potrebbe tornare a chiamarsi Festa del Film di Roma, tornando ad assumere quel carattere popolare delle origini che è nel dna stesso dell’arte cinematografica. Peculiarità che viene sostanziata dal fatto che, da quest’anno, sarà la giuria popolare ad assegnare i premi ai film di tutte le sezioni.

Via, dunque, la giuria internazionale e largo alle cinque giurie popolari per le altrettante sezioni del festival. Cinquantuno i film proposti, tra cui spiccano in concorso gli italiani: Biagio di Pasquale Scimeca, La foresta di ghiaccio di Claudio Noce e I milionari di Alessandro Piva.
Il Marc’Aurelio alla carriera andrà a Tomas Milian, attore molto amato dal pubblico e noto soprattutto in Italia per il colorito personaggio interpretato nei film poliziotteschi degli anni Ottanta: il premio all’attore cubano verrà consegnato nella serata d’apertura da Sergio Castellitto, che lo ha scelto come interprete del suo nuovo film 
Per quanto riguarda i dati, snocciolati dal dg Lamberto Mancini, il budget per la Fondazione Cinema per Roma è di 8,6 milioni di euro, il festival ne costerà circa 6 milioni, coperto per 3 dagli sponsor per 4,7 dai soci più il Ministero; 38 gli sponsor e un più 25% di partner internazionali per il mercato.

Ed ora il programma: 51 i lungometraggi nella selezione ufficiale, di cui 24 prime mondiali, provenienti da 21 Paesi: ad aprire e chiudere il festival saranno le commedie Soap Opera di Alessandro Genovesi e Andiamo a quel paese di Ficarra & Picone. Nella sezione Cinema d’oggi, tra gli altri, si vedranno Angels of Revolution di Aleksej Fedorchenko (Marc’Aurelio del Futuro), Os maias di Joao Botelho e Time Out of Mind di Oren Moverman, con Richard Gere.
In Gala, invece, si vedranno Black and White, con Kevin Costner, Eden di Mia Hasen-Love, Escobar con Benicio Del Toro, Gone Girl di David Fincher, As the Gods Will di Takashi Miike (Maverick Director Award), la serie tv di Steven Soderbergh The Knick, con Clive Owen, Phoenix di Christian Petzold, Trash di Stephen Daldry e Tre tocchi di Marco Risi.

In Mondo Genere spiccano invece i titoli: Nightcrawler con Jake Gyllenhaal, Tusk di Kevin Smith e Stonehearts Asylum di Brad Anderson, mentre in Prospettive Italia Fino a qui tutto bene di Roan Johnson. Tra gli Eventi, Jia Zhangke, un gars de Fenyang dedicato al regista cinese da Walter Salles (Marc’Aurelio alla carriera) e A Most Wanted Man di Anton Corbijn.
Il Premio Taodue (giuria presieduta da Jonathan Nossiter) riconoscerà la migliore opera prima e per la prima volta a Roma verrà attribuito The Signis Award – Fondazione Ente dello Spettacolo.
Tra i protagonisti di Masterclass e incontri, oltre al coreano Park Chan-wook, una mostra e un libro per Asia Argento, Kevin Costner e Wim Wenders, mentre la retrospettiva Danze macabre. Il cinema gotico italiano, con focus su Mario Bava, vedrà la partecipazione di Joe Dante.



Links correlati
http://www.romacinemafest.org
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal Web

Altri articoli di interesse
6-7
Notizie varie
Addio ad Ennio Morricone
di Redazione
28-5
Notizie varie
Il documentario "Passage to Mars" su Prime Video
di Redazione
12-5
Notizie varie
Daniele Vicari gira in ’smart working’
di Redazione
9-5
Notizie varie
David 2020: vince Il Traditore
di Claudio Fontanini
7-5
Notizie varie
Luci accese in sala, flash mob dell’Anec
di Redazione
27-4
Notizie varie
Ciao Giulietto, dasvidania
di Redazione
27-4
Notizie varie
Primo maggio in musica
La redazione

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma