lunedì 10 agosto 2020 ore 12:45   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Televisione » Recensioni  
domenica 15 aprile 2012
di Ludovica Mariani
UNA GRANDE FAMIGLIA
Da stasera su RaiUno la fiction di Riccardo Milani: storia corale che racconta la crisi del Nord
C’è una famiglia italiana e un profondo nord da raccontare nella nuova fiction di Rai1 “Una grande Famiglia” a partire da domenica, 6 puntate e un nutrito cast nelle mani del regista Riccardo Milani che del materiale consegnatogli dagli sceneggiatori Ivan Cotroneo, Stefano Bises e Monica Rametta (gli stessi di “Tutti pazzi per Amore”) ha fatto una storia corale che racconta un’epoca, un territorio (quello tra Milano, Como, Monza e Pavia che sono anche le vere location) i disagi e inquietudini di una società costruita sul lavoro

C’è una famiglia italiana e un profondo nord da raccontare nella nuova fiction di Rai1 Una grande Famiglia a partire da domenica, 6 puntate e un nutrito cast nelle mani del regista Riccardo Milani che del materiale consegnatogli dagli sceneggiatori Ivan Cotroneo, Stefano Bises e Monica Rametta (gli stessi di Tutti pazzi per Amore) ha fatto una storia corale che racconta un’epoca, un territorio (quello tra Milano, Como, Monza e Pavia che sono anche le vere location) i disagi e inquietudini di una società costruita sul lavoro che vede andare in crisi proprio il pilastro della sua stessa esistenza. Ricchi industriali brianzoli i Rengoni, devono la loro fortuna al mobilificio di famiglia creato dal nulla da Ernesto (Gianni Cavina) che un ictus ha messo fuori gioco e che ha ceduto le redini dell’azienda al figlio primogenito Edoardo (Alessandro Gassman) ora atteso a Inverigo a villa Rengoni per festeggiare con la numerosa famiglia i 65 anni del patriarca. L’uomo però non arriverà mai, l’idrovolante che dovrebbe portarlo a casa precipita nel vicino lago, i resti del piccolo mezzo verranno ritrovati ma non il corpo di Edoardo.

Da questo momento in poi – dice Milani - cominciano a prevalere le cose non dette e i rapporti si fanno meno chiari. Contraddizioni, lacerazioni e distanze vengono alla luce. La crisi della famiglia coinciderà con la crisi profonda dell’azienda. Come se i loro errori influissero pesantemente nel lavoro e viceversa”. Già perché con la sparizione di Edoardo vengono alla luce strani ammanchi nella casse aziendali e si scopre che questi ha contratto debiti tanto elevati quanto incomprensibili. Un autentico terremoto che travolge l’intera famiglia già provata dal dolore. A tenere tutti uniti è chiamata Eleonora (Stefania Sandrelli) donna solida, con i piedi per terra che ha cominciato da operaia nella fabbrichetta del marito e che non vede di buon occhio la nuora Chiara (Stefania Rocca) fatua a suo giudizio tanto da chiamarla la Trump. “È come un pesce fuor d’acqua” dice la Rocca del suo personaggio “che precipita in un ambiente ostile sostenuta solo da Raoul (Giorgio Marchesi)” fratello di Edoardo e ex fidanzato della stessa Chiara.

La famiglia è completata da Laura (Sonia Bergamasco), avvocato di successo e madre di Niccolò; Nicoletta (Sarah Felberbaum), ricercatrice universitaria sentimentalmente confusa, e Stefano (Primo Reggiani), il figlio più giovane, che nasconde dietro la passione per le auto e la velocità l’insoddisfazione per il ruolo all’interno degli affari di famiglia e il ricordo di un gravissimo incidente che ha segnato la sua vita. Tra gli altri interpreti Valentina Cervi e Piera Degli Esposti nell’enigmatico ruolo di Serafina, segretaria di Edoardo e custode di tutti i segreti. “Storie d’amore travolgenti, intrecciate e complicate – sottolinea il regista - che coinvolgono le vite di tutti i personaggi, sembrano a volte rafforzare a volte spaccare in due oltre che le vite di chi le vive, anche l’equilibrio stesso della famiglia”. 

Tutto questo raccontato da una scrittura “popolare e credibile, che mescola registri diversi, dal dramma, alla commedia romantica, al giallo fino al mistery. Con la scelta di un finale sorprendente e spiazzante raccontato solo nell’ultima inquadratura di tutta la serie”. Prodotta da Magnolia per RaiFiction la serie (in onda anche lunedì 16 e poi solo la domenica per le restanti puntate) rappresenta sempre per il regista Milaniun impegno produttivo anomalo nel nostro panorama televisivo con un cast importante, raro per una serie italiana, più normale per una serie americana o di molti altri paesi in cui gli attori si spostano indifferentemente tra cinema e televisione".


Links correlati
http://www.rai1.rai.it
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal Web

Altri articoli di interesse
9-1
Televisione
La linea verticale
Claudio Fontanini
10-10
Televisione
The Young Pope
di Claudio Fontanini
17-11
Televisione
Timi e i delitti del BarLume
di Ludovica Mariani
1-3
Televisione
COME UN DELFINO
di Ludovica Mariani
9-1
Televisione
ROSSELLA
di Ludovica Mariani
23-12
Televisione
Un cane per due in Tv
di Ludovica Mariani
16-11
Televisione
ROMANZO CRIMINALE 2
di Ludovica Mariani

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma