lunedì 22 aprile 2024 ore 12:54   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Notizie varie  
giovedì 2 novembre 2023
di Claudio Fontanini
My fair lady al Sistina
Debutto nazionale il 3 novembre al Sistina per la favola più rappresentata e premiata al mondo. Nei panni di Eliza, una povera fioraia in cerca d’emancipazione, c’è Serena Autieri. Uno show trasversale e dal respiro internazionale diretto da A.J.Weissbard con l’adattamento italiano di Vincenzo Incenzo
La favola più rappresentata e premiata al mondo, un vero e proprio sogno senza tempo scandito da bellissime canzoni che hanno fatto la storia della musica, tematiche sociali legate al riscatto sociale, al diritto di amare e al superamento di ogni barriera per uno spettacolo quanto mai attuale. Tutto questo è My fair lady che debutta in prima nazionale al Sistina il 3 novembre per la regia di A.J.Weissbard con Serena Autieri protagonista nei panni di Eliza Doolittle, la povera fioraia in cerca di emancipazione culturale attraverso la sua determinazione e la sua sfrontatezza. 

Prodotto da Enrico Griselli con l’adattamento italiano di Vincenzo Incenzo, il musical di Lerner and Loewe, ispirato a sua volta dal Pigmalione di G.B.Shaw e rappresentato per la prima volta a Broadway nel 1956 dove rimase in scena per oltre 2000 repliche, si presenta al Sistina in una luce del tutto inedita con l’intento di sorprendere ed emozionare il pubblico di ogni età con uno show trasversale e dal respiro internazionale

Avevo già lavorato con la Autieri in Lady D. nel 2016 dice in conferenza stampa il regista, americano di nascita cresciuto nel mondo dei musical, ma questo è un testo che ha le sue radici nella migliore tradizione dell’Opera. Ho voluto andare incontro al pubblico di oggi facendo della protagonista non una vittima degli uomini ma una donna capace di realizzarsi attraverso l’idea della trasformazione. E’ per questo che scene, luci e ambiente daranno allo spettatore la sensazione di una dimensione sospesa e sognante attraverso una meccanica sorprendente

Nelle mie tante avventure della parola questa è certamente la più sorprendente dichiara invece Incenzo. Ho lavorato sul testo di un racconto incredibile che vive di una scrittura dentro la scrittura (a dare lezioni di fonetica ad Eliza è l’ostico il Prof. Henry Higgins interpretato da Ivan Castglione ndr) e nel quale mi sono impegnato a mettere in evidenza i tanti sottotesti presenti. Stabilendo però un patto ferreo con l’originale che non ho tradito. Una bella sfida, prima che l’intelligenza artificiale prenda definitivamente il sopravvento sulla creatività livellando il quoziente intellettivo a scapito di adattatori e traduttori.


Pronta alla sfida e in gran forma, Serena Autieri non sta nella pelle prima del debutto. 

Amo questo spettacolo, l’ho visto in scena a Londra e desideravo interpretare Elize da anni. E’ un ruolo complicato e difficile (nel film del ’64 di George Cukor, vincitore di 8 Oscar, lo interpretò Audrey Hepburn) che richiede impegno, disciplina e passione, una sfida professionale che mi allontana dalla mia confort zone e mi spinge a dare il massimo ogni sera sulle tavole del palcoscenico, la mia dimensione ideale

Quanto c’è bisogno di favole oggi, in un mondo dominato da guerre e tecnologie? 
E’ una necessità assoluta, sono mamma e cerco ogni giorno di allontanare mia figlia dal mondo virtuale per trasportarla in quello della bellezza. Bisogna respirare arte sin da piccoli occorre che s’inneschi una catena virtuosa ed è per questo che il nostro My fairl lady è rivolto a tutta la famiglia. Dallo spettacolo si esce persone migliori e con la gioia nel cuore nel nome dell’umanità ritrovata

Sulla cadenza linguistica del suo personaggio la Autieri, napoletana residente a Roma, svela che parlerà una sorta di dialetto transappeninico, non connotato regionalmente ma in grado di scatenare risate e sentimenti. 

A completare il cast dello spettacolo ci sono Manlio Dovì nei panni del Colonnello Pickering, Gianfranco Phino in quelli di Alfred Doolittle mentre Clara Galante e Luca Bacci interpretano rispettivamente Mrs.Pearce e Freddy Hynsford-Hill con la partecipazione straordinaria di Fioretta Mari nelle vesti dell’esilarante e tagliente Mrs. Higgins. Coreografie di Gianni Santucci, direzione musicale del Maestro Enzo Campagnoli e costumi di Silvia Frattolillo.   
        

Links correlati
http://www.ilsistina.it
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 








Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
19-4
Notizie varie
Edizione straordinaria
di Claudio Fontanini
10-4
Notizie varie
Il Re 2, Bruno Testori è tornato
di Claudio Fontanini
2-4
Notizie varie
Romics 32, un universo di fantasia e divertimento
di Simone Legnante
2-3
Notizie varie
Una malattia per rinascere
di Claudio Fontanini
13-2
Notizie varie
Così lontani, così vicini
di Claudio Fontanini
12-2
Notizie varie
Il Festival di Spello
La redazione
24-1
Notizie varie
La lunga notte, su Ra1 la caduta del Duce
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma