lunedì 26 settembre 2022 ore 10:34   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Musica » Recensioni  
mercoledì 13 gennaio 2021
di Claudio Fontanini
PEZZO DI CUORE
Arriva il 15 gennaio il primo duetto inedito di Emma e Alessandra Amoroso
Un’amicizia che dura da oltre 10 anni, l’esigenza di mettere in musica una storia di sentimenti in movimento e un microfono da condividere per due delle voci femminili più seguite del nostro panorama musicale. Arriva da venerdì 15 gennaio in radio e su tutti gli store e piattaforme digitali, Pezzo di cuore, l’atteso e primo duetto inedito di Emma e Alessandra Amoroso
Un’amicizia che dura da oltre 10 anni, l’esigenza di mettere in musica una storia di sentimenti in movimento e un microfono da condividere per due delle voci femminili più seguite del nostro panorama musicale. Arriva da venerdì 15 gennaio in radio e su tutti gli store e piattaforme digitali, Pezzo di cuore, l’atteso e primo duetto inedito di Emma e Alessandra Amoroso

Prodotto dal pianista e compositore Dardust- che ha anche scritto il brano con Davide Petrella- Pezzo di cuore (già disponibile in pre-order e in pre-save su Spotify e dal 29 gennaio disponibile in edizione limitata nella versione vinile 45 giri, acquistabile in esclusiva sul sito di Universal Music Italia) racconta del percorso alla ricerca del modo giusto per vivere i sentimenti in maniera autentica, tra errori e sensi di colpa, orizzonti marini e fango in cui sporcarsi, sapori a contrasto e valzer periferici. 

Quanto tempo ci vuole per abbracciarsi la notte? cantano Emma e la Amoroso in un pezzo modernissimo nelle sonorità ma che vuol essere anche un romantico ritorno alle origini della storia musicale delle due cantanti. Carriere allo specchio iniziate con la vittoria di Amici (la Amoroso nel 2009, Emma l’ano dopo) e proseguite su binari paralleli alla ricerca della propria identità. 

Questo incontro musicale era nell’aria da qualche anno- attacca Emma presentando il nuovo progetto discografico- ce lo chiedevano molti dei nostri fans e lo volevamo noi. Pezzo di cuore è figlio di una scelta istintiva e del senso di irrequietezza che questo periodo porta con se. Avevo voglia di ripartire con sano ottimismo in questo 2021 e così è nata questa ballad senza tempo che ho subito proposto ad Alessandra che non poteva rifiutarsi di cantarla con me

In effetti non avevo scelta- conferma Alessandra Amoroso- c’era la volontà comune di confrontarsi con un pezzo e questo, ascoltandolo, mi sembrava perfetto per un dialogo tra me e lei. Sono felice di averlo fatto e di quello che siamo oggi noi due.

Finalmente ho imparato l’amore si legge nel testo del brano, quanto c’è di autobiografico?

E’ una canzone universale, dice Emma, chi non ha avuto momenti di buio nella vita? E poi a cena, alla fine, di cosa si parla se non d’amore? E’ il sentimento che fa muovere il mondo ma credo che il segreto sia imparare prima ad amare se stessi e poi, di conseguenza, gli altri. A 36 anni ho finalmente fatto pace con me stessa, faccio un mestiere che spesso è soggetto a critiche e pregiudizi. Ho vacillato spesso lo confesso e mi sono inflitta colpe spesso non mie ma oggi mi sento meno rigida e più tollerante. 

Stare bene con se stessi e riconoscersi allo specchio è fondamentale- aggiunge la Amoroso- l’amor proprio e un sano egoismo che mette nel giusto ordine la priorità alle cose è quello che serve.

Ma com’è stato registrare insieme il brano?

Cantarla insieme è stato facile- dice Emma- c’era tanta emozione ma fondamentale è stata la capacità d’ascolto perché anche se siamo due persone con caratteri agli opposti noi due ci integriamo alla perfezione. Ci siamo ammazzate di risate e stonature ma il vero problema è stato mantenere il segreto di questa operazione. Nessuno sapeva che stavamo cantando insieme un nuovo brano

Dopo la benedizione della De Filippi (Maria è contenta e orgogliosa di questo duo) questo singolo potrebbe essere la base per un disco insieme e per un tour? 

Sarebbe bello- dice Alessandra Amoroso- ma il futuro è ancora incerto e i programmi a lunga scadenza non si possono fare. Bisogna muoversi con cautela, un passo alla volta, e lavorare sul presente. 

Io devo ancora concludere il capitolo dei miei 10 anni di carriera- aggiunge Emma- e in tutti i modi cercherò di portare avanti a giugno quel tour. E’ stato come un coito interrotto col mio pubblico e sarà felice di ospitare Alessandra sul palco per cantare insieme la nostra canzone.

Una unione, la vostra, che spinge alla solidarietà femminile.

Le donne insieme sono potenti- afferma Alessandra Amoroso- e sarebbe bello essere portavoci di una unione al femminile tra due ragazze complici, figlie della stessa terra e capaci di condividere passioni e valori. Purtroppo invece spesso fa più notizia chi si accapiglia e litiga…
Sull’argomento Emma ha le idee chiare. Non credo alla solidarietà femminile, poche condividono questa esigenza. Piuttosto si incontrano primedonne che reclamano la loro esclusività. Dipende tutto da quanto si sia risolti dentro se stessi, che si sia uomo o donna. Solo quando sai ciò che vali puoi fare parte di un tutto.

E Sanremo? Andrete ospiti o farete le conduttrici?
Ancora non sappiamo nulla e soprattutto nessuno ci ha contattato ma sarebbe comunque un piacere immenso far ascoltare la nostra canzone dal palco più prestigioso della musica italiana

A chi gli chiede se si sentono più Ronaldo o Ibrahimovic rispondono piuttosto Fiona May (Emma) e Roberta Vinci (Amoroso), indicano in Ozpetek il regista perfetto per una colonna sonora che contenesse il loro brano e sulla fama da talent che le ha spianato la strada rispondono mettendo i puntini sulle i. 

Le chiacchiere stanno a zero e molto umilmente credo di averne fatta di strada- dice la Amoroso- ho portato a casa qualche numero importante e vado fiera del mio lavoro mentre  Emma rivendica fiera il suo passato: Prima di Amici ho suonato in ambienti underground con la faccia dipinta di bianco. La mia musica parte da molto lontano e oggi mi stupisce vedere molti dischi di platino e pochi concerti pieni. Io sono felice di riempire le mie date, di avere un pubblico che mi segue e di pagare le bollette e le assicurazioni col mio lavoro.

   

Links correlati
http://www.universalmusic.it
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 










Foto di Chiara Mirelli

Altri articoli di interesse
26-11
Musica
ZEROSETTANTA-VOL.UNO
di Claudio Fontanini
23-9
Musica
ZEROSETTANTA
di Claudio Fontanini
6-9
Musica
Ego
di Claudio Fontanini
22-4
Musica
50. EARTH DAY: LENA LANE ’IL DONO’ PER PIANETA
di Redazione
17-4
Musica
LA REALTA’ NON PUO’ ESSERE QUESTA
di Claudio Fontanini
30-9
Musica
ZERO IL FOLLE
di Claudio Fontanini
15-10
Musica
INCENZO, NOTE D’AUTORE
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma