giovedì 17 ottobre 2019 ore 23:07   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Festival  
giovedì 28 luglio 2016
di José de Arcangelo
UNA MOSTRA DA INCORNICIARE
Cinema d’autore e sperimentazione per la 73. Mostra, con ben tre i film italiani in concorso
La 73.a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia – dal 31 agosto al 10 settembre 2016 – cambia, sperimenta e si aggiorna ma non rinuncia ai “principi che riguardano la nostra missione di istituzione culturale, e tiene ferme alcune formule organizzative” afferma il Presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta alla conferenza stampa romana
La 73.a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia – dal 31 agosto al 10 settembre 2016 – "cambia, sperimenta e si aggiorna ma non rinuncia ai “principi che riguardano la nostra missione di istituzione culturale, e tiene ferme alcune formule organizzative” afferma il Presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta alla conferenza stampa romana.
Quindi, visto che d’Arte Cinematografica si tratta l’obiettivo è sempre puntato sul cinema d’autore, sulla qualità, sul nuovo e sulla sperimentazione.

Tre i film italiani su 20 in concorso più altri nelle sezioni Orizzonti, Fuori Concorso per non parlare di Venezia Classici e nelle ‘indipendenti’ 31.a Settimana della Critica e Giornate degli autori. Due Leoni d’oro alla carriera per l’attore Jean-Paul Belmondo e per il regista polacco Jerzy Skolimowski, da oltre quarant’anni residente in Inghilterra. Evento speciale con i primi due episodi in anteprima mondiale del televisivo “The Young Pope” di Paolo Sorrentino con Jude Law e cast internazionale.
Madrina delle serate di apertura e di chiusura l’attrice Sonia Bergamasco, attivissima e premiata da quindici anni, ma diventata popolarissima per “Quo vado?” di Gennaro Nunziante al fianco di Checco Zalone.

Al Lido ci saranno delle novità, illustrate dallo stesso Baratta: “Le tre principali novità di questa fase sono: l’apertura di una ‘sala nuova’ che è anche una sezione nuova; il rafforzamento dell’impegno per ‘Biennale College’ (strumento per favorire lo sviluppo di un progetto iniziale verso un’opera compiuta, che ha già dato più che lusinghieri risultati); l’avvio del cosiddetto ‘Venice Production Bridge’, nuovo strumento utile per portare al pieno finanziamento opere compiutamente progettate”.

E il Direttore della 73.a Mostra Alberto Barbera dichiara: “Di fronte a certi cambiamenti che si sarebbe tentati di definire epocalil’avanzata a passo di corsa nella crescita del mercato cinematografico cinese (che ha superato per numero di spettatori quello americano), la perdita di centralità della sala cinematografica minacciata dallo streaming, l’affacciarsi impetuoso della Virtual Reality ai confini della dimensione filmica tradizionale – gli slittamenti progressivi che pure accompagnano lo sviluppo della forma festival sembrano davvero poca cosa. Se è vero che il rito festivaliero, definito da paradigmi immutabili come il radicamento in un luogo fisico e la presenza fisica di autori e produttori, rimane nel fondo identico a se stesso (ma è illusorio pensare che possa diventare qualcos’altro da sé), non si può non sottolineare come molte cose in questi anni a Venezia siano profondamente cambiate. Le sale di proiezione sono state ristrutturate e adeguate agli standard tecnologici più avanzati”.

Ritorna poi sulla Biennale College che “ha prodotto risultati di eccellenza, che ne hanno fatto in poco tempo un modello di riferimento per analoghe iniziative e contribuito a lanciare nuovi autori nel circuito internazionale. La possibilità di vedere on line buona parte dei film di ‘Orizzonti’ in contemporanea con la presentazione veneziana allarga i confini dei potenziali fruitori della Mostra, utilizzando le inedite potenzialità del web. La creazione di un ‘mercato leggero’ è servita a riportare al festival gli operatori commerciali che in epoche recenti potevano permettersi di saltare l’appuntamento veneziano. Altri cambiamenti sono in atto, a conferma delle intenzioni di procedere lungo la direttrice di una progressiva trasformazione, anche se prudente e aliena da irrealistiche ambizione”.

Barbera ha poi rimarcato la nascita della nuova sezione “che mantiene il nome dell’esperimento effettuato con successo l’anno scorso – Cinema nel Giardino – ma cresce in dimensioni e portata (1400 posti all’aperto ndr.). Favorita in ciò dalla nuova sala che la copertura dello scavo (che ha deturpato per anni l’area prospiciente l’edificio del Casinò) ha portato in dono con sé, arricchendo il ventaglio delle strutture a disposizione. Una nuova sezione, che non risponde solo all’esigenza di ospitare qualche film in più (una scelta apparentemente in contraddizione con la più volte dichiarata volontà di mantenere il programma più snello possibile), ma si propone di ampliare i confini di ciò che si può e si deve mostrare in un festival. In direzione di quel pubblico che la Mostra non ha mai tenuto fuori dai propri ambiti e orizzonti, ma che può e deve ancora crescere, se si vuole che la trincea progressivamente scavata fra cinema d’autore e cinema popolareuna dicotomia che speravamo di esserci lasciata alle spalle da molto tempo, e invece rilanciata in anni recenti da un mercato in evidente affanno – possa essere nuovamente colmata, con il contributo di tutti”.

Ma veniamo al programma. I film: “Inseparables” (Inseparabili) di Marcos Carnevale con Oscar Martinez e Rodrigo de la Serna, versione argentina del francese “Quasi amici”; “In Dubious Battle” di e con James Franco con Bryan Cranston, Ed Harris, Josh Hutcherson, Robert Duvall, Sam Shepard e Selena Gomez; “The Net” di Kim Ki-duk; “L’estate sta finendo” di Gabriele Muccino, che uscirà in sala il 15 settembre; “The Secret Life of Pets” (3D) di Chris Renaud e Yarrow Cheney; il debutto dietro la macchina da presa di Michele Santoro in “Robinù” (Italia); “My Art” di e con Laurie Simmons, con Lena Dunham e la rediviva Parker Posey (Usa).

Le serate del Cinema nel Giardino, gratuite e aperte a tutti – riprende il Direttore - offrono un ventaglio articolato di proposte di film diversi ed eterogenei, che hanno in comune la più o meno sotterranea intenzione di rivolgersi ad un pubblico il più vasto possibile, annullando o riducendo le distanze fra spettatori cinefili e quelli che cercano in primis un’occasione di intrattenimento non banale.
A questo punto, Barbera, passa ad illustrare il programma in dettaglio, partendo dai film in concorso che sono 19 + altri due anteprime fuori gara e i film di chiusura, il remake di “The Magnificent Seven” (I Magnifici 7), a sua volta ispirato ai “7 samurai” di Kurosawa (in versione restaurata a Venezia Classici) firmato dallo specialista del thriller d’azione Antoine Fuqua con Denzel Washington, Chris Pratt, Ethan Hawke, Vincent D’Onofrio, Byung-Hun Lee e Peter Sarsgaard.

Ecco i titoli in concorso: “The Bad Batch” dell’iraniana Ana Lily Amirpour (di cui abbiamo visto un mese nelle sale “A Girl Walks Home Alone in the Night”) con Suki Waterhouse, Jason Momoa, Keanu Reeves e Jim Carrey (Usa); “Une vie” di Stéphane Brizé, ennesima versione del romanzo di Guy de Maupassant (Francia-Belgio); “La La Land” di Damien Chazelle con Ryan Gosling ed Emma Stone, anche film d’apertura, (Usa); “The Light Between Oceans” di Derek Cianfrance con Michael Fassbender e la neopremio Oscar Alicia Vikander (Usa-Australia-Nuova Zelanda); “El ciudadano ilustre” (t.l. Il cittadino illustre) di Mariano Cohn e Gastòn Duprat con Oscar Martinez (Argentina-Spagna); “Spira Mirabilis”, documentario di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti (Italia-Svizzera); “Ang Babaeng Humayo (The Woman Who Left) di Lav Diaz che dura quasi tre ore (Filippine); “La regiòn salvaje” (tl La regione selvaggia) di Amat Escalante (Messico); “Nocturnal Animals” di Tom Ford con Jake Gyllenhaal e Amy Adams (Usa).

E ancora, “Piuma” di Roan Johnson, che secondo Barbera ha ritrovato lo spirito della vera commedia all’italiana di una volta (Italia); “Rai” (Paradiso) di Andrej Konchalovsky (Russia-Germania); “Brimstone” di Martin Koolhoven con Dakota Fanning e Guy Pearce (PaesiBassi-Germania-Belgio-Francia-GB-Svezia); il ritorno di Emir Kusturica con “On the Milky Road” con Monica Bellucci (Serbia-GB-Usa); “Voyage of Time”, un documentario particolare, fra scientifico ed esistenziale, di Terrence Malick, girato nel giro di dieci anni; “El Cristo ciego” (tl Il Cristo cieco) di Christopher Murray (Cile-Francia); “Frantz” di François Ozon (Francia-Germania); “Questi giorni” di Giuseppe Piccioni con Margherita Buy, Marta Gastini, Laura Adriani, Maria Roveran Caterina Le Caselle e Filippo Timi (Italia); “Arrival” di Denis Villeneuve con Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker; “Les beaux jours d’Aranjuez (3D)” di Wim Wenders su e con Nick Cave (Francia-Germania), “Jackie” del cileno Pablo Larraìn - arrivato in extremis – con Natalie Portman, Peter Sarsgaard, Greta Gerwig e John Hurt.

Omaggio a due registi scomparsi recentemente: a Michael Cimino con “L’anno del dragone” e Abbas Kiarostami con il suo “24 Frames” e “This is My Film: 76 Minutes and 15 Seconds with Kiarostami” realizzato da Seifollah Samadian, da sempre suo collaboratore che gli rende omaggio dietro le quinte.
Fuori concorso: “The Bleeder” di Philippe Falardeau con Liev Schreiber e Naomi Watts (Usa-Canada); il nuovo film di Mel Gibson regista, “Hacksaw Ridge” con Andrew Garfield, Vince Vaughn e Teresa Palmer (Usa-Australia); “The Journey” di Nick Hamm con Timothy Spall (GB); “A jamais” di Benoit Jaquot (Francia-Portogallo); “Gantz:O” film d’animazione di Yasushi  Kawamura (Giappone); “The Age of Shadows” di Kim Jee Woon (Corea del Sud); “Monte” dell’iraniano Amir Naderi (Italia-Usa-Francia).

Seguono, “Tommaso” di e con Kim Stuart con Camilla Diana, Jasmine Trinca e Cristiana Capotondi (Italia); “Planetarium” di Rebecca Zlotowski (Francia-Belgio) con Natalie Portman.
Inoltre ci sono anche sette documentari, tra cui “Our War” di Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia e Benedetta Argentieri; “Assalto al cielo” di Francesco Munzi; “American Anarchist” di Charlie Siskel, su un uomo che nel ’68 scrisse un libro su come fabbricare armi e bombe in casa e diventato un best seller (oltre due milioni di copie da allora), anche quando l’autore poi lo sconfessò; “Austerlitz” di Sergei Loznitsa, realizzato a Auschwitz.

Nella sezione Venezia Classici ci sono ben 20 lungometraggi e un cortometraggio restaurati, tra cui “Manhattan” di e con Woody Allen; “L’argent” di Robert Bresson, “Tutti a casa” di Luigi Comencini e “Dawn of the Dead - European Cut” (Zombi) di George A. Romero, nella versione curata da Dario Argento. 19 i lungometraggi e 16 corti a Orizzonti, dall’Argentina al Giappone; dalla Spagna al Nepal, e sarebbe lunga segnalarli tutti. Ricordiamo gli italiani “Liberami”, documentario di Federica Di Giacomo (Italia-Francia); “Il più grande sogno” di Michele Vannucci; e il corto “Molly Bloom” dell’attrice Chiara Caselli.
Naturalmente non è tutto perché ci sono ancora eventi, mostre, proiezioni collaterali e persino una Pre-apertura il 30 agosto 2016, proprio con “Tutti a casa” di Comencini in Sala Darsena al Lido.


Links correlati
http://www.labiennale.org
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal Web

Altri articoli di interesse
4-10
Cinema
FESTA DEL CINEMA DI ROMA
di Claudio Fontanini
27-7
Cinema
4 ITALIANI PER UN LEONE D’ORO
di Claudio Fontanini
30-9
Cinema
FESTA DEL CINEMA DI ROMA, TRA STAR E IMPEGNO
di Claudio Fontanini
29-9
Cinema
FESTA DI ROMA 10 E LODE
di Claudio Fontanini
5-9
Cinema
L’ATTESA DI PIERO MESSINA IN GARA
di Claudio Fontanini
29-7
Cinema
VENEZIA 72, SORPRESE IN MOSTRA
di José de Arcangelo
6-6
Cinema
NUOVO CINEMA PESARO 50+1
di José de Arcangelo

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma