mercoledì 22 novembre 2017 ore 11:46   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Festival  
giovedì 27 luglio 2017
di Claudio Fontanini
4 ITALIANI PER UN LEONE D’ORO
Il direttore Alberto Barbera annuncia il programma della 74. Mostra del Cinema
Un poker di film italiani in gara per il Leone d’Oro (per un totale di 20 titoli sparsi nelle varie sezioni), una nutrita pattuglia in rappresentanza del cinema americano (a differenza di quanto avvenuto all’ultimo Cannes) e u nuovo concorso sulla realtà virtuale (“Non sarà il futuro del cinema ma la sperimentazione e la ricerca coinvolge
Un poker di film italiani in gara per il Leone d’Oro (per un totale di 20 titoli sparsi nelle varie sezioni), una nutrita pattuglia in rappresentanza del cinema americano (a differenza di quanto avvenuto all’ultimo Cannes) e u nuovo concorso sulla realtà virtuale (“Non sarà il futuro del cinema ma la sperimentazione e la ricerca coinvolge oggi molti cineasti tradizionali” ha detto Alberto Barbera).
Svelato il programma della 74ma edizione della Mostra Internazionale d’Arte cinematografica in programma a Venezia dal 30 agosto al 9 settembre.

Mentre la cittadella del cinema al Lido va completando la sua rinascita dopo l’annus horribilis del 2010 (quest’anno per le attività della Virtual Reality verranno sfruttati gli spazi dell’isola del Lazzaretto Vecchio con i suoi storici edifici vuoti e parzialmente risanati) la nuova Mostra di Barbera punta al “consistere più che al manifestarsi, in controtendenza con molti festival di oggi che tendono alla bulimia filmica per giustificare la propria esistenza”.
“Più che l’istantanea del presente, o la foto ricordo della stagione del cinema che stiamo vivendo, i film che proponiamo” continua il Direttore sono in certo qual modo la percezione del futuro, l’indicazione di una o più vie che si aprono sul domani, testimoniano una rincorsa in avanti, scrutano l’orizzonte per avvistare un ‘dopo’”.

Con una doppia tematica che s’impone prepotentemente nelle opere selezionate (le migrazioni e la crisi della famiglia) ecco un cartellone variegato e per tutti i palati. Si va dal cinema d’autore alla commedia, dal fantasy al dramma sociale in un concorso che vedrà ben 15 registi partecipare per la prima volta alla competizione. Segno evidente di un rinnovamento in atto che Barbera registra felicemente per il cinema italiano.
Negli anni scorsi avevo lamentato lo scarto tra la quantità delle pellicole proposte e la loro qualità effettiva ma quest’anno la tendenza si è finalmente invertita. Se una rondine non fa primavera, tre o quattro sì. Ci sono degli esordi davvero incoraggianti e la proposta di nuovi modelli espressivi per quella che mi sembra una piccola nouvelle vague italiana”.

Ammore e malavita” dei Manetti Bros, sfrenato musical napoletano sulla camorra  con Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Claudia Gerini e Carlo Buccirosso; “Una famiglia” di Sebastiano Riso con Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel, “Hannah” di Andrea Pallaoro con Charlotte Rampling unica protagonista in scena e “The leisure Seeker” (ma in Italia uscirà  a gennaio col titolo di “Ella & John”), l’attesissimo primo film americano di Paolo Virzì con Helen Mirren e Donald Sutherland in un road movie nell’America profonda.

Eccoli i quattro italiani in concorso ai quali si accompagneranno altri 17 film. Tra i più attesi quello d’apertura (“Downsizing” di Alexander Payne con Matt Damon, Christoph Waltz), “Mother!” di Darren Aronofsky con Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Michelle Pfeiffer ed Ed Harris, “The shape of water”, la fiaba tra fantascienza ed ecologia di Guillermo Del Toro con Sally Hawkins e Michael Shannon, “La villa”, il bel ritorno del francese Robert Guédiguian col suo solito cast di attori feticcio (Ariane Ascaride, Jean-Pierre Darrouisin), “Three bill boards outside Ebbing, Missouri” di Martin McDonagh con FrancesMcDormand, Woody Harrelson e Sam Rockwell e il controverso “First reformed” di Paul Schrader con Ethan Hawke e Amanda Seyfried.

Ma la Mostra non è solo Concorso ed ecco disseminati nelle varie sezioni (Fuori concorso, Orizzonti e Cinema nel Giardino) ecco l’ultimo Takeshi Kitano (“Outrage Coda”, il film di chiusura della Mostra fuori concorso), un cortometraggio di 15’ di Gianni Amelio sul terremoto di Amatrice a un anno di distanza dal sisma (“Casa d’altri” in programma il 31 agosto), un evento speciale dedicato al restauro di “Michael Jackson Thriller” in 3D di John Landis, “Our souls at night” con l’accoppiata Robert Redford-Jane Fonda (entrambi saranno premiati col Leone alla carriera), “Victoria & Abdul” di Stephen Frears con Judy Dench, “Loving Pablo” di Fernando León De Aranoa con Javier Bardem nei panni di Escobar, “Il colore nascosto delle cose” di Silvio Soldini con Valeria Golino nei panni di una donna non vedente, il documentario di Abel Ferrara, “Piazza Vittorio”, “Brutti e cattivi” di Cosimo Gomez con Claudio Santamaria e Marco D’Amore, “La vita in comune” di Edoardo Winspeare e le prime due puntate di “Suburra- La serie” dirette da Michele Placido con Alessandro Borghi (sarà lui a condurre le serate di apertura e chiusura della Mostra).

E ancora, i film restaurati di Venezia Classici (“Deserto rosso”, “Novecento”, “Non c’è pace tra gli ulivi”, “La donna scimmia”), un documentario testamento su Paolo Villaggio firmato da Mario Sesti (“La voce di Fantozzi"), uno su Marco Ferreri (“La lucida follia di Marco Ferreri” di Selma Jean Dell’Olio) e tre proiezioni speciali (“La lunga strada del ritorno” di Alessandro Blasetti, “Barbiana ’65-La lezione di Don Milani” di Alessandro G.A. D’Alessandro e “Lievito madre- Le ragazze del secolo scorso” di Concita De Gregorio ed Esmeralda Calabria e le pillole d’archivio dell’Istituto Luce per festeggiare gli 80 anni di Cinecittà
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal Web

Altri articoli di interesse
30-9
Cinema
FESTA DEL CINEMA DI ROMA, TRA STAR E IMPEGNO
di Claudio Fontanini
28-7
Cinema
UNA MOSTRA DA INCORNICIARE
di José de Arcangelo
29-9
Cinema
FESTA DI ROMA 10 E LODE
di Claudio Fontanini
5-9
Cinema
L’ATTESA DI PIERO MESSINA IN GARA
di Claudio Fontanini
29-7
Cinema
VENEZIA 72, SORPRESE IN MOSTRA
di José de Arcangelo
6-6
Cinema
NUOVO CINEMA PESARO 50+1
di José de Arcangelo
21-10
Cinema
RISI, CALCI ALLO SCHERMO
di Redazione

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma