mercoledì 21 ottobre 2020 ore 17:51   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Notizie varie  
sabato 17 maggio 2014
di Redazione
Depardieu versione Strauss-Kahn
A Cannes è il giorno di Abel Ferrara con il film "Welcome to New York". Protagonista Gerard Depardieu, finanziere con aspirazioni politiche che somiglia maledettamente a Dominique Strauss-Kahn. Accanto a lui, l’affascinante Jaqueline Bisset nei panni della moglie che difende, fino all’ultimo, il marito fedifrago
Accolto con riserva dalla critica, come spesso capita ai film ispirati a fatti di cronaca pruriginosi, ma conteso al mercato del film di Cannes, Welcome to New York di Abel Ferrara s’ispira molto da vicino allo scandalo sessuale che ha travolto ed affossato l’ambizioso Dominique Strauss-Kahn. Sullo schermo, un ispirato Gerard Depardieu veste i panni del signor Devereaux, mentre il ruolo della moglie che tenta fino all’ultimo di salvare il marito fedifrago dalle accuse è la sempre bella Jacqueline Bisset.
Abel Ferrara usa e rielabora le immagini di una vicenda a sfondo sessuale che ha fatto subito il grio del mondo. E lo fa esplicitamente, prendendo una posizione netta nella vicenda sul tentativo di violenza carnale ai danni di una cameriera d’albergo di New York.

Sesso e bugie, potere e tradimento, ovvero il sale delle umane vicende. Ed è di questo che parla Welcome to New York. "Fin da Shakespeare - ha concluso Gerard Deperdieu - i grandi temi della tragedia sono il sesso, il potere, il denaro. Io non amo i politici, anzi li detesto e così non amo questo personaggio ma mi sono molto divertito a ricrearne la follia autodistruttiva e a lavorare con un grande autore come Abel Ferrara".
"A tutti e due - ha poi aggiunto - piacciono le cose fatte in fretta. Infatti ci abbiamo messo solo diciotto giorni a girarlo. In altre cose vado meno di fretta. Sei minuti mi sembrano davvero troppo pochi eppure in quell’albergo furono soltanto sei".
Il film verrà lanciato su alcune piattaforme online e si potrà vedere su internet al prezzo di 7 euro. (Fonte Ansa)

Links correlati
http://www.festival-cannes.com
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 






Foto dal Web

Altri articoli di interesse
1-10
Notizie varie
FALASTIN, il Festival della Palestina
di Redazione
15-9
Notizie varie
Da Venezia a Roma
di Claudio Fontanini
6-7
Notizie varie
Addio ad Ennio Morricone
di Redazione
28-5
Notizie varie
Il documentario "Passage to Mars" su Prime Video
di Redazione
12-5
Notizie varie
Daniele Vicari gira in ’smart working’
di Redazione
9-5
Notizie varie
David 2020: vince Il Traditore
di Claudio Fontanini
7-5
Notizie varie
Luci accese in sala, flash mob dell’Anec
di Redazione

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma