giovedì 13 giugno 2024 ore 01:43   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
martedì 21 maggio 2024
di Claudio Fontanini
Chien de la casse
Un maginifico esempio di cinema antropologico premiato con 2 César
Due inseparabili amici d’infanzia, un piccolo villaggio del Sud della Francia (Le Pouget) e una ragazza che arriva all’improvviso a mettere in pericolo quella relazione che sfida il tempo. 

Miglior opera prima César 2024 (dove ha ricevuto 7 nomination) Chien de la casse (Cane dello sfascio) è un magnifico esempio di cinema antropologico che mette in scena il mondo a parte della gioventù rurale, maggioranza invisibile alle prese con giornate da riempire e sogni lontani. 

Si conoscono da 15 anni Mirales (Raphael Quenard, rivelazione maschile dell’anno al César 2024) e Dog (Anthony Bayon). Girovagano tra le vie del borgo, ascoltano musica, bevono alcool, giocano a calcio, portano a spasso un cane e condividono un rapporto virile fatto di sudditanza accettata e silenzi complici. 

Col primo, nato a Grenoble e più grande, alle prese con una madre depressa e allergico a ogni padrone, mentre il secondo, più sensibile e introverso, pensa alla carriera militare e intanto perde la testa per una bella coetanea appena arrivata da Rennes che studia letterature comparate (Galatea Bellugi). 

Tra ricette della carbonara e bugie (Fanno male più a chi le dice che a chi le riceve), cene di compleanno e biglietti della lotteria, confessioni e tradimenti, il film di Jean- Baptiste Durand parla di fedeltà e fratellanza con rigore e grande carica umana

Merito delle magnifiche interpretazioni del terzetto di giovani attori, di dialoghi scarnificati eppure carichi di problematici sottotesti e di quella noia che confina con la violenza sempre pronta ad esplodere. Mentre follia e saggezza si danno la mano, si cita Montaigne (Tutti i giorni portano verso la morte, l’ultimo ci arriva) e un futuro più luminoso forse è ancora possibile.  Nota di merito per la No.Mad Entertainment che distribuisce il film solo in versione originale sottotitolata


 




In sala dal 23 maggio distribuito da No.Mad Entertainment      



Links correlati
http://www.no-madenterteinment.eu

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
10-6
Cinema
Dall’alto di una fredda torre
di Claudio Fontanini
10-6
Cinema
The animal kingdom
di Claudio Fontanini
10-6
Cinema
L’IMPERO
di Claudio Fontanini
3-6
Cinema
EL PARAISO
di Claudio Fontanini
27-5
Cinema
ROSALIE
di Claudio Fontanini
22-5
Cinema
MARCELLO MIO
di Claudio Fontanini
14-5
Cinema
Una storia nera
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma