giovedì 13 giugno 2024 ore 02:27   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
martedì 14 maggio 2024
di Claudio Fontanini
Una storia nera
La violenza domestica come un noir nel film di D’Agostini con la Casta
La violenza domestica raccontata attraverso il genere (il noir) ed evitando accuratamente le insidie del film manifesto. Succede in Una storia nera, il secondo lungometraggio dietro la macchina da presa di Leonardo D’Agostini (Nastro d’Argento nel 2019 come miglior regista esordiente per Il campione) che sceglie Laetitia Casta per incarnare il ruolo non semplice di una donna capace di passare da vittima a carnefice per riprendersi la propria vita.  

Sposata da 23 anni con un marito violento (Giordano De Plano, abbonato ai ruoli da cattivo), Carla ha deciso di dire basta a soprusi e maltrattamenti. Ora frequenta un altro uomo (Mario Sgueglia) e l’unico legame con l’ex marito sono i tre figli. Nicola (Andrea Carpenzano), Rosa (Lea Gavino) e la piccola Mara (Carola Orlandani). 

Vittime di una tragedia annunciata che si manifesta in tutto il suo orrore il giorno del quinto compleanno dell’ultima arrivata. Voluto in casa della madre dalla bambina (ma sarà andata così?) quel padre ingombrante- che continua a seguire le mosse del nuovo partner della moglie- sparisce nel nulla dopo la festa senza lasciare tracce. 

Trovato cadavere venti giorni dopo sulle rive del Tevere con due colpi di arma da taglio, sarà Carla ad autoaccusarsi dell’omicidio (per legittima difesa dice la donna) innescando un’indagine a ritroso da parte della giustizia (nei panni del Pubblico Ministero c’è Cristiana Dell’Anna) che dovrà fare luce su ciò che è realmente successo quella notte. 

Tra cambi di prospettiva e il sottile confine tra bene e male che rischia di essere oltrepassato, D’Agostini si muove tra flash back e rivelazioni in una sorta di Anatomia di una caduta italiana. Con quel senso di violenza ineluttabile che affiora tra le maglie bucate di una giustizia farraginosa e che spesso giudica prima di capire (In un processo non è importante cosa è vero e cosa è falso, conta ciò che pensano i giudici dice l’avvocato dell’accusata) e la sensazione di una vendetta privata da sopravvivenza che scatena il dibattito a fine proiezione. 

Ce la mette tutta la Casta a rendere credibile il suo personaggio ma quell’aria forzatamente dolente sul viso (soprattutto nelle sequenze in carcere) e la mancanza di quello scatto di personalità decisivo al compimento del suo piano fanno venire in mente cosa sarebbe questo film con un’altra attrice nei suoi panni. 

Tratto dall’omonimo romanzo di Antonella Lattanzi (edito da Mondadori) che ha scritto la sceneggiatura con D’Agostini e Ludovica Rampoldi


In sala dal 16 maggio distribuito da 01


Links correlati
http://www.01distribution.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
10-6
Cinema
Dall’alto di una fredda torre
di Claudio Fontanini
10-6
Cinema
The animal kingdom
di Claudio Fontanini
10-6
Cinema
L’IMPERO
di Claudio Fontanini
3-6
Cinema
EL PARAISO
di Claudio Fontanini
27-5
Cinema
ROSALIE
di Claudio Fontanini
22-5
Cinema
MARCELLO MIO
di Claudio Fontanini
21-5
Cinema
Chien de la casse
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma