martedì 5 dicembre 2023 ore 09:11   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Notizie varie  
giovedì 14 settembre 2023
di Claudio Fontanini
Vita da Carlo 2
Al via dal 15 settembre su Paramount+ la seconda stagione della serie diretta e interpretata da Verdone. Autobiografia e voglia di film d’autore nella vita frenetica dell’attore romano.
Da sindaco di Roma uscito dall’esperienza con le ossa rotte ad aspirante regista di un film d’autore e prigioniero di un produttore becero che gli propone un giovane veneto (il cantante Sangiovanni, al suo esordio da attore) nei panni di se stesso. 
E’ il Carlo Verdone di Vita da Carlo 2, la nuova serie che trasloca da Amazon Prime a Paramount+ e in onda per 10 episodi dal 15 settembre. 

Fare meglio della prima era difficile- confessa un soddisfatto Verdone alla presentazione alla stampa contornato da produttori (Luigi e Aurelio De Laurentiis) ed attori (Monica Guerritore, Ludovica Martino, Max Tortora, Stefania Rocca, Fabio Traversa- sì, il mitico Fabris che qui si prenderà la sua personale vendetta- Antonio Bannò e Caterina De Angelis) anche perché di solito i numeri 2 sono sempre peggio dell’originale ma io sono davvero contento del risultato finale. Ce l’ho messa tutta grazie ad una scrittura più compatta ed autobiografica (lo script è firmato dall’attore e regista romano con Pasquale Plastino, Ciro Zecca e Luca Mastrogiovanni). 

Abbiamo deciso di puntare su diversi colpi di scena e dare maggior anima e risvolti ai personaggi che ruotano intorno a me- continua Verdone- e poi è stato molto intrigante giocare con l’escamotage del cinema nel cinema con un bianco e nero avvolgente ispirato alle pellicole nordeuropee del primo ‘900. La mia recitazione è stata spontanea, mai preparata in prova per dare più verità al Carlo Verdone autentico. Molte improvvisazioni nascevano infatti dall’essere me stesso, con i miei tic e le mie involontarie goffaggini

Codiretta con Valerio Vestoso, Vita di Carlo 2 mette in scena l’ordinaria vita convulsa di un uomo travolto da appuntamenti ed eventi, familiari e di lavoro. Scenette grottesche ed esilaranti con spruzzate di malinconia ed autocitazioni delle sequenze più celebri dei suoi film con la partecipazione come guest stars di Maria De Filippi, Claudia Gerini, Gabriele Muccino, Zlatan Ibrahimovic, Fabio Fazio e Chrisrian De Sica

Con Verdone che vorrebbe mettere in piedi il suo film serio (Maria F., il mio Otto e mezzo) mentre intorno a lui si scatenano situazioni improbabili ed accadimenti d’ogni genere. Intanto è già in cantiere la terza stagione della serie (a novembre il via alle riprese) ma Verdone confessa che di quel film rigoroso sente davvero il bisogno nella realtà. 

Anche se Un sacco bello e Compagni di scuola sono commedie d’autore mi manca fare un film soltanto da regista in una storia non comica. Prima o poi lo farò, magari dopo aver scritto un bel romanzo

Sulle differenze tra girare un lungometraggio per la sala e una serie, Verdone ha le idee chiare. Fare una serie è molto più difficile e impegnativo. Ci vuole un gran fisico e si deve correre con i tempi ma paradossalmente il lavoro di scrittura è più facile perché meno circoscritto e sintetico. L’unica difficoltà è superare gli steccati di questo politicamente corretto che ci sta uccidendo creativamente. Trovo che viviamo in un’epoca di estremismi ridicoli che fatico a comprendere. 

Ora anche la Divina Commedia e il David di Michelangelo sono diventati pornografici…E poi è insopportabile che questi ammonimenti arrivino dall’America, un Paese dove impera l’industria del porno e che non può darci lezioni di moralità. Oggi tutta la commedia all’italiani anni ’60, la più bella, non potrebbe essere scritta conclude amaramente Verdone

Finale sullo stato del cinema italiano. Vedo gli incassi e mi deprimo, siamo sempre lontani da una ripresa accettabile. La gente fa la fila per Barbie e Oppenheimer ma i nostri film più di tanto non vanno. Invece di fare inutili polemiche sull’uso degli attori per film stranieri (ogni riferimento alle parole di Favino non è puramente casuale) bisogna riflettere seriamente sul sistema cinema in Italia. In questi anni hanno chiuso troppe sale e il futuro è un grande punto interrogativo. Ma dopo la terza stagione di Vita da Carlo voglio tornare a girare per il cinema.  




Links correlati
http://www.paramountplus.com
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
28-11
Notizie varie
Non ci resta che il crimine
di Claudio Fontanini
21-11
Notizie varie
Il metodo Fenoglio
di Claudio Fontanini
20-11
Notizie varie
Il rifugio delle anime
La redazione
15-11
Notizie varie
DallAmeriCaruso, il concerto perduto
di Claudio Fontanini
2-11
Notizie varie
My fair lady al Sistina
di Claudio Fontanini
30-10
Notizie varie
Lucca Comics: Together, verso la stessa direzione
di Simone Legnante
4-10
Notizie varie
Romics 31° omaggia Superman e il suo Power of Hope
di Simone Legnante

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma