lunedì 6 febbraio 2023 ore 01:19   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 9 gennaio 2023
di Claudio Fontanini
Grazie ragazzi
Il bel film di Milani con un grande Albanese sul potere liberatorio dell’arte
Il potere liberatorio dell’arte e una rieducazione culturale della quale avrebbero bisogno non solo i protagonisti di Grazie ragazzi, il nuovo film di Riccardo Milani che si affida per la quarta volta ad Antonio Albanese (mai così bravo con lui) stavolta nei panni di attore che si mantiene doppiando film porno e si ritrova in un istituto penitenziario a dirigere un  gruppo di detenuti alle prese con un laboratorio teatrale e la messinscena di Aspettando Godot di Samuel Beckett che qualcuno scambia per l’ex calciatore Beckham

Dai gemiti e gli orgasmi di rappresentanza (irresistibile la sequenza d’apertura e l’arrivo di Albanese al carcere) ad un concentrato di varia umanità per ridare un senso alla sua vita e a quella di  cinque detenuti (Vinicio Marchioni, Giorgio Montanini, Giacomo Ferrara, Andrea Lattanzi e Bogdan Iordachioiu, tutti bravissimi) che in quanto ad attese ne sanno qualcosa. 

Col testo di Godot e il teatro dell’assurdo che diventano manifesto di rinascita, individuale e collettiva, in un film su uno svago meraviglioso e liberatorio (la scrittura secondo Beckett) capace di riabilitare e nobilitare un’umanità al collasso. 

Ci scapperà persino una tournée tra prove spericolate e costumi di scena da indossare, risse in cortile ed aria di libertà, tecniche vocali (l’uso del diaframma), perquisizioni e regolamenti da rispettare. Mentre la direttrice del carcere (Sonia Bergamasco) vigila severa e l’amico teatrante cinico e vanesio di Antonio (Fabrizio Bentivoglio, perfetto) fiuta l’affare e si stupisce del talento nascosto di quella nuova e strampalata compagnia. 

Scritto dal regista di Come un gatto in tangenziale con Michele Astori, Grazie ragazzi- tratto dal Un triomphe, il film francese di Emmanule Courcol del 2020 e liberamente ispirato alla vera storia di Jan Jonson accaduta in Svezia nell’85- il film di Milani è una bella commedia popolare e mai banale che segue la scia de La stranezza di Andò (uno dei pochissimi film italiani del periodo capaci di incassare al botteghino) mettendo al centro della storia un palcoscenico, un autore e l’arte della rappresentazione

Con qualche lungaggine di troppo nella seconda parte e un cast affiatato che mette alla prova attori che fanno finta sul set di non esserlo per poi diventarlo. E un Albanese in stato di grazia (da brividi il suo monologo finale) che ci ricorda come si recita col corpo oltre che con le parole e gli sguardi.        




In sala dal 12 gennaio distribuito da Vision   


Links correlati
http://www.visiondistribution.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
30-1
Cinema
I nostri ieri
di Claudio Fontanini
30-1
Cinema
GLI SPIRITI DELL’ISOLA
di Claudio Fontanini
24-1
Cinema
IL PRIMO GIORNO DELLA MIA VITA
di Claudio Fontanini
23-1
Cinema
A letto con Sartre
Claudio Montatori
16-1
Cinema
La ligne
di Claudio Fontanini
16-1
Cinema
L’innocente
di Claudio Fontanini
16-1
Cinema
BABYLON
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma