venerdì 4 dicembre 2020 ore 02:06   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
domenica 11 ottobre 2020
di Cristina Giovannini
Imprevisti digitali
Nuove tecnologie e disavventure di uno sconclusionato terzetto di amici

Un flusso inarrestabile e continuo di innovazioni tecnologiche che corre più veloce del vento e attraversa come un tornado le nostre esistenze, sconvolgendone tempi e ritmi, che si fanno ancor più frenetici per chi non riesce a stare al passo.
La deriva digitale moderna, globalizzata, assurta a nuova religione è il tema di Imprevisti Digitali, commedia sociale più amara che dolce diretta dal duo Benoit Delepine e Gustave Kervern; pellicola che è stata molto apprezzata al 70mo Festival del cinema di Berlino, dove si è aggiudicata l’Orso d’Argento.

Vi si narrano, tra il serio e il faceto, le disavventure di tre amici, impersonati dai bravi: Blanche Gardin, Corinne Masiero e Denis Podalydes, qui in veste di vicini di casa in un sobborgo periferico francese che a causa della loro inettitudine nel rapportarsi alle nuove tecnologie vanno incontro ad una serie di spiacevoli imprevisti.

Marie teme di rovinare il rapporto con suo figlio adolescente perché è finita, a sua insaputa, on line in un film che la ritrae mentre fa sesso e l’autore del video compromettente la ricatta.
Bertrand
intrattiene una relazione telefonica con una seducente centralinista delle isole Mauritius, tale Miranda, e cerca di proteggere sua figlia dal cyberbullismo a scuola; Christine, dipendente compulsiva di serie Tv, lavora come autista privato ed è a caccia di like, cioè le valutazioni che si danno on line, che le consentano di accaparrarsi più clienti possibili.

La vicenda si snoda così in una serie di situazioni comico-paradossali, animata da personaggi strampalati primo su tutti un hacker super esperto, che vive all’interno di un pilone di una pala eolica e si fa chiamare, guarda caso, Mr.Dio.
Il Dio, in fondo, di questa umanità disumanizzata, che ingabbia le vite e schiaccia tutti coloro che non riescono a rapportarsi con le innovazioni del web.

“Questa tecnologia ci ammazzerà” è il grido di dolore dei tre protagonisti, ben consapevoli dei pericoli insiti in Internet e a tutto ciò che vi ruota intorno.
Non mancano sprazzi e situazioni divertenti, ma nell’insieme la pellicola pecca di eccessiva superficialità laddove, forse, una tematica così attuale ed importante avrebbe meritato un po’ più di approfondimento.
Orientata per lo più sulla comicità spicciola, la trama si sfilaccia in una serie di eventi e situazioni forzate come i viaggi di Marie e Bertrand, l’una si reca nientemeno che a Palo Alto nella Sylicon Valley e l’altro a Mauritius dove i suoi sogni si infrangeranno davanti alla sua Miranda che altri non è che un’asettica e fredda Intelligenza Artificiale.

In sala dal 15 ottobre distribuito da Officine Ubu


Links correlati
http://www.officineubu.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
24-11
Cinema
Elegia americana
di Claudio Fontanini
24-11
Cinema
Il buco in testa
di Claudio Fontanini
19-11
Cinema
GLI INDIFFERENTI
di Claudio Fontanini
13-11
Cinema
La vita davanti a sé
di Claudio Fontanini
8-11
Cinema
THE SPECIALS
di Claudio Fontanini
24-10
Cinema
Cosa sarà
di Claudio Fontanini
19-10
Cinema
I PREDATORI
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma