martedì 14 luglio 2020 ore 02:26   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Notizie varie  
martedì 12 maggio 2020
di Redazione
Daniele Vicari gira in ’smart working’
Primo ciak per “Il Giorno e la Notte”, il nuovo film di Daniele Vicari, che nel rispetto del distanziamento e delle norme anti Covid 19, reagisce "creativamente" alla paura e all’isolamento apportati dagli oltre 2 mesi di quarantena. E suggerisce: "cosa accade ai nostri sentimenti in questa condizione?"
In tempi di Covid-19, è partito il primo ciak di Il Giorno e la Notte, il film diretto da Daniele Vicari che, in attesa che si riaprano i set cinematografici, ha trovato insieme agli attori - Dario Aita, Elena Gigliotti, Barbara Esposito, Francesco Acquaroli, Isabella Ragonese, Matteo Martari, Milena Mancini, Vinicio Marchioni, Giordano De Plano - e il produttore Andrea Porporati, un escamotage creativo per poter girare nel rispetto di tutte le norme sanitarie e sindacali - ovvero a distanza e in smart working.


L’idea di fare un film nonostante il Lockdown e il distanziamento sociale, le mascherine e la paura del contagio... nasce proprio dalla voglia di tradurre artisticamente questo momento condivisa con i miei principali collaboratori e con un gruppo di attori e attrici che amo profondamente, per reagire creativamente alla paura, non per “raccontare il Coronavirusma quella condizione di isolamento e restrizione che ha caratterizzato gli ultimi due mesi della nostra vita e che negli ultimi anni avevamo già sperimentato a causa di attentati terroristici che si sono susseguiti da Londra a Madrid, da New York a Parigi.

La paura di circolare liberamente, la restrizione della libertà, ci pone delle domande importanti offrendo drammaturgicamente una grande occasione di racconto: per esempio cosa accade ai nostri sentimenti in questa condizione? Cosa accade alle coppie se costrette dentro le pareti domestiche, senza possibilità di fuga?”, dichiara il regista, che insieme a Andrea Porporati e Francesca Zanza con la Minollo Film, producono Il Giorno e la Notte.
Un film concepito esattamente come un “film domestico” basato sulle regole dello smart working, praticando una sorta di “smart filming”.

Il regista, infatti, a casa sua - nel rispetto delle norme vigenti – sta coordinando il lavoro degli attori – a casa loro; con l’ausilio del direttore della fotografia (Gherardo Gossi), della scenografa (Beatrice Scarpato), delle costumiste (Francesca e Roberta Vecchi). Anche loro supervisionano le rispettive aree di competenza da remoto, senza mai mettere piede fisicamente sul set, che corrisponde alle dimore degli attori, che effettuano anche le riprese. Un film corale e collettivo che fa uso anche di veri partner: tre coppie della storia su quattro lo sono anche nella vita e questo permette l’interazione nella recitazione.

Il tutto quindi viene diretto a distanza, avvalendosi delle straordinarie opportunità date dalla tecnologia. Nei luoghi di residenza in cui si trovano in questi giorni, gli attori sono stati dotati di un Kit con il quale gestiscono la camera che li sta filmando, creando dunque un set dove
essi stessi, sulla base di un progetto comune di regia, hanno campo libero.
In Il Giorno e la Notte storie di coppie corrono parallele unificate da una situazione: improvvisamente il telegiornale dà la notizia che è in corso un misterioso attentato chimico nella città di Roma.

Tutti sono obbligati a serrarsi in casa. Nessuno può più uscire. Le strade osservate dalle finestre si svuotano. Che sta succedendo? Intanto le coppie asserragliate dentro le mura domestiche si trovano messe alle strette, in un confronto intimo e inesorabile che spesso è scontro, ma anche incontro, e che soprattutto porta a nuove consapevolezze.
Il film è scritto da Daniele Vicari e Andrea Cedrola (coautore con Andrea Delogu di La Collina), montaggio di Andrea Campajola, musiche originali di Teho Teardo.

Un film dunque in piena regola, artisticamente parlando, nato dal desiderio di alcuni lavoratori dello spettacolo di non stare fermi in questo momento, ma di raccontare a modo loro, con un film appunto, una storia che esprima questi tempi e fare cinema nonostante, sempre e comunque, non fermandosi di fronte alle difficoltà tecniche: “perché anche nei momenti più difficili la creatività può trovare nuove vie e stimoli. Non un Istant movie ma una storia vera e propria, di pura finzione, girata ai tempi del Coronavirus, e destinata al pubblico domani”, conclude Vicari.

Links correlati
http://www.puntoevirgolamediafarm.com
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto da Studio Punto e Virgola

Altri articoli di interesse
6-7
Notizie varie
Addio ad Ennio Morricone
di Redazione
28-5
Notizie varie
Il documentario "Passage to Mars" su Prime Video
di Redazione
9-5
Notizie varie
David 2020: vince Il Traditore
di Claudio Fontanini
7-5
Notizie varie
Luci accese in sala, flash mob dell’Anec
di Redazione
27-4
Notizie varie
Ciao Giulietto, dasvidania
di Redazione
27-4
Notizie varie
Primo maggio in musica
La redazione
20-4
Notizie varie
Finestre Resistenti
di Redazione

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma