lunedì 23 settembre 2019 ore 09:08   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
venerdì 12 luglio 2019
di Ludovica Brusaferri
Il cinema indiano sbarca anche a Roma
Non solo Bollywood. All’Isola Tiberina prosegue la rassegna di film del "River to River"
A fine giugno è uscito nelle sale italiane SIR-Cenerentola a Mumbai. Il 12 e 13 luglio all’Isola Tiberina verranno proiettati Manmarziyaan e Storeys. Tutti e tre i film sono arrivati in Italia grazie a River to River, il festival dedicato al cinema indiano, che si svolge tutti gli anni a Firenze
nella prima settimana di dicembre.
Non solo Bollywood. Nel film SIR-Cenerentola a Mumbai- presentato a Cannes durante la Settimana della Critica nel 2018 e che ha inaugurato la scorsa rassegna del 2018 di River to River - c’è una sola, breve, scena di ballo.
Diretto dalla indiana Rohena Gera e interpretato da Tillotama
Shome e Vivek Gomber, il film è prevalentemente ambientato in un appartamento dalla vista mozzafiato sulla città ma dai colori cupi, che ben rispecchiano lo stato d’animo dei due protagonisti: giovane vedova proveniente da uno sperduto villaggio lei, costruttore insoddisfatto e
reduce dalla rottura della promessa di un matrimonio probabilmente combinato lui.

Il sottotitolo aggiunto nella versione italiana rimanda immediatamente alla favola della ragazza di umili origini, che fa la domestica per pagare gli studi alla sorella e finisce per coronare in maniera
del tutto inaspettata i suoi sogni.
Sullo sfondo di un’India dai perenni contrasti tra modernità e arretratezza, tradizione e dissolutezza, ricchezza e miseria, il film racconta la storia dell’incontro tra due anime irrequiete e sensibili.
Ratna è “ardita”, come il suo stesso padrone la definisce ma il suo personaggio è pur sempre quello di una donna che la società indiana tuttora accetta solo se almeno formalmente sottomessa.

L’appellativo che riserva in maniera ossequiosa e ripetitiva al ricco Ashwin è SIR, ereditato dai dominatori inglesi e destinato agli uomini di censo sociale superiore. Egli sarà in grado di rispettarla, comprenderla ed incoraggiarla anche professionalmente quasi più dei suoi pari, che non le risparmiano umiliazioni e derisioni.
Eppure anche lui alla fine riuscirà a sottrarsi alle regole non scritte e alle aspettative della sua famiglia solo tornando in Occidente, quasi a significare che occorra ancora trovare rifugio in un approccio ai rapporti interpersonali che il suo Paese non è ancora pronto ad assimilare completamente.
Il film è gradevole. Anche se il ritmo non è certo travolgente e gli esiti delle vicende sono a tratti forse fin troppo prevedibili, la storia di Ratna e Ashwin riesce comunque far sognare lo spettatore. E soprattutto a fargli assaporare odori, suoni, misteri e scorci di vita di una delle megalopoli oggi più popolate e pulsanti del mondo.

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 










Foto dall’Ufficio Stampa

Altri articoli di interesse
18-9
Cinema
Selfie di famiglia
di Cristina Giovannini
16-9
Cinema
C’ERA UNA VOLTA...A HOLLYWOOD
di Claudio Fontanini
12-9
Cinema
GRANDI BUGIE TRA AMICI
di Cristina Giovannini
3-9
Cinema
MARTIN EDEN
di Claudio Fontanini
9-7
Cinema
Il ritratto negato
di José De Arcangelo
8-7
Cinema
SPIDER-MAN:FAR FROM HOME
di Claudio Fontanini
2-7
Cinema
Annabelle 3
di José de Arcangelo

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma