giovedì 13 giugno 2024 ore 03:48   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 13 maggio 2024
di Claudio Fontanini
RITRATTO DI UN AMORE
Una misteriosa e burrascosa relazione di copppia nel bel film di Provost
Un amore fuori dalle regole in bilico tra arte e vita, una passione travolgente che scatena sensi e ispirazione pittorica, un’unione indissolubile capace di superare tradimenti e bugie. Non è il solito biopic a fondo storico questo Ritratto di un amore firmato da Martin Provost e passato lo scorso anno a Cannes nella sezione Première
Un amore fuori dalle regole in bilico tra arte e vita, una passione travolgente che scatena sensi e ispirazione pittorica, un’unione indissolubile capace di superare tradimenti e bugie. Non è il solito biopic a fondo storico questo Ritratto di un amore firmato da Martin Provost e passato lo scorso anno a Cannes nella sezione Première.

 Anticonvenzionale e puntato sulla misteriosa e burrascosa relazione di coppia tra Pierre Bonnard (Vincent Macaigne), uno dei più grandi pittori francesi del XX secolo che ha contribuito a creare un ponte tra l’impressionismo e l’astrazione esplorata dai post-impressionisti, e la sua enigmatica musa Marthe de Méligny (una magnifica Cécile De France), il nuovo film del regista di Séraphine e Violette inquadra il ruolo della donna di fine ‘800 attraverso la personalità e i comportamenti di un personaggio capace di ribellarsi alle convenzioni d’epoca. 

Dal primo incontro del 1893 nello studio parigino del pittore- con Bonnard che invita l’insofferente e seducente modella a mostrare il seno- all’ultima carezza del 1942- con la donna, diventata moglie malata e smemorata, che spira nel suo letto mentre il marito promette di disegnarle il mandorlo di nuovo in fiore- Ritratto di un amore è la storia di un sentimento in trasformazione ma incapace di cessare definitivamente negli anni

Con quella commessa di un negozio di fiori artificiali divisa a metà tra sincerità e mitomania (Martha si finge al pittore una nobile decaduta) e il pittore famoso  che ne farà una diva inconsapevole ritraendola (per lo più nuda e col volto sfocato) in un terzo dei suoi dipinti. Mentre i sentimenti e la voglia di notorietà non vanno a braccetto (lui frequenta il beua monde parigino, lei lo pretende e lo reclude ad una vita naturalista a La Roulotte, la casa sulle rive della Senna in Normandia) e un terzo incomodo (una giovane modella francese di origini italiane) verrà vampirizzato dalla coppia nel tentativo di ritrovare antichi slanci erotici ed artistici. 

Intanto scoppia la guerra, i figli non arrivano (Bonnard detesta la vita borghese), Martha soffre di attacchi asmatici (bellissimo il primo orgasmo col piacere che diventa dolore facendosi manifesto di tutta la relazione a venire) e il pittore della felicità (così veniva etichettato Bonnard) aspira a tormenti caravaggeschi. 

Emozionante ed elegante, intimo e moderno, Ritratto di un amore è la rappresentazione plastica di un’ossessione, rivelata solo in parte da luci e colori sulla tavolozza. Una febbre creativa alimentata da sensi di colpa e impulsi violenti messa in scena con la forza del grande cinema dei sentimenti. 

Quello fatto di piccoli dettagli rivelatori, di sguardi che dicono tutto e di un sottotesto esemplare in cui si nasconde il cuore di questo film straziante e libertino. Con visite a sorpresa (Claude Monet, amico di  Bonnard e in cerca di ninfee da rappresentare) e la critica esemplare a quel gioco sociale che fa della visibilità la propria essenza. E un viaggio di sola andata  verso la follia col quale sfidare le regole del tempo.         

 
In sala dal 16 maggio distribuito da I Wonder Pictures   


Links correlati
http://www.iwonderpictures.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
10-6
Cinema
Dall’alto di una fredda torre
di Claudio Fontanini
10-6
Cinema
The animal kingdom
di Claudio Fontanini
10-6
Cinema
L’IMPERO
di Claudio Fontanini
3-6
Cinema
EL PARAISO
di Claudio Fontanini
27-5
Cinema
ROSALIE
di Claudio Fontanini
22-5
Cinema
MARCELLO MIO
di Claudio Fontanini
21-5
Cinema
Chien de la casse
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma