lunedì 6 febbraio 2023 ore 00:11   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
martedì 29 novembre 2022
di Claudio Fontanini
Monica
La natura dell’identità e il potere dei ricordi nel bel film di Pallaoro
Un saggio cinematografico sulla natura precaria dell’identità, il ritratto intimo e umanissimo di una donna in fuga dal passato e costretta dagli eventi a guardarsi nuovamente nello specchio familiare con riflessi diversi. 

Passato in concorso all’ultima Mostra del cinema di Venezia, Monica di Andrea Pallaoro esplora temi universali (abbandono, accettazione, riscatto e perdono) attraverso uno stile che coniuga sapientemente estetica ed intimità. 

Senza ricatti morali, retorica e l’uso di scene madri, la terza regia di Pallaoro dopo Medeas e Hannah (Coppa Volpi alla Rampling a Venezia 74) sceglie il formato sperimentale quadrato 1.2:1 e la camera fissa per stringere in primo piano i pensieri della sua straordinaria protagonista (l’attrice transgender Trace Lysette) lasciando i paesaggi fuori dal centro di questo film struggente e doloroso, sommesso e rigoroso. 

Con la Monica del titolo che torma alla sua famiglia d’origine dopo essersene allontanata dall’adolescenza. Non posso più farti da madre si sentì dire da quella genitrice (Patricia Clarkson) che non approvava il desiderio di quel ragazzo che voleva diventare donna e che ora versa in gravi condizioni per un tumore terminale. 

Accolta da cognata e fratello, Monica si riappropria di quella vecchia casa che l’ha vista crescere e che adesso la ospita come una straniera agli occhi di quella madre che non può (non vuole?) riconoscerla. Fisicamente e moralmente. 

Riannodare i fili di una vita attraverso i ricordi d’infanzia e la vista di oggetti che rivivono nel presente (splendida la sequenza nella casa in penombra con Monica che tocca e odora i vecchi mobili), una collana materna indossata allo specchio per provare a sentirsi diversa, un antico carillon a far risuonare una musica dolcissima come una madeleine proustiana. 

Mentre quella madre sofferente, che all’inizio si vede presentare Monica come aiuto infermiera, instaura a poco a poco  una complicità di sguardi (da brividi la sequenza dal parrucchiere con Se perdo te di Patty Pravo in sottofondo) che fa rima con accoglienza filiale. 

Scritto da Pallaoro con Orlando Tirado, Monica diventa così una sorta di via crucis affettiva, un percorso di redenzione attraverso il dolore e la consapevolezza di se stessi (trasformarsi per sopravvivere) che nel magnifico finale diventa anche un passaggio di consegne generazionale e persino un atto politico.        

In sala dal 1 dicembre distribuito da I Wonder Pictures

Links correlati
http://www.iwonderpictures.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
30-1
Cinema
I nostri ieri
di Claudio Fontanini
30-1
Cinema
GLI SPIRITI DELL’ISOLA
di Claudio Fontanini
24-1
Cinema
IL PRIMO GIORNO DELLA MIA VITA
di Claudio Fontanini
23-1
Cinema
A letto con Sartre
Claudio Montatori
16-1
Cinema
La ligne
di Claudio Fontanini
16-1
Cinema
L’innocente
di Claudio Fontanini
16-1
Cinema
BABYLON
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma