martedì 6 dicembre 2022 ore 23:53   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 21 novembre 2022
di Claudio Fontanini
Tori e Lokita
Due piccoli martiri del nostro tempo nel nuovo film dei Dardenne
Storie di sopravvivenza e di disagi minorili, di immigrazioni e sfruttamento. Il cinema dei fratelli Dardenne prosegue il suo cammino con Tori e Lokita, premio del 75° anniversario a Cannes 2022. L’arte della sottrazione e del descrivere un mondo con pochi ed essenziali elementi è ancora la bussola stilistica di questo tentato viaggio dall’invisibilità al diritto riconosciuto di due giovanissimi  africani sbarcati in Belgio

Lui ha 12 anni e poteri magici (lo straordinario Pablo Schils), lei 16 (Joely Mbundu) vorrebbe diventare una domestica ed è in attesa dei documenti per l’asilo. Si dichiarano fratello e sorella (lo sono veramente?) e intanto vivono nel centro accoglienza, cantano al karaoke di un locale (Alla fiera dell’est di Branduardi), spacciano droga per lo chef, subiscono umiliazioni sessuali (Mi sento sporca dice Lokita), hanno debiti con chi li ha aiutati ad arrivare sin lì (anche la Chiesa non aiuta…) e mandano soldi a casa alla madre (anche se la donna crede che i due tengano i miseri guadagni tutti per loro). 

Con l’umanità in esilio e il rapimento di Lokita chiusa in un bunker a curare piante di marijuana fino a debito estinto. Interrogatori e trafficanti, attacchi d’ansia e perquisizioni, schiaffi in faccia per ogni voglio e un sottosuolo urbano come un labirinto dal quale è forse impossibile uscire vivi in un film in apparenza semplice e sin troppo schematico che supera le trappole del film a tesi grazie alla resa prodigiosa e naturalista dei due giovani attori esordienti

Mentre i Dardenne fanno dei personaggi persone e non simboli politici cercando la  verità più che l’intrigo. Magari non riuscendo ad eguagliare capolavori come Rosetta e L’Enfant ma dando voce e corpo a due martiri del nostro tempo che restano a lungo negli occhi e nella mente dello spettatore.           


In sala dal 24 novembre distribuito da Lucky Red    


Links correlati
http://www.luckyred.it/

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’ufficio stampa

Altri articoli di interesse
6-12
Cinema
Saint Omer
di Claudio Fontanini
5-12
Cinema
IL CORSETTO DELL’IMPERATRICE
di Claudio Fontanini
30-11
Cinema
Orlando
di Claudio Fontanini
29-11
Cinema
Monica
di Claudio Fontanini
27-11
Cinema
Nessuno deve sapere
di Claudio Fontanini
27-11
Cinema
FOREVER YOUNG
di Claudio Fontanini
21-11
Cinema
Spaccaossa
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma