venerdì 12 agosto 2022 ore 04:36   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
mercoledì 1 giugno 2022
di Claudio Fontanini
MARCEL!
L’esordio alla regia di Jasmine Trinca sospeso tra sogno e realtà
Una madre e una figlia, la vita e l’arte, i sentimenti inconfessati e il principio creativo. A due anni di distanza dal suo esordio dietro la macchina in presa in un cortometraggio (Being My Mom), Jasmine Trinca si riaffida alle stesse attrici (Alba Rohrwacher e la piccola Maayane Conti) per il debutto da regista sul grande schermo.
Una madre e una figlia, la vita e l’arte, i sentimenti inconfessati e il principio creativo. A due anni di distanza dal suo esordio dietro la macchina in presa in un cortometraggio (Being My Mom), Jasmine Trinca si riaffida alle stesse attrici (Alba Rohrwacher e la piccola Maayane Conti) per il debutto da regista sul grande schermo. Presentato in anteprima a Cannes in proiezione speciale, Marcel! è un film doloroso e autobiografico (dedica finale ai genitori), astratto e sin troppo programmatico. 

Sinossi scarna: una bambina ama sua madre, ma sua madre ama Marcel, il suo cane. Personaggi senza identità (l’animale è l’unico ad essere chiamato per nome) per una storia di fantasmi del passato, ricerca del proprio posto nel mondo e di ricordi laceranti che si fanno (o provano a farsi) salvifica immagine artistica. 

Con quella donnina esile e lunare che da artista di strada si accompagna al suo fedele cagnolino nelle sue esibizioni e intanto trascura la figlia che per farsi notare dovrà compiere un gesto estremo. Giornate assolate nella Roma testaccina e suonate di sax in attesa di esibirsi vicino alla madre, visite ai nonni (il silenzioso Umberto Orsini e una Giovanna Ralli che sublima il ricordo del figlio morto) e coetanei che la snobbano o non la capiscono. 

Cosa cerchiamo se non risposte, se non ritorni? si chiede quella Gelsomina che confonde circo e realtà e si erge a guida spirituale di un film indefinito e sfumato che vive di slanci e cadute, sequenze metafisiche e visioni dal futuro. 

Tra ombre cinesi e gambe intrecciate, cacce mistiche al cinghiale e prove di suicidio (Portami con te dice la figlia alla madre assorta sul muro), scrigni sul cuore, sagre del cocomero (coi sosia di Al Bano e Romina che cantano Ci sarà) e danze di aquiloni (bellissimo e struggente il finale), Marcel! (scritto dalla Trinca con Francesca Manieri) è opera di attese e silenzi (Niente è invisibile agli occhi come quello che si vede) che rinuncia all’empatia emozionale con lo spettatore rifugiandosi nel minimalismo sperimentale che si traduce nel compiaciuto più che nel sentito

Con sequenze allungate oltremisura, tempi rarefatti che si fanno morti e la via dell’onirico a farsi largo. Peccato perché alla Trinca il coraggio non manca e la direzione degli attori è notevole (nel cast apparizioni di Dario Cantarelli, Giuseppe Cederna, Valentina Cervi e camei di Valeria Golino e Paola Cortellesi) ma nonostante la divisione in dieci capitoli che dovrebbero segnare le tappe di una trasformazione interiore dei personaggi a dominare è lo schema più che la complessità psicologica.      

In sala dal 1 giugno distribuito da Vision


Links correlati
http://www.visiondistribution.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
11-7
Cinema
X- A SEXY HORROR STORY
di Claudio Fontanini
6-7
Cinema
Io e Spotty
di Claudio Fontanini
5-7
Cinema
THOR: LOVE AND THUNDER
di Claudio Fontanini
1-7
Cinema
Una boccata d’aria
di Claudio Fontanini
28-6
Cinema
LA MIA OMBRA E’ TUA
di Claudio Fontanini
21-6
Cinema
La ragazza ha volato
di Claudio Fontanini
20-6
Cinema
I giovani amanti
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma