domenica 24 ottobre 2021 ore 16:48   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
mercoledì 29 settembre 2021
di Claudio Fontanini
No time to die
Daniel Craig per l’ultima volta nei panni di James Bond nel film di Fukunaga
James Bond punto e capo. L’addio al personaggio di Daniel Craig, al quinto 007 in 15 anni, fa il paio con una sorta di bilancio esistenziale di uno dei personaggi più amati della storia del cinema. 

Venticinquesimo capitolo della saga, No time to die è la solita passeggiata in giro per il mondo (location in Giamaica, Isole Faroe e scozzesi, NorvegiaMatera e Gravina di Puglia) condita da azione e sentimenti mai così presenti in un film dell’agente segreto più famoso del mondo. 

Si comincia con un bellissimo prologo con madre e figlia (da grande sarà Lea Seydoux) attaccate da un misterioso killer mascherato e ci si tuffa nei consueti titoli di testa animati accompagnati dalle note dell’omonima e splendida canzone di Billie Eilish per poi scoprire un Bond in versione vacanza romantica. 

Ma finché ci si guarda le spalle il passato non muore e allora il film diretto dall’americano Cary Fukunaga riporta in azione lo 007 in esilio volontario alla ricerca del cattivo di turno. Che stavolta veste i panni di Lyutsifer Safin (Rami Malek), uno che ha avuto un’infanzia segnata dal dolore e ora riprogramma col Dna bio robot mentre custodisce un tesoro tossico che potrebbe distruggere l’umanità

Tra segreti da bruciare e vecchi nemici coi quali forse collaborare (Christoph Waltz nei panni di Blofeld), aerei invisibili e un vecchio progetto destinato ad altri usi che finisce in mani sbagliate, occhi bionici e navi affondate con un carico di ricordi, giardini avvelenati dalla diossina e dilemmi filosofici (Il libero arbitrio? Le persone vogliono l’oblio…) No time to die rivela inaspettate paternità e mette al centro della scena un Dio invisibile che si insinua sotto la pelle (vi ricorda qualcosa?). 

Perché le infezioni, dell’anima e del corpo, sono uno dei temi centrali di questa estenuante (2h43’) e pirotecnica avventura di un Bond che si dichiara per la prima volta pentito in amore e deve fronteggiare, come gli ricorda il capo dell’MI-6 Ralph Fiennes, nemici invisibili che fluttuano nell’etere. Perché oggi è difficile distinguere male, cattivi ed eroi ma alla fine, per ritrovare il mito, basterà raccontare una vecchia storia a chi non c’era…         



In sala dal 30 settembre distribuito da Universal Pictures 


Links correlati
http://www.universalpictures.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
18-10
Cinema
Petite maman
di Claudio Fontanini
18-10
Cinema
FRANCE
di Claudio Fontanini
15-10
Cinema
L’Arminuta
di Claudio Fontanini
11-10
Cinema
La Padrina
di Claudio Fontanini
11-10
Cinema
MARILYN HA GLI OCCHI NERI
di Claudio Fontanini
11-10
Cinema
Ariaferma
di Claudio Fontanini
4-10
Cinema
Il materiale emotivo
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma