domenica 11 aprile 2021 ore 13:53   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
domenica 14 febbraio 2021
di Claudio Fontanini
Music
L’esordio da regista della popstar Sia con un musical candidato a 2 Golden Globe
Preceduto dalle polemiche e dalle accuse alla cantante seguite dall’uscita in patria, Music, il debutto dietro la macchina da presa dell’australiana Sia arriva in streaming in Europa accompagnato dal cd (l’ottavo in studio) della popstar. 

E sì perché questo rischioso percorso di rinascita, fisica e spirituale, vuol essere un musical drammatico (coreografie di Ryan Heffington) con ambizioni figurative. 
Alla morte della nonna, la Music del titolo (Maddie Ziegler, la giovane ballerina e attrice interprete dei videoclip della cantante dal 2014 in Chandelier), un’adolescente che soffre di autismo non verbale, viene presa in consegna dalla sorellastra Zu (Kate Hudson), passato turbolento fatto di alcolismo e tossicodipendenza e nessuna voglia di tenere fede al suo nuovo ruolo di tutrice legale. 

Tra convulsioni e allergie, uova fritte a colazione e libertà condizionata, spiriti guida e archivi mentali, immaginazione e feste in piscina sul marciapiede (una delle sequenze più belle del film) il film di Sia- fermo tre anni in postproduzione e candidato a 2 Golden Globe (miglior film commedia o musicale e Kate Hudson come miglior attrice) mette al centro la difficoltà di espressione e comunicazione tra individui che si risolve in un inno al potere della musica

Peccato che il problema principale di Music- al di là di chi avrebbe voluto una vera autistica per interpretare il ruolo della protagonista- è che sono proprio le sequenze da musical a non convincere. 

Attento nella descrizione di ambienti e personaggi secondari (Leslie Odom Jr. è il vicino di casa che nasconde un segreto, Héctor Elizondo il portiere dello stabile) con la passeggiata mattutina di Music che diventa un affare di quartiere (nota di merito per quel tenero grassone costretto dal padre adottivo a tirare di boxe), il film di Sia (autrice anche della sceneggiatura con Dallas Cleyton) si sfilaccia proprio nei numeri che accompagnano i brani della colonna sonora. 

Incerti tra psichedelia e kitsch i dieci brani che sostanziano i pensieri non detti dei personaggi rallentano così ritmo e anima di una pellicola che inizialmente non li prevedeva. 
Il tema era scivoloso e l’arte della retorica sempre in agguato ma Sia non cade nella trappola del bieco sentimentalismo sfruttando a meraviglia l’interpretazione magistrale di Kate Hudson, sguardo in bilico sul mondo e voglia di sfidare regole e convenzioni. 

Storia di una famiglia disfunzionale in cerca di pace e redenzione questo Music ha un andamento altalenante e discontinuo tra cruda realtà e fughe salvifiche nelle note. Nel cast cammeo di Juliette Lewis (chi si rivede!) e della stessa Sia che interpreta autoironicamente se stessa nelle vesti di una pop star senza frontiere che acquista antidolorifici destinati ad Haiti per beneficenza.       


In programmazione dal 22 al 28 febbraio solo su MusicIlFilm.it (Prevendite aperte)      


Links correlati
http://www.musicilfilm.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
10-4
Cinema
GOVERNANCE
di Claudio Fontanini
7-4
Cinema
Thunder road
di Claudio Fontanini
2-4
Cinema
Rosso
di Claudio Fontanini
31-3
Cinema
Un confine incerto
di Claudio Fontanini
22-3
Cinema
IL MIO CORPO VI SEPPELLIRÀ
di Claudio Fontanini
19-3
Cinema
Apples
di Claudio Fontanini
17-3
Cinema
Nonostante la nebbia
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma