lunedì 10 agosto 2020 ore 12:31   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
mercoledì 15 luglio 2020
di Claudio Fontanini
Gli infedeli
Mastandrea e Scamarcio traditori seriali nel remake di Mordini
Il tradimento come stile di vita, la bugia come comandamento. E una domanda: è possibile rimanere fedeli al proprio partner dopo 10 anni di convivenza? Sulla scia della commedia all’italiana anni ’60 e ’70 arriva su Netflix, Gli infedeli, remake nostrano dell’omonimo film francese del 2012 diretto da Emmanuelle Bercot, Fred Cavajé, Alexandre Courtès, Jean Dujardin, Michel Hazanavicius, Eric Lartigau e Gilles Lellouche e interpretato  dagli stessi Dujardin e Lellouche con Guillaume Canet. 

Diretto da Stefano Mordini  e sceneggiato dal regista con Filippo Bologna e Riccardo Scamarcio (qui anche produttore) il film si articola in cinque episodi che mettono alla berlina i vizi del maschio latino in un girotondo di peripezie amorose tra mogli, amanti e fidanzate. Con Scamarcio (al terzo film con Mordini dopo Pericle il nero e Il testimone invisibile) e Valerio Mastandrea impegnati su più fronti e cambiamenti di look. 

C’è il marito che confessa alla moglie la propria scappatella (Quanto mi piaceva piacere…) salvo scoprire, dopo divertente discussione ideologica, che ha subito lo stesso trattamento dalla consorte (Valentina Cervi); c’è un dipendente in trasferta lavorativa che tenta in ogni modo di portarsi a letto una donna con esiti infelici; c’è un anonimo e dimesso marito pelato (un sinistro Mastandrea che aggiorna il Manfredi di Vedo nudo) che finge di andare alla partita di basket preferendo invece i club a luci rosse e i buchi nella parete e c’è un ricco cornificatore seriale che fa credere alla moglie (Laura Chiatti) di essere allucinata. 

Aperto da un prologo con Massimiliano Gallo e Euridice Axen in burrascosa partenza per le Maldive e chiuso da una cena al maschile con sorpresa finale, il film di Mordini tra stoccate sessiste e citazioni (Se un uomo tradisce, tradisce a metà Julio Iglesias dixit), ribaltamenti di ruolo e matasse di narcisismo da sbrogliare, è agile e leggero (durata 85’), senza troppe pretese e ben interpretato da un cast affiatato. 

Certo, chi si aspettasse originalità e invenzioni rimarrebbe deluso. Ma in tempi di magra cinematografica come questi, per una serata estiva di cinema casalingo all’insegna del sorriso ci si può accontentare.

Su Netflix dal 15 luglio

Links correlati
http://www.netflix.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
21-6
Cinema
MATTHIAS & MAXIME
di Claudio Fontanini
12-6
Cinema
DA 5 BLOODS
di Claudio Fontanini
8-6
Cinema
L’amore a domicilio
di Claudio Fontanini
26-5
Cinema
Bar Giuseppe
di Claudio Fontanini
15-5
Cinema
I MISERABILI
di Claudio Fontanini
14-5
Cinema
Georgetown
di Claudio Fontanini
7-5
Cinema
FAVOLACCE
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma