venerdì 5 giugno 2020 ore 00:55   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
domenica 15 dicembre 2019
di Cristina Giovannini
Il mistero di Henri Pick
Commedia esilarante dai risvolti noir con un grande Luchini critico d’arte
Un libro che sconvolge le vite di tante persone rimescolandone le priorità e il senso, scritto da un autore misterioso la cui ricerca dà vita a una avvincente caccia per scoprirne l’identità.

Il mistero di Henry Pick, adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo dell’eclettico scrittore parigino David Foenkinos, è una brillante commedia dai risvolti noir diretta da Rémi Bezançon e mirabilmente interpretata da Fabrice Luchini, il più carismatico attore francese del momento.

L’enigmatico scritto si intitola Le ultime ore di una storia d’amore ed è stato scoperto in Bretagna, in una singolare biblioteca dedicata ai manoscritti rifiutati dagli editori, da Daphne Despero una giovane rampante editor che ne ha intuito il potenziale commerciale.
Il testo porta la firma di un certo Henri Pick un pizzaiolo scomparso da due anni, che nella sua vita non sembra aver mai scritto altro che la lista della spesa a detta della moglie Madeleine da cui Daphne si reca per prendere informazioni sul marito.

Anche la figlia dell’uomo, Josephine, sembra abbastanza scettica sulla possibilità che il padre si sia dedicato alla letteratura, ma viene smentita ritrovando in cantina una scatola con dentro una macchina da scrivere e un libro di Puskin a cui l’autore sembra essersi ispirato.
Sia come sia, il libro viene pubblicato e si impone da subito come un successo editoriale. Sospettando un caso costruito a tavolino, il critico letterario Jean Michel Rouche, affiancato da Joséphin Pick inizia così ad indagare. Quale sarà la verità? Chi si nasconde dietro al nome di un semplice pizzaiolo?

In questo vero e proprio thriller letterario Rouche /Luchini, un attore sempre in stato di grazia, facendo la spola tra Parigi e la Bretagna, con ostinata determinazione e convinto sempre più che si tratti di un falso, riesce a trovare il bandolo della matassa grazie a situazioni esilaranti e sorprendenti. Affiancato dalla brava Camille Cottin (la protagonista della serie Netflix Call My Agent) che gli fa egregiamente da spalla.

Ma al di là della vicenda in sé, che comunque diverte ed appassiona e regala momenti unici come nella scena in cui Luchini recita imitando Margherite Duras, Il mistero di Henri Pick è un film che lancia un messaggio ben preciso, tanto più lodevole in questa epoca tutta virata al virtuale, facendoci riscoprire l’importanza e il potere dei libri.

E ci mostra come la forza delle parole e delle storie raccontate sulle pagine possano influire nelle nostre vite, cambiandole in meglio.
Proprio ciò che accadrà al protagonista.

In sala dal 19 dicembre 2019 distribuito da I Wonder Pictures


Links correlati
http://www.iwonderpictures.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
26-5
Cinema
Bar Giuseppe
di Claudio Fontanini
15-5
Cinema
I MISERABILI
di Claudio Fontanini
14-5
Cinema
Georgetown
di Claudio Fontanini
7-5
Cinema
FAVOLACCE
di Claudio Fontanini
29-4
Cinema
TORNARE
di Claudio Fontanini
24-4
Cinema
7 ORE PER FARTI INNAMORARE
di Claudio Fontanini
2-3
Cinema
VOLEVO NASCONDERMI
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma