martedì 18 giugno 2019 ore 19:49   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
mercoledì 12 giugno 2019
di Claudio Fontanini
I MORTI NON MUOIONO
Un atto d’accusa contro i fantasmi del capitalismo firmato Jim Jarmush
Una cittadina immaginaria nel cuore della provincia americana, la radio e la tv che annunciano il cambio di rotazione dell’asse terrestre, strani accadimenti che si susseguono tra lo sconcerto dei 738 abitanti e due poliziotti (Bill Murray e Adam Driver) chiamati ad indagare. 

Dai magnifici ed elegantissimi vampiri di Solo gli amanti sopravvivono (2013) agli zombie di questo I morti non muoiono che ha aperto l’ultimo festival di Cannes, per Jim Jarmush è sempre una questione di aldilà. E così mentre gli animali domestici scompaiono o si snaturano, gli orologi si fermano, i telefoni vanno ko e la luce solare si prolunga oltremisura ecco avanzare dalle tombe un esercito di non morti che si nutrono di esseri viventi risvegliati dai propri desideri in vita (Wi-fi, Chardonnay, Caffè…). 

Tra fattori razzisti (Steve Buscemi) e rubapolli eremiti (Tom Waits), brani tormentone (The dead don’t die del cantautore country Sturgill Simpson) e vecchie auto d’epoca (la Pontiac Le Mans del ’68 in omaggio a George Romero), metacinema (Andrà a finire male, lo so perché ho letto il copione dice Adam Driver ad un impassibile Bill Murray deluso per il trattamento artistico riservatogli dal regista) e un’addetta funebre che forse arriva da un altro pianeta (Tilda Swinton) I morti non muoiono è uno zombie movie allegro ma non troppo nel quale si sorride più per le caratterizzazioni dei personaggi (nel cast anche Chloë Sevigny, Iggy Pop, Danny Glover e Selena Gomez) che per la struttura narrativa. 

Flemmatico e prevedibile (con nota di demerito per l’evitabile  spiegone finale), stralunato e poco spaventevole, il film di Jarmush si risolve in un atto d’accusa contro i capitalismo e i suoi fantasmi (Gli zombie siamo noi...) raccontato dall’angolatura di una cittadina che si fa mondo (Centerville). Il cast amicale ed affiatato non basta a risollevare le sorti di questo divertissement d’autore dal fiato corto che non brilla di certo per originalità nella filmografia di uno dei più importanti cineasti del cinema indipendente statunitense. 

In sala dal 13 giugno distribuito da Universal Pictures


Links correlati
http://www.universalpictures.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
16-6
Cinema
La prima vacanza non si scorda mai
di Cristina Giovannini
3-6
Cinema
JULIET, NAKED
di Claudio Fontanini
31-5
Cinema
L’angelo del crimine
di José de Arcangelo
27-5
Cinema
ROCKETMAN
di Claudio Fontanini
24-5
Cinema
Pallottole in libertà
di Cristina Giovannini
24-5
Cinema
Quel giorno d’estate
di Cristina Giovannini
24-5
Cinema
IL TRADITORE
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma