martedì 18 giugno 2019 ore 19:59   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 25 marzo 2019
di Claudio Fontanini
Border
Un sorprendente fantasy sulle identità nascoste di due creature fuori dal mondo
Un film liberatorio e perturbante, un mix di horror e romanticismo, un pugno allo stomaco che diventa carezza gentile, un film ufo imparagonabile a nulla visto finora sullo schermo. Può attrarre o respingere ma di certo non si rimane indifferenti di fronte a Border- Creature di confine, il secondo lungometraggio del regista svedese di origini iraniane Ali Abbasi

Tratto da Gräns, un racconto di John Ajvide Lindqvist, definito lo Stephen King scandinavo e già autore del best seller tradotto in 12 lingue Lasciami entrare, il film è un viaggio nelle identità e nella natura segreta di due personaggi in bilico tra istinti bestiali e struttura sociale. Tina (Eva Melander) è una strana creatura dall’aspetto deforme. Vive in uno squallido appartamento isolato nel bosco con un uomo che alleva cani da combattimento, ogni tanto fa visita al padre malato e di giorno lavora come agente della dogana nota per il suo olfatto eccezionale. 

Capace di fiutare stati d’animo e smascherare sensi di colpa, paure e vergogna, un giorno si imbatte in uno strano uomo dall’apparenza sospetta che la mette a dura prova. Vore (Eero Milonoff)  è un essere indecifrabile dal quale Tina inizia ad essere irresistibilmente attratta. Sarà l’inizio della loro storia d’amore a farle scoprire la sua vera identità e a rivelarle che la sua vita, fino a quel momento, era stata soltanto una menzogna. Rivelare di più sarebbe troppo ma il film di Ali Abbasi, che scivola inesorabilmente dall’horror alla favola dark, si diverte a scardinare le regole e le convenzioni dei generi trasportando lo spettatore in un mondo- letteralmente- a parte. 

Sorprendente e repellente (per certe sequenze occorrono stomaci forti), originale, favolistico e un po’ compiaciuto, Border combina una moltitudine di elementi in modo unico tra tra incubatrici di larve e cicatrici da fulmini, difetti genetici (Tina non può avere figli…) e pedopornografia (la parte debole del film, il sub plot dell’indagine investigativa che nel libro non esiste), ovuli non fertilizzati e sete di vendetta verso il genere umano (Se ti senti diversa è perché sei migliore di loro dice Vore a Tina). 

Con l’intento di osservare la realtà e la nostra società attraverso un universo parallelo (anche se il film non parla certo della contrapposizione  Noi/Loro), Border scava oltre la superficie mettendosi al servizio di altri corpi e altri sguardi. Un film di e su minoranze che mette in scena l’invisibile e  getta un ponte tra realtà e fantasia. 

Di certo non per tutti ma quelli che avranno la pazienza e la capacità di comprendere queste creature dalla coda recisa forse li scopriranno meno lontani di quel che sembrano. Miglior film a Cannes nella sezione Un Certain Regard, candidato all’Oscar per il miglior trucco, vincitore agli EFA per i migliori effetti visivi e, in Italia, miglior film all’ultimo Noir in Festival. 

In sala dal 28 marzo distribuito da Wanted, PFA e Valmyn 


 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
16-6
Cinema
La prima vacanza non si scorda mai
di Cristina Giovannini
12-6
Cinema
I MORTI NON MUOIONO
di Claudio Fontanini
3-6
Cinema
JULIET, NAKED
di Claudio Fontanini
31-5
Cinema
L’angelo del crimine
di José de Arcangelo
27-5
Cinema
ROCKETMAN
di Claudio Fontanini
24-5
Cinema
Pallottole in libertà
di Cristina Giovannini
24-5
Cinema
Quel giorno d’estate
di Cristina Giovannini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma