domenica 21 aprile 2019 ore 07:02   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
lunedì 11 febbraio 2019
di José de Arcangelo
La vita in un attimo
un inno all’amore in due storie incrociate che viaggiano nel tempo
Dan Fogelman creatore della serie televisiva Golden Globe This is Us, sceneggiatore del primo film della saga d’animazione Cars – Motori ruggenti e regista di La canzone della vita - Danny Collins con Al Pacino, stavolta si cimenta con un dramma sentimentale, anzi due storie esistenziali incrociate, tra passato e presente, destino o caso, in La vita in un attimo (Life Itself), scritto, co-prodotto e diretto da lui stesso.

Le vicende di Will (Oscar Isaac) e Abby (Olivia Wilde) e la loro travolgente love story, dal loro primo incontro al college al primo appuntamento, dal matrimonio al concepimento di un figlio, fino all’inaspettata e traumatica separazione. E man mano che la storia va avanti, si riveleranno i legami che li legano a Dylan (Olivia Cooke), una giovane ribelle che cerca di sfuggire alla sofferenza; a Irwin (Mandy Patinkin) che cresce la figlia di suo figlio cercando di tenerla al riparo dal dolore, infine al signor Saccione (Antonio Banderas), ricco proprietario terriero spagnolo, e alla famiglia del suo dipendente Javier (Sergio Peris-Mancheta) che gestisce vigneto e uliveto, dove vive con la moglie Isabel (Laia Costa) e il figlio Rodrigo (Alex Monner).

Sceneggiato dallo stesso Fogelman, il film è un ambizioso melodramma che, grazie a flash back e flash forward, va avanti e indietro nel tempo come in un giallo, per rivelare pian piano allo spettatore il collegamento fra le due storie intrecciate. 
Un quadro di vita vissuta, carico di emozioni e sentimenti, per ricordarci ancora una volta che è l’amore a reggere tutto, nel bene e nel male.

Questo film – dice Fogelmanparla della vita e di quanto sia enorme, confusa, piena d’amore e anche di tragedie. Questo film parla delle persone. Ne esplora i trionfi e i fallimenti, la tristezza e la felicità, racconta di questa cosa strana ma bellissima che ci accomuna tutti; la vita”.

Tutto vero, peccato che il regista a tratti si trascini troppo cercando di dare la ‘spiegazione’ ricorrendo a scene ripetitive, rallentando il ritmo, anche quando alcune situazioni vengono narrate sui toni della commedia. Comunque, La vita in un attimo coinvolge soprattutto – oltre alla struttura e qualche vera emozione – per un cast di tutto rispetto e all’altezza della situazione. L’ispirazione, oltreché colonna sonora, proviene dal leggendario album Time Out of Mind di Bob Dylan. La psicologa Cait Morris è interpretata da Annette Bening.

Nelle sale italiane dal 14 febbraio distribuito da Cinema 
 

Links correlati
http://www.cinemasrl.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
16-4
Cinema
Ma cosa ci dice il cervello
di Claudio Fontanini
16-4
Cinema
Cyrano, mon amour
di José de Arcangelo
14-4
Cinema
Le Invisibili
di Cristina Giovannini
7-4
Cinema
L’UOMO FEDELE
di Cristina Giovannini
2-4
Cinema
Dolceroma
di Claudio Fontanini
1-4
Cinema
NOI
di Claudio Fontanini
27-3
Cinema
DUMBO
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma