lunedì 10 dicembre 2018 ore 16:22   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
giovedì 6 dicembre 2018
di José de Arcangelo
Il castello di vetro
Un melodramma familiare ispirato ad una storia vera con Woody Harrelson padre anticonformista
Il castello di vetro di Destin Daniel Cretton è il classico melodramma familiare ispirato alla storia vera della giornalista Jeannette Walls, raccontata nel romanzo best-seller omonimo. 
Ma la sua è una famiglia eccentrica, resiliente (affronta eventi traumatici in maniera positiva) e affiatata, storia di un amore (odio) incondizionato. Andando avanti e indietro nel tempo racconta la vita di una giovane donna (Brie Larson, premio Oscar per Room) che, ispirata dalla natura anticonformista e ribelle del suo problematico padre (Woody Harrelson) – che rinnega e sfugge le istituzioni e le regole sociali -, trova la determinazione di costruirsi una vita di successo, seguendo le proprie regole lontana dal genitore.

Una sorta di fiaba dark, molto cinematografica, che racconta una vita vissuta tra macchine e baracche, promesse non mantenute e bisogni repressi, sempre in fuga, fino ai vertici dell’editoria di New York.
Sceneggiato dal regista e da Andrew Lanham, The Glass Castle (titolo originale), come nel libro, svela il segreto che la giornalista aveva custodito a lungo sulla sua giovinezza: un’infanzia particolarmente oscura, fatta di povertà, catastrofi, atti di ribellione e reclusione dalla società. Però è soprattutto la storia di una famiglia particolare, disfunzionale, che ha comunque qualcosa in comune con tutte le altre, dai conflitti alle avventure, dai sentimenti alle sorprese, dalla luce accecante alle tenebre del mondo.

Questa è la magia della narrazione – afferma Jeannette Wells - se una persona riesce a trovare il coraggio di raccontare il proprio vissuto, allora ciò consentirà ad altre persone di essere oneste. E’ molto importante fare i conti con il proprio passato, e spero che la mia storia incoraggi le altre persone a ripercorrere la loro”.
Questa è una storia così personale per Jeannette – ribatte il regista -, quando l’ho letta, è diventata incredibilmente personale anche per me. La mia infanzia non è stata pazzesca come la sua, ma mi sono ritrovato molto nella sua scoperta dell’amore e delle sue molte sfaccettature e al modo in cui ogni famiglia può vivere momenti belli e anche momenti difficili e spaventosi. Sembrava reale, accessibile e così catartica. E’ una di quelle storie che ti fanno sentire più connesso con il mondo e meno solo.

Peccato che Cretton (già autore dei premiati I am not a Hipster e Short Term 12) si dilunghi per oltre due ore, in modo convenzionale, rischiando di trascurare l’attenzione dello spettatore e di sprecare una storia davvero interessante, senza evitare una certa retorica che pervade i drammi familiari di stampo hollywoodiano. 

Nelle sale italiane dal 6 dicembre distribuito da Notorious Pictures
   

Links correlati
http://www.notoriouspictures.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal web

Altri articoli di interesse
10-12
Cinema
Il testimone invisibile
di Claudio Fontanini
10-12
Cinema
LA DONNA ELETTRICA
di Claudio Fontanini
7-12
Cinema
Lontano da qui
di Cristina Giovannini
6-12
Cinema
La casa delle bambole
di José deArcangelo
3-12
Cinema
Santiago, Italia
di Claudio Fontanini
3-12
Cinema
COLETTE
di Claudio Fontanini
26-11
Cinema
ADDIO A BERNARDO BERTOLUCCI
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma