martedì 12 novembre 2019 ore 11:41   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Teatro » Recensioni  
domenica 18 febbraio 2018
di Claudio Fontanini
Toro sedato
Rodolfo Laganà indiano capitolino tra risate e riflessioni sul quotidinao
Quando appare in scena, con quel faccione bonario e rassicurante, pensi subito a una Roma pacioccona e tollerante che non c’è più. Forse è per questo che ogni nuovo spettacolo di Rodolfo Laganà è un’occasione di divertimento e di riflessione sul  nostro tempo ma, soprattutto, una sorta di come eravamo che diventa quasi medicina contro la volgarità e i coattume imperanti. In Toro sedato, in scena al Salone Margherita fino al 18 marzo, l’attore romano indossa i panni di un indiano metropolitano che sposa la filosofia del fare finta di non capire tanto cara ai giorni nostri. Al grido di battaglia di Ao’ invece di Augh, Laganà passa in rassegna usi e costumi, abitudini e vizi del nostro quotidiano. 

Dalla raccolta differenziata (La fai solo se ti guarda qualcuno…) al sopravvento della tecnologia (Internet? Farsi gli affari degli altri in tempo reale. Un gelato su Facebook? Tu lo assaggi e agli altri piace!), dalla spesa al supermercato- una sorta di paese delle meraviglie delle offerte speciali- ai viaggi infernali sui mezzi pubblici (Il posto in autobus? Uno status symbol !), dalle visite in banca (Altro che fido, pure le penne c’hanno la catenella attaccata) alle turbolenze della vita di coppia (Alle donne dico: non cercate un secondo fine negli uomini. Ne abbiamo uno solo…). 

E poi ancora Cristoforo Colombo (Il primo indiano della Storia, lo soprannominavano l’indeciso) e i punti di riferimento spariti, giochi di parole (il linguaggio calcistico usato come quello degli elettricisti), un omaggio agli invisibili che ci passano accanto e un brindisi alla lentezza. Sognatore maggiorenne che riflette da fermo (Mia nonna mi diceva: come te movi fai danno e da allora sto fermo…) Laganà-Toro sedato passa dal tutto sommato al tutto sottratto in un viaggio metropolitano che invita ad usare bene le parole (Non vanno sprecate, sono come l’acqua) e a non chiudere gli occhi di fronte a chi ci chiede aiuto. 

Per uno che tifava sin da bambino per le minoranze (Nei film western si gridava arrivano i nostri. I loro piuttosto…) quasi un passaggio obbligato. 
Intelligente, arguto e sensibile, Toro sedato- scritto da Laganà con Paola Tiziana Cruciani e Roberto Corradi (scene di Alida Cappellini e Giovanni Licheri) regala anche riusciti siparietti canori (musiche originali di Sasà Flauto) nei quali è affiancato da Deborah Johnson.  


Links correlati
http://www.salonemargherita.com
 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 






foto dal web

Altri articoli di interesse
18-10
Teatro
Nodo alla gola
di Cristina Giovannini
15-3
Teatro
I giganti della montagna
di Claudio Fontanini
26-1
Teatro
Così impari
di Claudio Fontanini
24-1
Teatro
Il padre
Claudio Fontanini
11-3
Teatro
In cattedra con Bentivoglio
di Claudio Fontanini
2-1
Teatro
Il tesoro di mamma
di Cristina Giovannini
27-12
Teatro
Un’ora di tranquillità
di Cristina Giovannini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma