giovedì 19 luglio 2018 ore 21:14   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
domenica 5 novembre 2017
di Claudio Fontanini
The Square
Provocatorio e grottesco il film di Ostlund premiato a Cannes con la Palma d’Oro
Un museo d’arte contemporanea, un’installazione che invita all’altruismo e alla condivisione, il furto di un telefono cellulare che scatena una serie di imprevedibili eventi. Provocatorio e allarmante, grottesco, contraddittorio e inclassificabile, The square di Ruben Östlund (Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes) mette in scena una parabola filosofica sul disorientamento sociale ed individuale di un uomo che predica bene e razzola male. 
Al centro della storia c’è Christian (l’elegante Claes Bang), il curatore del museo di Stoccolma alle prese con donazioni e finanziamenti e il lancio di una nuova opera. Si chiama The square ed è un quadrato illuminato ai lati e al centro del quale recita l’iscrizione “santuario di fiducia e amore, entro i cui confini tutti abbiamo gli stessi diritti e gli stessi doveri”.

E così mentre in strada la gente sfreccia veloce e indifferente di fronte a barboni e questuanti (sì, c’è del marcio anche in Svezia) di fronte e all’interno di quell’installazione dovrebbe fare i conti con la propria coscienza mettendo da parte perbenismo e puritanesimo. 
A cominciare dall’algido Christian, uno che scappa di fronte alle richieste di aiuto e quando non può proprio dire di no viene rapinato del cellulare. Per riaverlo ecco un piano ingegnoso e vagamente minatorio. Localizzato il telefono grazie al gps, ecco una serie di lettere anonime imbucate nottetempo nel palazzo periferico dove si trova e che invitano tutti gli inquilini a restituirlo pena lo sconvolgimento della propria vita. 
Col telefono recuperato ecco però mettersi in atto, come nella slavina di Forza maggiore che scatenava la serie causa effetto, un complesso meccanismo social-psicologico che vedrà coinvolti adulti e bambini.

Col film di  Östlund che mette alla berlina i pregiudizi sociali e il linguaggio incomprensibile dell’arte, le responsabilità etiche e le fragili certezze umane, l’uso della tecnologia (la campagna virale che diventa un boomerang) e la seduzione del potere. 
Con sequenze irresistibili (l’assalto al buffet degli ospiti della mostra, il preservativo conteso dopo l’atto sessuale, l’esibizione dell’uomo scimmia e l’uomo afflitto dalla sindrome di Tourette che disturba l’intervista dell’artista vanesio), un umorismo che confina col patologico e un magnifico uso del sonoro (si veda la scena del confronto tra Christian e la giornalista che si è portata a letto, ambientata in una sala del museo con le sedie accatastate che rimandano rumori sinistri). 
Peccato che alla lunga (davvero troppi 145’) il gioco e il messaggio siano sin troppo scoperti e il rigore formale e il controllo stilistico di una regia calibrata finiscano quasi per soffocare il tutto. 

Nelle sale dal 9 novembre con distribuzione Teodora

Links correlati
http://www.teodorafilm.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal Web

Altri articoli di interesse
12-7
Cinema
Peggio per me
di José de Arcangelo
5-7
Cinema
STRONGER-IO SONO PIU’ FORTE
di José de Arcangelo
4-7
Cinema
Estate 1993
di Claudio Fontanini
28-6
Cinema
La truffa del secolo
di José de Arcangelo
28-6
Cinema
L’ALBERO DEL VICINO
di Claudio Fontanini
18-6
Cinema
THELMA
di Claudio Fontanini
15-6
Cinema
A QUIET PASSION
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma