venerdì 23 giugno 2017 ore 19:19   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
giovedì 11 maggio 2017
di José de Arcangelo
ALIEN COVENANT
Secondo prequel della saga aliena di culto con Michael Fassbender e James Franco.Dirige Ridley Scott
Ecco il tanto atteso prequel-sequel firmato dal ‘creatore’ Ridley Scott, un film – sempre tra fantascienza e horror – che è il collegamento tra il primo, sconvolgente, Alien (1979) e l’ultimo Prometheus (riproposto l’altro ieri da Raidue), già prequel, di cui riprende il personaggio dell’androide interpretato da Michael Fassbender, in doppio ruolo, David/Walter. Alien: Covenant
Ecco il tanto atteso prequel-sequel firmato dal ‘creatore’ Ridley Scott, un film – sempre tra fantascienza e horror – che è il collegamento tra il primo, sconvolgente, Alien (1979) e l’ultimo Prometheus (riproposto l’altro ieri da Raidue), già prequel, di cui riprende il personaggio dell’androide interpretato da Michael Fassbender, in doppio ruolo, David/Walter. Alien: Covenant può deludere i fan della saga perché oltre a tentare una riflessione esistenziale fra creazione e distruzione, potere e contaminazione, ha riferimenti  e citazioni che vanno dal capolavoro di Stanley Kubrick 2001: Odissea nello spaio (l’inizio ma soprattutto in Hal 9000, l’invisibile cervello elettronico che guida l’astronave) e persino allo stesso Blade Runner, da A.I. Intelligenza artificiale al precedente Prometheus, appunto.

Comunque il film, che dovrebbe sigillare la serie – ma è già  deciso un terzo prequel-sequel – offre quel che promette e coinvolge, nonostante il susseguirsi  di situazioni prevedibili per chi non solo conosce e l’ha seguita attraverso i sequel, diretti da registi diversi (da James Cameron a Jean-Pierre Jeunet). E se l’alieno è sempre lo stesso e ‘ricicla’ la sua nascita, incubandosi nei corpi umani, l’androide ha suo gemello, e secondo lo stereotipo umano, uno buono l’altro cattivo.
Dieci anni dopo la precedente puntata, l’astronave Covenant trasporta migliaia di coloni e di embrioni verso un pianeta dalle caratteristiche simili al nostro.

Ma l’equipaggio dormiente, sotto la veglia del fedele androide Walter (Fassbender), viene risvegliato dall’esplosione di una stella che provoca danni alla nave ma anche decine di morti. Però durante la lunga traversata nello spazio s’imbatte in un altro pianeta che sembra anch’esso con le stesse caratteristiche e che è ‘otto anni’ più vicino dalla destinazione finale. Ovviamente troveranno, anziché un paradiso l’inferno… extraterrestre.
Sceneggiato da Michael Green, Jack Paglen e John Logan, Alien: Covenant non presenta grandi sorprese, si avvicina sempre di più alle misteriose origini dell’alieno madre, e riserva qualche attimo di suspense e brivido e si avvale di un Fassbender doppio, anche se lo spettatore riesce a prevedere in ‘lui’ dei particolari che l’equipaggio sembra non vedere.

Ma Scott recupera il suo tocco elegante e al tempo stesso ‘orrorifico’ del primo film, offrendo un’ottima resa ‘visiva’. Del resto la corretta Katherine Waterston (Daniels) ha il fisico (e il duro allenamento) ma non la grinta di Sigourney Weaver, affiancata da James Franco (Branson), Billy Crudup (Oram), Carmen Ejogo (Karine), Danny McBride (Tennessee), Demian Bichir (Lope), Jussie Smollett (Ricks), Callie Hernandez (Upworth) e Guy Pearce (Peter Weyland) nell’accattivante prologo. La protagonista femminile l’abbiamo vista in “Animali fantastici e dove trovarli”.
Ma il solito quesito riguarda noi, il “chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo”, visto che l’androide domanda al suo creatore, “tu mi hai creato, allora sei tu Dio?”. E, forse, anche Alien ha un suo creatore, o sono solo le nostre ambizioni e paure a generare i mostri?

Nelle sale italiane dall’11 maggio distribuito da 20th Century Fox Italia

CURIOSITA’
Il film è stato girato per 74 giorni tra lo studio Fox in Australia e in esterni a Milford Sound, in Nuova Zelanda (e si vede dai paesaggi da “Il Signore degli Anelli”) . E, come Alien (1979) è vietato ai minori di 14 anni, come l’autore voleva.


Links correlati
http://www.20thfox.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’Ufficio Stampa

Altri articoli di interesse
15-6
Cinema
Io danzerò
di José de Arcangelo
15-6
Cinema
LADY MACBETH
di Claudio Fontanini
7-6
Cinema
DUE UOMINI, QUATTRO DONNE E UNA MUCCA DEPRESSA
di José de Arcangelo
7-6
Cinema
Quando un padre
di Cristina Giovannini
1-6
Cinema
UNA VITA-UNE VIE
di José de Arcangelo
1-6
Cinema
WONDER WOMAN
di José de Arcangelo
25-5
Cinema
Ritratto di famiglia con tempesta
di Claudio Fontanini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma