sabato 19 agosto 2017 ore 03:53   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
giovedì 6 aprile 2017
di Claudio Fontanini
Piccoli crimini coniugali
Thriller coniugale da camera per Alex Infascelli: una guerra dei sessi con Castellitto e la Buy
Un uomo e una donna viaggiano in macchina verso casa. Lui ha un vistoso cerotto sulla nuca e dopo aver aperto la porta confessa di non riconoscere la moglie e di non ricordare nulla del suo passato. Inizia da qui un enigmatico corpo a corpo dialettico tra due solitudini che, come in un ambiguo gioco di specchi, tentano di mettere in ordine i tasselli di un matrimonio alla deriva.
Tratto dall’omonimo best-seller del 2003 di Ѐric-Emmanuel Schmitt (edito in Italia da E/O), Piccoli crimini coniugali di Alex Infascelli è una sorta di thriller coniugale da camera (il terzo protagonista del film è l’appartamento labirintico, appartenuto in passato a Silvana Mangano) che strizza l’occhio a Carnage concentrando la guerra dei sessi sulla coppia Castellitto-Buy.

Tra flash emotivi e strane associazioni (l’uomo snocciola a memoria la tabellina del 7 e l’alfabeto greco), pillole e bicchieri di vino rosso, foto incorniciate e dediche a se stessi, accuse e rancori, sermoni cinici, dubbi amletici (e se quella amnesia temporanea fosse tutta una messa in scena?) e sogni ad occhi aperti (“Quello di ogni donna è riaddomesticare il proprio uomo dopo 20 anni di matrimonio” confessa la Buy), il film di Infascelli scarnifica sentimenti e stile cinematografico finendo dritto nelle grinfie del teatro filmato che per giunta ripresenta pure l’accoppiata psicologo-paziente del divano televisivo di “In Treatment”.
Bravi e in sintonia i due attori, per carità, ma alla fine resta una sensazione di déjà-vu e di una coazione a ripetere che non giova all’andamento del prodotto.

Ci volevano più coraggio e ambiguità e invece la regia di Infascelli (a due anni da “S is for Stanley”, il bellissimo documentario sulla vita di Emilio D’Alessandro- l’autista personale di Kubrick- che gli è valso il David di Donatello per il miglior documentario e una nomination agli European Film Awards) si limita ad osservare come in un acquario due anime in pena e in fuga da se stessi.
Non bastano così le belle musiche d’ambiente di David Nerattini e dello stesso Infascelli (c’è anche l’inserto di “I feel love” di Donna Summer in una scena chiave del film) a tener desta l’attenzione dello spettatore su questo dialogo terapeutico lungo 90’ e che dipinge alla fine la coppia come un’associazione di assassini che ha nella famiglia l’alibi supremo. Anche perché, come afferma Castellitto in sottofinale “amare è una fantasia che non appartiene alla nostra epoca”.        
 
Nelle sale 6 aprile ditribuito da Koch Media

Links correlati
http://www.kochmedia.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal Web

Altri articoli di interesse
3-8
Cinema
Annabelle 2
di José de Arcangelo
27-7
Cinema
Nemesi
di Claudio Fontanini
13-7
Cinema
Cane mangia cane
di José de Arcangelo
28-6
Cinema
Le Ardenne-Oltre i confini dell’amore
di Claudio Fontanini
28-6
Cinema
CODICE CRIMINALE
di Claudio Fontanini
22-6
Cinema
PARLIAMO DELLE MIE DONNE
di Claudio Fontanini
15-6
Cinema
Io danzerò
di José de Arcangelo

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma