giovedì 23 marzo 2017 ore 03:10   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
mercoledì 15 marzo 2017
di José de Arcangelo
John Wick 2
Nuovo capitolo dell’action film con morti e sparatorie diretto da Chad Stahelski ex stunt di Reeves
Ritorna il leggendario killer che ha riacceso la stella di Keanu Reeves, John Wick in un capitolo 2 all’insegna della vendetta più spietata in un surplus di azione, sparatorie e morti (141 cadaveri su 84 del primo), ovviamente sempre diretto da Chad Stahelski alla sua seconda regia, dopo essere stato – non a caso – stuntman e controfigura di Reeves nella trilogia di Matrix, non solo.
Questo nuovo capitolo è una sorta di mix tra il classico film d’azione, i fumetti e i video games di ultima generazione, e l’esile sceneggiatura (di Derek Kolstad) poggia tutta o quasi su azione e violenza, sulle ottime coreografie degli scontri a mani nude o armate (anche da matite) e gli ‘imperiali’ scenari della Roma antica: dalle Terme di Caracalla a Piazza San Pietro, dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Piazza Navona, dal Museo Centrale del Risorgimento all’Antica Libreria Cascianelli, dal Rione Monti al Campitelli.

A New York, invece, le riprese si sono svolti dal tetto del Rockefeller Center ad uno storico negozio di sartoria (per il sarto italiano di John) a Bushwick;  da Les Halles di Park Avenue French al locale Tao nel Meatpacking District.
Se nel primo capitolo John Wick aveva deciso di uscire dal giro ma era costretto a ritornare in campo per vendicare la moglie e la sua più adorata macchina, ora è costretto a rimettersi in gioco perché vincolato da un giuramento di sangue da un boss italiano, Santino D’Antonio (un Riccardo Scamarcio giusto nel ruolo dello spietato bel tenebroso), che già gli ha distrutto la casa.

Deciso (ma non convinto) ad aiutarlo vola a Roma, insieme al suo cane, dove scopre che per saldare il suo debito deve uccidere la sorella del boss, Gianna D’Antonio (Claudia Gerini in versione imperatrice del crimine), perché è stata nominata erede al comando della Camorra in Italia e quindi ad occupare un posto nel Tavolo alto della criminalità internazionale.
Ma, ovviamente, ogni azione ha delle conseguenze e, compiuta la missione, dovrà affrontare alcuni dei più spietati killer del mondo sguinzagliati contro di lui.

Puro intrattenimento per appassionati del genere, più virtuale che realistico, con un protagonista più vicino al supereroe (del male) che lotta con i ‘cattivi più cattivi del mondo’ e si avvia verso l’immortalità perché, ovviamente, ne uscirà vivo anche nel finale aperto – di ritorno a New York - in cui si afferma che dal ‘giro’ non se ne esce mai vivo… realmente. Probabilmente il terzo capitolo ci sarà – dato che Wick dovrà lottare per la sua sopravvivenza - visto l’inaspettato successo internazionale del primo (in Italia ha incassato 1.645.274 euro) e le aspettative createsi intorno a questo.
Quindi tanta azione, migliaia di spari che potrebbero scalfire i millenari monumenti della Capitale, non fosse che il digitale permette di ‘ritoccare’ questi particolari, schizzi di sangue inclusi.

E Roma, in cui si svolge tre quarti di film, da cornice diventa protagonista, grazie anche alla fotografia di Dan Laustsen, già collaboratore di Guillermo del Toro, mentre le scenografie di Kevin Kavanaugh e i costumi di Luca Mosca ricreano ambienti e atmosfere barocche al limite del kitsch che ben si addicono all’impero (decadente) del crimine organizzato.
Nel cast Lance Reddick (Charon), John Leguizamo (Aurelio, il meccanico amico di John), Ian McShane (Winston), Bridget Moynahan (Helen Wick) e le new entry Ruby Rose (Ares, spietata killer), reduce del successo nel serial “Orange is the New Black”, il rapper Common (Cassian, capo della sicurezza di Gianna) e Laurence Fishburne (Bowery King, capo di una rete di senzatetto killer insospettabili), che era coprotagonista, accanto a Reeves, in Matrix.

Nelle sale italiane dal 16 marzo distribuito da Eagle Pictures

Links correlati
http://www.eaglepictures.com

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dall’Ufficio Stampa

Altri articoli di interesse
22-3
Cinema
ELLE
di Claudio Fontanini
20-3
Cinema
IL PUGILE DEL DUCE
di José de Arcangelo
16-3
Cinema
The Ring 3
di José de Arcangelo
16-3
Cinema
PINO DANIELE-IL TEMPO RESTERA’
di Claudio Fontanini
16-3
Cinema
Chi salverà le rose?
di Claudio Fontanini
15-3
Cinema
UN TIRCHIO QUASI PERFETTO
di Cristina Giovannini
9-3
Cinema
Phantom Boy
di José de Arcangelo

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma