giovedì 23 marzo 2017 ore 03:12   
Torna alla home page
 
Torna la home page Home Page La redazione Agenda Archivio notizie  Contatti 
 Aggiungi a preferiti 
 

Cerca nel sito



 

Mailing list

 Sesso: 
M F
 Età: 

indirizzo email

leggi regolamento


 

 

Realizzazione:
www. Siti.Roma.it

 

Home » Cinema » Recensioni  
giovedì 9 marzo 2017
di Claudio Fontanini
QUESTIONE DI KARMA
Il regista di "Se dio vuole" crea una nuova coppia comica: Elio Germano e Fabio De Luigi
Uno (Fabio De Luigi) è timido, colto e sensibile; l’altro (Elio Germano) è estroverso, superficiale e indebitato fino al collo con mezza città. Personaggi agli antipodi, Giacomo e Mario si ritroveranno in quelli di un figlio e di un padre reincarnato in “Questione di Karma”, seconda regia cinematografica di Edoardo Falcone a tre anni da
Uno (Fabio De Luigi) è timido, colto e sensibile; l’altro (Elio Germano) è estroverso, superficiale e  indebitato fino al collo con mezza città. Personaggi agli antipodi, Giacomo e MariO si ritroveranno in quelli di un figlio e di un padre reincarnato in Questione di Karma, seconda regia cinematografica di Edoardo Falcone a tre anni da “Se Dio vuole” con l’accoppiata Gassmann-Giallini.
Orfano a 4 anni (il padre s’è suicidato per ragioni oscure), Giacomo è lo stravagante erede di una fabbrica di matite ma al lavoro da scrivania e al business ha sempre preferito lo studio delle filosofie orientali, le arti marziali e il suono della zampogna.

A portare avanti l’azienda ci ha pensato il vecchio amministratore delegato (un irresistibile Eros Pagni) che nel frattempo è diventato il nuovo compagno della madre (Stefania Sandrelli) alla quale ha dato un’altra figlia (Isabella Ragonese).
Incapace di superare il vecchio trauma, quel quarantenne irrisolto che crede nella reincarnazione delle anime si rivolge così ad un anziano studioso francese (Philippe Leroy) che gli indica nel corpo di un improbabile romano la nuova sede del suo vecchio genitore.

Tra lo stupore e lo sconcerto di quel cinico furfante che ha i suoi problemi in famiglia (moglie e figli non lo considerano e lo trattano come un estraneo) ecco che a poco a poco Mario Pitagora inizia a stare al gioco (tanto più che fioccano soldi e assegni firmati da Giacomo) e, sotto mentite spoglie, ad avvicinarsi sempre di più al cuore e alla mente di quell’uomo in cerca di affetto e comprensione.
Tra equivoci e dialoghi affilati, contatti energetici e passaggi in ambulanza, giubbotti antiproiettili in cantina e registi giapponesi di culto (ma non per tutti…), Questione di Karma ha il merito di staccarsi dall’ondata di commedie italiane risolte a colpi di gag puntando invece su una solida scrittura (sceneggiatura firmata dal regista con Marco Martani) e sulla direzione degli attori.

Tutti bravi e utilizzati peraltro in ruoli inediti con un De Luigi lunare e in sottrazione piuttosto che nella consueta versione macchiettistica e un Elio Germano ispirato e leggero che dimostra tutta la sua bravura e la sua mimetica aderenza al personaggio anche sul versante brillante. Spunto metafisico, mano lieve e divertimento assicurato insomma per questa bella commedia umana che mette i scena il tempo che passa e l’affannosa ricerca del proprio posto nel mondo (“Devi essere il padre di te stesso” dice Leroy a De Luigi) attraverso una comicità non priva di riflessioni e che non ricorre mai all’effetto facile.

Risate di testa e non di pancia e l’effetto è un po’ quello della canzone di Gabbani che ha trionfato a Sanremo. Peccato soltanto per la fastidiosa ed insistita voce fuori campo iniziale e finale (davvero inutile lo spiegone sentimentale) che sembra provenire da un altro film.
Ma perché tutti i film italiani ormai iniziano con questo stratagemma anticinematografico che li fa somigliare a favolette per bambini?
Nelle sale dal 9 marzo con Distribuzione 01

Links correlati
http://www.01distribution.it

 
Segnala a un amico
Vi è piaciuto questo articolo? Avete commenti da fare?
Scrivete alla redazione
 












Foto dal Web

Altri articoli di interesse
22-3
Cinema
ELLE
di Claudio Fontanini
20-3
Cinema
IL PUGILE DEL DUCE
di José de Arcangelo
16-3
Cinema
The Ring 3
di José de Arcangelo
16-3
Cinema
PINO DANIELE-IL TEMPO RESTERA’
di Claudio Fontanini
16-3
Cinema
Chi salverà le rose?
di Claudio Fontanini
15-3
Cinema
John Wick 2
di José de Arcangelo
15-3
Cinema
UN TIRCHIO QUASI PERFETTO
di Cristina Giovannini

 
© Cinespettacolo.it - Direttore Responsabile: Anna de Martino - Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Roma